RSS Facebook Twitter

Importanza del break

Tecnica, tattica, sistemi e materiali di gioco

Messaggioda giggi » martedì 8 marzo 2005, 15:52

Gianni ho notato la spaccata di Archer, è come dici tu. Anche Hohmann usa la stessa tecnica. Avrò visto 5-6 break loro e i risultati non sono stati granchè, capisco che è un campione piccolo per dare un giudizio, ma la maggior parte delle volte la bianca è stata colpita da un'altra palla del rombo e respinta verso la sponda corta di break. Mi sembra che Strickland invece dia un leggero effetto in basso-laterale alla battente verso la sponda lunga del lato da cui spacca, mi è sembrato più "efficace" mi puoi confermare questa impressione?
giggi
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 121
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 12 febbraio 2004, 17:53
Località: Roma

Messaggioda Gianni » martedì 8 marzo 2005, 22:37

Archer e Hohmann addoperano due tecniche diverse. Archer alla fine della spaccata ha la stecca per aria, all'altezza delle spalle davanti a se, mentre Hohmann la stecca, per meglio dire la punta é schiacciata sul panno e il calcio della stecca viene alzato.

Chiaramente entrambi cercano il controllo della battente, e questo.....per quanto sia perfetto il break, ci vuole anche un pò di fortuna. Se la battente viene colpita dalle bilie....c'é poco da fare.
Come hai constatato, Strickland da un pò di effetto, la battente colpisce la 1, e va verso la sponda laterale, qui con l'effetto ritorna al centro del tavolo, anche Efren Reyes addopera questo sistema, anche se non sempre.....normalmente questo si esegue quando si vuole fare la 1 al centro. Molto importanti sono anche lo stato del panno, la larghezza delle buche e per finire la qualita delle bilie. Le bilie Brunswick pesano attorno i 168-170 grammi a bilia, se prendi le Aramith, le meno costose non arrivano a 160 grammi l'una, quindi 9 bilie a 10 grammi l'una....ti puoi pensare....una differenza di 100 grammi. Il break di Strickland anni fà era molto meglio, vedi campionati del mondo 1992, adesso mi sembra a confronto degli altri con dei buoni break......la sua bianca viaggia molto per il tavolo.
Strano che Archer e Hohmann non abbiano spaccato bene,  che riprese sono, di quale torneo?
Ho giocato nel 2000, per (io 2 , lui 4 )giorni vicino a Archer, ad un eurotour in  Portogallo, era il suo primo eurotour, ha fatto fuori tutta l'elite europea senza battere ciglio.
Gianni
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2488
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 22 marzo 2004, 13:27
Località: Zurigo

Messaggioda Spiderman » martedì 8 marzo 2005, 22:46

A mio parere il miglior break (di quelli che ricordo) ce l'ha Shannon Daulton, mai visto un controllo della bianca combinato ad una potenza così inaudita. E di Bustamante che diciamo? Punta la 1 a sinistra, compensa col massimo effetto a sinistra, alza la gambetta e la bianca muore a centro tavolo con le bilie rimaste (di solito 6 o 7) distribuite perfettamente.
Spiderman
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2020
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 18 maggio 2004, 11:32
Località:

Messaggioda giggi » mercoledì 9 marzo 2005, 0:36

Gianni i filmati di cui ti parlo si riferiscono alla mosconi cup 2003. In effetti la stecca di Archer va per aria mentre quella di Hohmann (come quella di Souquet, Jones, Van den Berg etc etc) struscia sul panno... però il risultato è simile. In entrambi i casi la battente prende la uno non proprio piena, saltella e rimane a centro tavolo, sempre se non viene presa da qualche altra bilia. In quella Mosconi Cup ha giocato anche Steve Davis, il quale non ha mai usato una stecca da break, ma ha spaccato e giocato praticamente con una stecca da snooker "accorciata", e nonostante non avesse una tecnica di break particolarmente valida (a mio giudizio) ha rifilato un secco 5-0 a Strickland... mica male!
giggi
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 121
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 12 febbraio 2004, 17:53
Località: Roma

Messaggioda Gianni » mercoledì 9 marzo 2005, 7:21

La stecca di Davis, é costruita con lo stesso materiale delle stecche da snooker, molto rigida, unica differenza la ghiera e di plastica come quasi tutte le stecche da pool. Il diametro del puntale e un 12 mm. Come vedi, su di un panno nuovo, non occorre quel grande break, poi spaccando piano o controllato si lasciano parecchie bilie vicine e quasi tutte in una meta del tavolo, la partita é più difficile da finire. Al contrario, vedi giocatori che spaccano con una forza incredibile, imbucano 3 o 4 bilie......compresa la battente ...... l'avversario non ha difficoltà, con bilia in mano a fare le 5 o 6 bilie rimaste.

Quindi la forza non conta,...... se non c'é il controllo.

(Sembra uno spot pubblicitario della Pirelli)
Gianni
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2488
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 22 marzo 2004, 13:27
Località: Zurigo

Messaggioda crazyclimber » giovedì 10 marzo 2005, 10:29

visto che questo we si gioca il palla 8... qual'è secondo voi il break migliore in questa specialità?

wazzzzz uuuuuuuup????
crazyclimber
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 119
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 17 dicembre 2004, 20:30
Località:

Messaggioda Spiderman » giovedì 10 marzo 2005, 12:28

Io a palla 8 spacco da posizione intermedia tra il centro e la sponda lunga, più forte che posso, cercando comunque di lasciare la bianca al centro. Me lo suggerì Sandor Tot subito dopo aver vinto l'oro agli europei di palla 8, fonte quindi "abbastanza" attendibile...
Spiderman
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2020
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 18 maggio 2004, 11:32
Località:

Messaggioda crazyclimber » giovedì 10 marzo 2005, 12:33

ma quale biglia miri?
se non ricordo male, non è obbligatorio colpire la prima biglia del triangolo... in effetti molti colpiscono la seconda con colpo sotto, in modo che il triangolo si apra (non come farebbe colpendo la prima), e la bianca non si sposti di tanto

wazzzzz uuuuuuuup????
crazyclimber
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 119
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 17 dicembre 2004, 20:30
Località:

Messaggioda Claus72 » giovedì 10 marzo 2005, 12:42

Io a palla 8 uso una tecnica che qualcuno, non so chi, chiamò double-break: invece di tirare sulla palla al vertice del triangolo tiro sulla seconda biglia con colpo leggermente al di sotto del centro e leggero effetto contrario, posizionando la battente sulla linea di testa a un diamante di distanza dalla corta. In questo modo , una volta colpita la sponda lunga, la bianca ritorna sul triangolo...e fa una strage.
Non so se sia una stupidaggine, ma a me funziona abbastanza bene. Un' altra cosa di cui non sono sicuro è se è regolare, oppure bisogna spaccare tirando obbligatoriamente sulla biglia al vertice? Se è così...dimenticate quanto scritto

________________________
No es la adversidad la que separa los seres, sino el crecimiento... Pablo Neruda
Claus72
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 3129
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 21 dicembre 2003, 21:29
Località: Santo Domingo

Messaggioda Gianni » giovedì 10 marzo 2005, 13:23

Specialmente quando le partite sono molto importanti.......esempio campionati Europei, molti spaccano sulla seconda bilia, break svedese,  con un pò di effetto dal lato della sponda. Questo break, con pochissima forza, viene usato anche come partenza nel "One Pocket) visto che facilmente si imbuca la bilia di angolo del lato opposto al lato cui si mette la battente.  Anche a palla 8, un tempo in America, chi faceva l'8 in break aveva vinto, e con questo break l'8 si fa spesso.  Quando si gioca su di un tavolo dove si ha difficoltà ad imbucare con i break tradizionali, eseguendo questo break, magari con poca forza, si lascia nel caso non cada niente una partita molto difficile e molte bilie lungo la sponda dal lato che si spacca. Si risparmia energia e si controlla la battente. Certi giocatori piuttosto furbi....si scusano persino con l'avversario per il brutto break.   :D  :D
Gianni
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2488
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 22 marzo 2004, 13:27
Località: Zurigo

Messaggioda jerruzzo » giovedì 10 marzo 2005, 13:39

Ma la spaccata sulla seconda biglia, come si esegue esattamente? cioè posizione iniziale, forza, effetto...
E inoltre il risultato permette una chiusura o un difficile proseguimento per l'avversario?
Scusate ma non ho capito molto bene questa spaccata.
Io fino ad ora ho spaccato sempre come dice Efren.


Mi illumino di immenso.
jerruzzo
Non connesso
Utente Nazionale
 
Messaggi: 615
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 4 novembre 2003, 16:24
Località: Torino

Messaggioda Gianni » venerdì 11 marzo 2005, 10:52

Il break Svedese come viene chiamato in gergo.....si esegue quando si voglia raggiungere certi scopi o vi sono certe situazioni:

situazione molto importante, il tavolo e le dimensioni delle bucche, come avrai già notato....a volte, con i break tradizionali entrambi i giocatori non riescono ad imbucare una bilia.........quindi questo break é un'alternativa.....visto che si fà quasi al 100 x 100 una bilia.


A volte si sceglie questo break per rompere il ritmo dell'avversario....piuttosto in palla, che con bilie aperte chiude tutte le partite.

O a seconda del risultato.
Con questo break si ha una buona possibilità di controllare l'incontro, in quanto se cade una bilia posso restare al tavolo e posso scelgliere il gruppo di bilie in migliore posizione. Se mi accorgo dopo aver scelto il gruppo,  che la contellazione é troppo difficile o poco sicura per avere successo, posso sempre giocare...difesa e aspettare.

Si esegue mettendo la battente a una bilia o due di distanza dalla sponda laterale lungha, per esempio, normalmente io eseguo questo break dalla sponda destra, si colpisce la battente con un colpo sotto con mezzo cuoietto di effetto sulla destra, si mira a prendere la bilia della seconda fila il più piena possibile, se si sfiora la prima bilia, la bianca é di solito in buca d'angolo. La battente dopo aver colpito la seconda bilia, va verso la sponda destra e l'effetto la riporta al centro tavolo....qui bisogna guardare la reazione della battente, troppo o troppo poco effetto e la battente scompare nella buca al cento sinistra.

La forza....dipende se vuoi attacarre o controllare il gioco........
se vuoi controllare addoperi metà della forza che addoperi normalmente per il break, o anche meno......resteranno molte bilie vicine alla sponda dal lato che hai spaccato, ho visto ai campionati europei un austriaco, Strotges Willy che dopo il break ha lasciato 16 bilie tra la buca centrale e la buca di testa, e al massimo 20 cm dalla sponda,  si é persino scusato per il brutto break, l'avversario ci é cascato, ha provato a finire la partita ma dopo 4 bilie si é dovuto arrendere, per l'appunto 15 bilie con solo due bucche a disposizione non é facile, quindi si arriva quasi sempre al tavolo.

Se invece attacchi, addoperi l'80 x% della forza, puoi fare una bilia e finire la partita .....in tutti i casi conviene provare e guardare i risultati ottenuti....e come giocare a scacchi....se non conosci bene l'apertura......conviene farne un'altra dove si conoscono pregi e difetti.

Se spacchi dalla sponda sinistra, l'effetto  va anche a sinistra, bisogna inoltre dire ........anche senza effetto, solo con il colpo sotto ho avuto dei buoni buoni risultati,....bisogna provare.

Come già detto sopra, questo break va addoperato a seconda della situazione, anch'io comincio con il mio break standar, (il mio traguardo, é finire più partite di fila, possibili,) se non sono contento, provo ad esperimentare con la forza, dopodiche, se non sono ancora contento, cambio posizione, (magari guardo da dove spacca il mio avversario) e se vedo che mi stanco solamente, a tirare bordate senza fare bilia, arriva il break sulla seconda bilia.

Spero di esserti stato d'aiuto......e quando lo provi, fammi sapere cosa ne pensi.
Gianni
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2488
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 22 marzo 2004, 13:27
Località: Zurigo

Messaggioda jerruzzo » venerdì 11 marzo 2005, 11:18

Grazie mille Gianni.
Sei stato molto esauriente..davvero!
Spero di non dare fastidio nel chiedere certe cose che magari sono frutto di pazienti ricerche e magari di investimento (tempo e denaro).
Purtroppo le mie conoscenze (e quindi capacità) sono "limitate" all'apprendimento di tecniche viste qua e la nei vari campionati italiani e open e successivamente migliorate (o peggiorate) da me stesso.

Da quando conosco il mondo di internet si sono aperti un sacco di orizzonti, e qui in biliardoweb ho trovato il mio pasto quotidiano di biliardo (a 360°).

Bene Gianni, sappi che alla prossima manifestazione in italia ti devo una birra...e se c'è dffmade sono 2...e se magari efren te ne vuole offrire un'altra sono 3....insomma, ti troveremo a dormire sotto un tavolo da pool tutto disfatto...ImmagineImmagineImmagineImmagine

Non è che sei come Sandor Tot:più beve e più gioca meglio?

ciao Gianniiiiii

Mi illumino di immenso.
jerruzzo
Non connesso
Utente Nazionale
 
Messaggi: 615
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 4 novembre 2003, 16:24
Località: Torino

Messaggioda borlo105 » venerdì 11 marzo 2005, 17:22

Ciao a tutti.
x Gianni, non ti ricordi di me sicuramente perchè come dice Tom alias Efren proprio quando ci stavo dando dentro veramente ho incontrato la mia futura moglie e mi sono sposato 2 anni dopo, adesso gioco 1 volta o 2 alla settimana. Una volta abbiamo giocato contro in una finale di batteria a Bologna e hai vinto tu di 1 o 2 triangoli.
Poi ci siamo visti in un torneo a Zurigo dove ho battuto Patrick Mennillo che alla fine è arrivato 3°. Io ero con Pascucci.
Approfitto per salutarti.

Per quanto riguarda il break, visto che Efren mi ha tirato in causa posso dire che ci ho lavorato.Io facevo il croupier. Nella roulette si riesce a mandare la pallina in un settore di numeri prescelto calcolando delle varianti e cercando dove si può di farle diventare delle costanti,con la tecnica. La velocità della ruota, la velocità della pallina si possono controllare con la sensibilità e il ritmo (molto importante anche a pool); i rombi posti sul piatto quelli no e sono quelli che non permettono di mandare la pallina sul numero esatto ma la fanno rimbalzare in uno di quelli vicini (il più delle volte).
Per il break è lo stesso aumentando o diminuendo la forza controllo la 1 in base alla velocità del panno. Se la bianca rimane in mezzo al tavolo ma la 1 si attacca al centro o poco più in là della sponda corta non ho gioco facile per proseguire.
Metto la stecca in linea e traccio una linea immaginaria in modo da colpire la 1 esattamente al centro perchè non avendo la buca come riferimento mi manca il 3° punto per congiungere la bianca la uno e la buca, quindi è facile colpirla un po' più a destra o più a sinistra.
Il triangolo: mai fidarsi dei piccoli buchi già esistenti sul panno ma controllare sempre la posizione della 1 e al limite far caso a dove picchia la wing ball.Nel caso sposto più in su o più in giù il triangolo.
Il corpo arriva un attimo dopo che ho penetrato la bianca perchè muovendolo insieme rischio di perdere il punto di mira (come in qualsiasi tiro se muovo il corpo prima che il colpo sia finito sbaglio).Quindi tiro la steccata e faccio seguire il corpo . La stecca va sul panno.L'impatto con la bianca è pressocchè un girello sotto la pancia, a volte quando tiro davvero forte è un girello sopra e schiaccio la stecca sul panno.La bianca ha una grande rotazione ma le forze si annullano e la fermano al centro del tavolo.
Ciao a tutti a Tom $ Jerry.
borlo105
Non connesso
Utente
 
Messaggi: 11
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 17 giugno 2004, 15:39
Località: genova

Messaggioda Spiderman » venerdì 11 marzo 2005, 18:15

Alla prossima offro una birra a Gianni, una a Jerry e una a dffmade. Alla faccia del genovese... :D
Spiderman
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2020
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 18 maggio 2004, 11:32
Località:

PrecedenteProssimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: ton968 e 16 ospiti

Login Form

Chi c’è in linea

In totale ci sono 17 utenti connessi :: 1 iscritto, 0 nascosti e 16 ospiti
Record di utenti connessi: 1297 registrato il domenica 12 giugno 2016, 22:21

Visitano il forum: ton968 e 16 ospiti