RSS Facebook Twitter

Chiarimento su "Capitolo V - I FALLI"

Comunicati ufficiali, domande e risposte: interagisci con un rappresentante ufficiale della FIBiS

Chiarimento su "Capitolo V - I FALLI"

Messaggioda mfini » venerdì 18 agosto 2017, 13:42

Da giugno avevo posto un quesito nella sezione free a cui non ho avuto risposte, visto che si avvicina settembre lo ripropongo qui.
Qualcuno sarebbe così gentile da chiarire cosa si dovrebbe fare per rientrare nella casistica espressa in
Capitolo V - I FALLI
Articolo 24 - I falli
3. I seguenti falli sono penalizzati con una penalità di punti 2 da assegnare all’avversario, unitamente ai punti eventualmente realizzati (birilli e/o pallino) nel tiro in cui è stato commesso il fallo e con l’aggiunta del tiro con "bilia libera" all’avversario:
v) violazione di ogni altra disposizione di cui al presente Regolamento quando ciò sia specificatamente previsto.
mfini
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 131
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 7 ottobre 2015, 15:09

Re: Chiarimento su "Capitolo V - I FALLI"

Messaggioda FiloDirettoFIBiS » mercoledì 23 agosto 2017, 10:37

Buongiorno Signor Marco Fini.
Avendo avuto modo di imbatterci qua e là in alcuni Suoi post ed avendo ora letto il quesito da Lei rivolto, non possiamo che complimentarci con Lei: è davvero uno studioso attento e meticoloso di regolamenti e normative federali. Dispiace un po' che Lei, da quanto abbiamo potuto capire, non sia un tesserato perchè di gente così ce ne sarebbe proprio bisogno in ambito federale.
Passando alla Sua domanda: quanto scritto alla lettera v non è altro che una disposizione "di chiusura". Il redattore, per evitare personali dimenticanze, ha preferito cautelarsi inserendo la predetta precisazione per l'ipotesi in cui, in effetti, ci fossero altri articoli nel Regolamento di Gioco che contemplassero casi analoghi (falli che comportano l'assegnazione di due punti e bilia libera).
E' una tecnica "retorica" che non è infrequente ritrovare nella redazione di norme.
D'altronde come dice il proverbio? "Sarto che non fa il nodo il punto perde". Ecco, diciamo che la lettera v costituisce il "nodo" che dovrebbe impedire al redattore/sarto di fare brutte figure.
Cordiali saluti.
Ultima modifica di FiloDirettoFIBiS il mercoledì 23 agosto 2017, 10:37, modificato 1 volta in totale.
FiloDirettoFIBiS
www.fibis.it
FiloDirettoFIBiS
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Master
 
Messaggi: 207
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 11 settembre 2016, 11:11
Località: Italia

Re: Chiarimento su "Capitolo V - I FALLI"

Messaggioda mfini » domenica 27 agosto 2017, 10:57

Io non sono uno studioso di regolamenti; mi piace giocare a biliardo e giocare nel pieno rispetto delle regole codificate.
Non ho fatto studi classici, non conosco le tecniche retoriche, mi pare che questa disposizione di chiusura sia tutt’altro che chiarificatrice. E’ come se nel regolamento del calcio, nella sezione dedicata ai falli da rigore, trovassimo un’indicazione del tipo: “Rigore è quando arbitro fischia”, buona come battuta, come chiacchera da bar, non certo chiarificatrice di situazioni di gioco.
Nel caso specifico, stiamo trattando della revisione di un regolamento preesistente che già prevedeva un elenco di situazioni di gioco; quali situazioni fallose potrebbero essere state tralasciate?
Se ci si è sentiti in dovere di cambiare delle regole di gioco, bisognerebbe avere le capacità di aver reso più chiaro quello che precedentemente non andava bene, altrimenti, forse era meglio lasciare le cose come stavano.
A proposito di chiarezza, osservo che nella sezione dedicata ai falli viene proposto un elenco di situazioni di gioco contrassegnate da lettere dell’alfabeto, curioso il fatto che manchino le lettere i) e l).
Se nel fare copia e incolla dal regolamento precedente si è deciso di non includere le due situazioni contrassegnate da i) e l) nella vecchia versione, forse, sarebbe stato il caso di modificare opportunamente la tabellazione.
Se poi puntiamo l’attenzione sul punto i) della vecchia versione, non inserito nel nuovo regolamento, viene da pensare che, stando alle nuove disposizioni, in qualsiasi momento un giocatore sia autorizzato a “toccare o spostare una o più bilie per togliere un corpo estraneo senza chiedere all’Arbitro di farlo”, del resto prima poteva venire il dubbio sul fatto che l’arbitro potesse autorizzare il giocatore a toccare una bilia per togliere un capello, pertanto l’articolo in questione si sarebbe potuto migliorare, ma a toglierlo sorge spontanea la domanda che Vi giro, in attesa di una Vostra risposta: “Stando alle nuove disposizioni del regolamento, può un giocatore toccare una bilia per togliere un corpo estraneo?”
Sempre a riguardo di modifiche al vecchio regolamento, vi ci si trovava  “art. 5, punto 1, paragrafo c:
"Il giocatore durante la partita, previa autorizzazione dell’Arbitro, può utilizzare una o più stecche o parte di esse sempreché siano omologate dalla FIBiS". Ora  la cosa è stata completamente soppressa, ne consegue la domanda :”Durante la partita è ammasso l’uso di più di una stecca?”. Anche in questo caso si rimane in attesa di una Vostra delucidazione.
Quanto all’affermazione: “Dispiace un po' che Lei, da quanto abbiamo potuto capire, non sia un tesserato perchè di gente così ce ne sarebbe proprio bisogno in ambito federale.”, non riesco a capire se si tratti di una presa di coscienza di inadeguatezza da parte di qualcuno, oppure l’offerta di un posto nella CTN non appena avessi espletato le formalità per il tesseramento, o piuttosto, di una forma retorica di presa in giro.
mfini
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 131
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 7 ottobre 2015, 15:09

Re: Chiarimento su "Capitolo V - I FALLI"

Messaggioda FiloDirettoFIBiS » giovedì 31 agosto 2017, 11:22

Egregio Signor Marco Fini,
prendiamo atto che la tecnica di normazione utilizzata non è di Suo gradimento.
Facciamo presente che ci sono almeno tre casi interessati dal rinvio generale operato nell'art. 24 Lett. V: art. 18, 3° comma, art. 23, 2° comma e art. 26, 1° comma. Quindi il rinvio operato non è privo di significato mentre fuori luogo appare il Suo ironico riferimento al fallo da rigore di boskoviana memoria.
Quanto alle lettere elencate all'art. 24, Lei ha ragione: c'è un refuso dovuto ad un problema "di formattazione". Il file, per le importanti dimensioni, per l'appesantimento determinato dalle immagini contenute e dalle plurime revisioni del testo comunque memorizzate, ha perso di "stabilità". Il word, quando viene aperto, riporta, in alcune parti, spaziature strane o numerazioni incoerenti. Alla fine quel salto di lettere era purtroppo sfuggito al momento della pubblicazione.
Comunque non si preoccupi, come già programmato, oggi è stata pubblicata una nuova versione che contiene le lettere corrette oltre ad altre piccole modifiche e/o integrazioni del Regolamento.
La lettera i del Regolamento vecchio non era indispensabile perchè ipotesi "coperta"  dalla nuova lettera r (ora nella versione oggi pubblicata: lettera n.
Peraltro continuiamo a restare sorpresi dalla Sua meticolosa ed indefessa opera di studio e di critica ai regolamenti approvati ed attuati da una organizzazione nei confronti della quale, pur sostenendo di non farne parte, non ha l'atteggiamento che sarebbe lecito ritrovare in uno spettatore sedicente distaccato.
Egregio Signor Marco Fini, magari ci sbagliamo, ma dobbiamo confessarLe che in cuor nostro abbiamo la sensazione che Lei sia particolarmente e direttamente interessato alla Federazione.
Cordiali saluti.
Ultima modifica di FiloDirettoFIBiS il giovedì 31 agosto 2017, 11:22, modificato 2 volte in totale.
FiloDirettoFIBiS
www.fibis.it
FiloDirettoFIBiS
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Master
 
Messaggi: 207
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 11 settembre 2016, 11:11
Località: Italia

Re: Chiarimento su "Capitolo V - I FALLI"

Messaggioda mfini » giovedì 31 agosto 2017, 22:43

Allora mi viene proprio da pensare che l’affermazione. “Dispiace un po' che Lei, da quanto abbiamo potuto capire, non sia un tesserato perchè di gente così ce ne sarebbe proprio bisogno in ambito federale.” fosse proprio una forma retorica di presa in giro, altrimenti non si spiegherebbe il dispiacere prima con la “sensazione che Lei sia particolarmente e direttamente interessato alla Federazione” dopo.
Diciamo che prendere retoricamente in giro gli interlocutori sembra essere una presa di posizione forte per chi, abitualmente, non si sbilancia perché “non si sostituisce ad altri organi e ad eventuali comunicati ufficiali”.
Ho scritto che mi piace giocare a biliardo e giocare nel pieno rispetto delle regole codificate, sostanzialmente diverso da “spettatore sedicente distaccato”.
Prendo atto che sia stata necessaria una delibera presidenziale per dare risposta ad un quesito rimasto irrisolto tra una risposta in un senso ed una in senso diametralmente opposto in questa stessa sezione fin dal lontano 10 gennaio 2017; adesso abbiamo capito che, come già concesso dal vetusto e necessariamente da modificare regolamento precedente, possiamo ancora presentarci sul biliardo e fare sfoggio del nostro “parco stecche”.
La necessità di una delibera presidenziale, pubblicata il giorno precedente la sua entrata in vigore, che va a modificare ulteriormente l’aggiornamento del regolamento appare, mi si permetta, l’ulteriore conferma di poca chiarezza.
mfini
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 131
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 7 ottobre 2015, 15:09



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

Login Form

Chi c’è in linea

In totale ci sono 4 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 4 ospiti
Record di utenti connessi: 1297 registrato il domenica 12 giugno 2016, 23:21

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti