RSS Facebook Twitter

La mia federazione ideale.

La mia federazione ideale.

Messaggioda Feliziani » lunedì 28 giugno 2010, 19:12

Ciao.
Premesso che nel mese scorso ho avuto alcuni contatti con entrambe le federazioni, ultimamente alcuni giocatori mi stanno contattando per chiedermi di entrare attivamente in una di queste.
Al di là che questo sia realizzabile o meno, non nego che la richiesta mi abbia fatto molto piacere.

Indipendentemente dalla scelta della federazione con cui eventualmente collaborare, vorrei indicarvi qual è la mia visione e capire quanti giocatori la vedono come me.

Io credo che la nostra più grossa difficoltà parta dall’avere solo 200 tesserati attivi.
Con 4000 euro di tessere (mediamente 20 euro a tessera) cosa può fare una federazione?
Tale incasso non basta a coprire nemmeno i costi per l’organizzazione, e da qui nascono tutti i problemi.

Per soddisfare le lecite esigenze di professionismo e riscontro economico dei nostri migliori atleti (che sono anche i trascinatori dei gruppi) ecco che le federazioni hanno necessità di trovare gli sponsor che, soprattutto in questo periodo, non sono in coda per proporsi.
Ma il problema di fondo non è il trovare lo sponsor, ma il restituirgli il giusto valore investito che con pochi tesserati non è possibile.

Io sono quindi di questo parere: chiunque voglia trarre beneficio economico dal pool, prima di chiedere qualcosa, dovrebbe impegnarsi a far crescere il movimento ed a creare valore.

Detto questo, se dipendesse da me, cambierei sicuramente i seguenti due aspetti.

Innanzitutto vorrei che sparisse il concetto di montepremi derivato dalle iscrizioni perché non è altro che una scommessa camuffata.
Mettere in palio 12800 Euro ottenuti da uno sponsor (è stato creato del valore) non equivale a mettere in palio 12800 Euro ottenuti da 128 giocatori che pagano 100 euro d’iscrizione (in questo caso non si crea valore, ma lo si distribuisce dai giocatori scarsi a quelli forti ed alla lunga i giocatori scarsi non parteciperanno più).
Facendo pagare sempre un’iscrizione modesta, in assenza di sponsor, metterei in palio solo i trofei ed i rimborsi spese per i vincenti.

Per seconda cosa, farei un accordo condiviso affinché il primo anno sia un anno di restrizioni dove quanto messo da parte sarà reso disponibile l’anno seguente.
In questa maniera ogni anno si garantirebbe stabilità al circuito perché ogni anno si potrebbe disporre in maniera certa di quanto accumulato l’anno precedente.
I professionisti e gli organizzatori ritengo sia giusto che vengano remunerati una volta che avranno creato valore per tutti.

Chiaramente, oltre a quanto detto, ci sarebbero molte altre cose da fare e da dire, ma eventualmente ne parleremo in altre occasioni.

Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensa ogni giocatore di pool di quanto ho scritto (sia giudizi positivi, che negativi).
Io non voglio impormi su nessuno, con il consenso dei giocatori potrei accettare l’incarico offertomi, senza il consenso rimango tranquillamente dove sono.

Vi ringrazio anticipatamente.
Ciao

Antonio Feliziani
Feliziani
Non connesso
Utente Super Master
 
Messaggi: 264
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 26 giugno 2009, 14:30

Messaggioda elliot70 » martedì 29 giugno 2010, 14:25

Ciao Antonio, come sempre dimostri di avere nei riguardi di questo sport una visione limpida e sincera e questo ti fà onore.
Inoltre vivendo oltre che da giocatore anche da organizzatore (con ottimi risultati) le problematiche del mondo biliardistico hai centrato secondo me i difetti organizzativi delle nostre federazioni.
Concordo con te per quanto riguarda la creazione dei montepremi da ripartire e come sai io sono favorevole che i premi in moneta siano appannaggio esclusivo dei professionisti come in ogni sport che si rispetti.
Credo che per arrivare a ciò bisogna lavorare sulla cultura di quanti oggi si avvicinano a questa disciplina, a partire dai club per arrivare ai vertici delle federazioni.
Il trofeo ed un rimborso spese per i dilettanti dovrebbe essere la giusta ricompensa.
Per quanto riguarda la ricerca di fondi extra iscrizioni si potrebbe chiedere un finanziamento ai club di riferimento degli atleti che dopotutto hanno un ritorno se il movimento riparte.
Per ciò che attiene un tuo ingresso in federazione non mi permetto di darti consigli credo però che il tuo lavoro debba essere premiato poichè sei riuscito a far ritornare una passione da molti perduta.
Con amicizia e stima
Marco Barile
P.S Aspetto per settembre un programma per il LAZIO  ;)
elliot70
Non connesso
Utente Attivo
 
Messaggi: 54
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 13 marzo 2007, 16:52
Località: roma

Re: La mia federazione ideale.

Messaggioda Feliziani » lunedì 5 luglio 2010, 15:19

Ciao.
Io credo che il pool in questo momento abbia una grande opportunità di rinnovamento e forse pochi se ne sono resi conto.
Mai come in questo momento tutti i giocatori sono d’accordo su una cosa: la necessità di riunirsi.

Questa scelta non potrà mai arrivare dalle federazioni perché è chiaro che nessuna delle due si metterebbe da parte per il bene del pool ed allora spetta a noi giocatori metterci d’accordo.
Mettersi d’accordo non nel senso che pochi debbano decidere da che parte stare e gli altri li debbano seguire, bensì che chiunque può proporre un programma ed un modello e chi vuole può aderirvi. Se ad aderirvi è la grande maggioranza, la soluzione è già trovata.

Alcuni giocatori mi hanno contattato per propormi come sostituto di Canevaro in Federbiliardo.
Non escludo nulla, ma qualcuno si è posto il problema dell’onere che avrà il sostituto di Enzo?
Con una base certa di soli 4000 Euro (provenienti dalle tessere), egli dovrà garantire gli open negli alberghi, dovrà garantire l’affiliazione all’EPBF, dovrà garantire le gare provinciali e regionali, dovrà garantire la presenza alle gare internazionali, juniores, a squadre e dovrà garantire tanto altro.

La conclusione credo che sia chiara a tutti: in queste condizioni al successore di Enzo è richiesto obbligatoriamente di trovare uno sponsor, altrimenti se le dovrà pagare da solo le fatture che eventualmente firmerà.

Io personalmente credo che sia questo che dobbiamo evitare, e di esempi nella storia ce ne sono molti: promettere dei soldi per avere del potere.
E molto spesso sono soldi che si ottengono sulla base di uno sponsor che, per una ragione o per l’altra, negli anni avvenire viene a mancare mettendo regolarmente in crisi l’organizzazione.

Non ho la presunzione che la mia idea sia quella vincente, ma ritengo sia sostenibile economicamente perché l’ho già dimostrato con Palla9.it.

Per il prossimo anno toglierei qualsiasi montepremi e quanto si incasserà dai tornei lo utilizzerei per le spese, per pagare l’albergo a chi partecipa agli open e per mandare spesati i nostri ragazzi all’estero. Si deve ricominciare a giocare unicamente per passione.
I proventi dal tesseramento li utilizzerei per coprire i costi fissi.
Eventuali proventi da sponsorizzazioni li metterei da parte per la prossima stagione nella quale si potrà garantire in maniera certa quanto sarà distribuito.

Ci tengo a concludere facendo i miei complimenti sinceri ad entrambe le federazioni che, forse perché hanno dato più di quello che potevano, oggi vedo un po’ stanche.
Sia Federbiliardo che Fibis quest’anno hanno fatto molto bene: Federbiliardo ha organizzato open in splendidi hotel e ci ha fatto appassionare a tutte le gare internazionali, Fibis ha organizzato open in splendidi palazzetti dello sport garantendo montepremi di gran lunga superiori a quanto incassato dalle iscrizioni.

Come detto la volta scorsa, non ho intenzione di impormi su nessuno e saranno i giocatori ad indicarmi se andare avanti ed in che modo.
Sebbene non abbia preso ancora alcuna decisione definitiva, è probabile che dopo il “Palla9.it for Big!” io chiuda Palla9.it perché non era mia intenzione creare una terza federazione ed invece mi sono reso conto che molti la vivono in questa maniera (Palla9.it doveva essere qualcosa in più dato ai giocatori, soprattutto di fascia medio/bassa).
Ciao

Antonio Feliziani
Feliziani
Non connesso
Utente Super Master
 
Messaggi: 264
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 26 giugno 2009, 14:30

Re: La mia federazione ideale.

Messaggioda Caio » martedì 6 luglio 2010, 18:32

Scusa una cosa , ma togliendo ogni montepremi non si finisce con il far pesare sui giocatori i problemi nati nelle federazioni? Non è un po' come il governo che quando le cose vanno male copre i buchi andando a intingere dalle tasche dei cittadini?
Insomma alla fine chi paga sono sempre quelli in fondo alla scala, noi "poracci"  :scusa:

Io non vedrei così catastrofica la situazione delle due federazioni, anzi, proprio in questo ultimo anno si sono visti passi concreti per sviluppare il gioco del pool.
Ok la Federbiliardo sta cambiando il presidente, ma pure la Fibis lo ha fatto pochi mesi fa, è normale che dopo anni le cose al vertice cambino, ma andiamo a guardare al concreto, come hai detto tu sia Federbiliardo che Fibis hanno fatto buone cose quest'anno nell'organizzazione dei tornei e nel promuovere il gioco e hai dimenticato forse la più importante che equivale ad una spece di unificazione, e cioè l'apertura al doppio tesseramento, che di fatto toglie una barriera fino a pochi mesi fa invalicabile.

So che nei pentoloni delle federazioni ci sono in ballo bei progetti per la prossima stagione, che non sono solo l'organizzare tornei a go-go sperando che la massa partecipi, ma azioni mirate a promuovere il prodotto che offrono, cercando di creare un movimento che coinvolga sempre più giocatori e sopratutto far conoscere ai giovani quanto è il mondo del biliardo. Quindi non solo tornei fine a se stesso, ma un un ambiente che coinvolga, incuriosisca e poi finalizzi al torneo, ma solo nella parte conclusiva, non so se mi sono spiegato bene.
Questa secondo me è la strada giusta da seguire, perchè è inutile che ci prendiamo in giro e fingiamo di non vedere la realtà, qui quello che manca non sono le strutture o la possibilità di creare tornei con montepremi più o meno elevati, qui quello che manca sono i giocatori, manca la massa curiosa che si avvicina al nostro sport e nell'allontanarsi lascia qualcuno di nuovo che da curioso si trasfoma in giocatore e ne intrprende la strada.
Poche balle ragazzi, io sono stato 15 anni senza toccare una stecca, ma quando sono tornato non ho faticato a riconoscere i giocatori perchè per il 90% erano gli stessi di quando avevo lasciato, solo con qualche annetto in più sulle spalle. Questo vuol dire che non c'è stata crescita dello sport in questi anni, che il tutto si è chiuso in un movimento chiuso che non ha prodotto i frutti necessari ad incuriosire sopratutto i giovani e creare un cambio generazionale e necessario per lo sviluppo e la crescita di ogni sport.
Ora le cose sembra stiano cambiando, si sono affaciate nuove persone ai vertici delle federazioni ( Fibis da gennaio, Federbiliardo a breve), sono allo sviluppo nuove idee che meritano secondo me di essere seguite con attenzione e aiutate nello sviluppo, io non vedo in definitiva due federazioni stanche, ma due entità con nuove persone alla dirigenza vogliose di creare e innovare il movimento con nuove idee. Si deve dar fiducia e aiutare le federazioni, altrimenti continueremo come negli ultimi anni a guardaci le punte dei piedi senza muoversi di un centimetro e per sistemare i conti, giù a intingere nelle tasche dei sempre più pochi giocatori.

Ciao

Caio
Caio
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 128
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 13 settembre 2009, 4:27

Re: La mia federazione ideale.

Messaggioda Feliziani » mercoledì 7 luglio 2010, 0:46

Ciao Caio,
secondo me è invece proprio il montepremi ad essere pagato dai “poracci”.
Su 100 giocatori che partecipano ad un open vincono qualcosa il 25% dei giocatori, mentre l’altro 75% va in perdita.
Su 100 giocatori che partecipano a 6 open, il 10% alla fine avrà vinto qualcosa, l’altro 90% una volta vince e cinque volte perde.
Togliere il montepremi (quello che non viene dagli sponsor) significa fare risparmiare il 90% dei giocatori, e non penalizzarli.

In ogni caso devo correggerti su una cosa: io non voglio togliere il montepremi, io vorrei solo garantirlo quando l’ho accantonato per dare stabilità al circuito. Ma soprattutto, non vorrei garantirlo con le iscrizioni.

Io sono sempre stato del parere che invece di far pagare 6000 euro di iscrizioni ai giocatori per restituirne 10000 in premi, preferirei non far pagare niente ai giocatori e darne 4000 in premi.
Perchè sappiamo bene che quei 6000 euro di iscrizioni pagate dai giocatori servono per arricchire un montepremi che non andrà mai ai “poracci”, ma che questi ultimi contribuiscono a formare in ogni open.

Condivido con te che quest’anno le due federazioni hanno fatto tanto e bisogna solo complimentarsi per il lavoro che hanno svolto.
:ciao:
Feliziani
Non connesso
Utente Super Master
 
Messaggi: 264
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 26 giugno 2009, 14:30

Re: La mia federazione ideale.

Messaggioda MaurizioLudomania » mercoledì 7 luglio 2010, 1:54

Feliziani ha scritto:Ciao Caio,
secondo me è invece proprio il montepremi ad essere pagato dai “poracci”.
Su 100 giocatori che partecipano ad un open vincono qualcosa il 25% dei giocatori, mentre l’altro 75% va in perdita.
Su 100 giocatori che partecipano a 6 open, il 10% alla fine avrà vinto qualcosa, l’altro 90% una volta vince e cinque volte perde.
Togliere il montepremi (quello che non viene dagli sponsor) significa fare risparmiare il 90% dei giocatori, e non penalizzarli.

In ogni caso devo correggerti su una cosa: io non voglio togliere il montepremi, io vorrei solo garantirlo quando l’ho accantonato per dare stabilità al circuito. Ma soprattutto, non vorrei garantirlo con le iscrizioni.

Io sono sempre stato del parere che invece di far pagare 6000 euro di iscrizioni ai giocatori per restituirne 10000 in premi, preferirei non far pagare niente ai giocatori e darne 4000 in premi.
Perchè sappiamo bene che quei 6000 euro di iscrizioni pagate dai giocatori servono per arricchire un montepremi che non andrà mai ai “poracci”, ma che questi ultimi contribuiscono a formare in ogni open.

Condivido con te che quest’anno le due federazioni hanno fatto tanto e bisogna solo complimentarsi per il lavoro che hanno svolto.
:ciao:



ooooooooooooo sono anni che sostengo che nel biliardo  girano TROPPI SOLDI e mal distribuiti ...
ad un certo punto pensavo di essere scemo io a pensarlo :)

vabbè antonio, adesso saremo  io e te scemi a pensarla così  :)
MaurizioLudomania
Non connesso
Utente Naz-Pro
 
Messaggi: 703
(Cerca: tutti)

Iscritto il: sabato 25 giugno 2005, 3:20
Località: trieste

Messaggioda Caio » mercoledì 7 luglio 2010, 7:40

MaurizioLudomania ha scritto:
Feliziani ha scritto:Ciao Caio,
secondo me è invece proprio il montepremi ad essere pagato dai “poracci”.
Su 100 giocatori che partecipano ad un open vincono qualcosa il 25% dei giocatori, mentre l’altro 75% va in perdita.
Su 100 giocatori che partecipano a 6 open, il 10% alla fine avrà vinto qualcosa, l’altro 90% una volta vince e cinque volte perde.
Togliere il montepremi (quello che non viene dagli sponsor) significa fare risparmiare il 90% dei giocatori, e non penalizzarli.

In ogni caso devo correggerti su una cosa: io non voglio togliere il montepremi, io vorrei solo garantirlo quando l’ho accantonato per dare stabilità al circuito. Ma soprattutto, non vorrei garantirlo con le iscrizioni.

Io sono sempre stato del parere che invece di far pagare 6000 euro di iscrizioni ai giocatori per restituirne 10000 in premi, preferirei non far pagare niente ai giocatori e darne 4000 in premi.
Perchè sappiamo bene che quei 6000 euro di iscrizioni pagate dai giocatori servono per arricchire un montepremi che non andrà mai ai “poracci”, ma che questi ultimi contribuiscono a formare in ogni open.

Condivido con te che quest’anno le due federazioni hanno fatto tanto e bisogna solo complimentarsi per il lavoro che hanno svolto.
:ciao:



ooooooooooooo sono anni che sostengo che nel biliardo  girano TROPPI SOLDI e mal distribuiti ...
ad un certo punto pensavo di essere scemo io a pensarlo :)

vabbè antonio, adesso saremo  io e te scemi a pensarla così  :)


maurizio, guarda che Feliziani sta dicendo l'esatto contrario, che non ci sono euri e si deve tirare la cinghia O___ò
Caio
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 128
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 13 settembre 2009, 4:27

Messaggioda Caio » mercoledì 7 luglio 2010, 8:14

Feliziani ha scritto:Ciao Caio,
secondo me è invece proprio il montepremi ad essere pagato dai “poracci”.
Su 100 giocatori che partecipano ad un open vincono qualcosa il 25% dei giocatori, mentre l’altro 75% va in perdita.
Su 100 giocatori che partecipano a 6 open, il 10% alla fine avrà vinto qualcosa, l’altro 90% una volta vince e cinque volte perde.
Togliere il montepremi (quello che non viene dagli sponsor) significa fare risparmiare il 90% dei giocatori, e non penalizzarli.

In ogni caso devo correggerti su una cosa: io non voglio togliere il montepremi, io vorrei solo garantirlo quando l’ho accantonato per dare stabilità al circuito. Ma soprattutto, non vorrei garantirlo con le iscrizioni.

Io sono sempre stato del parere che invece di far pagare 6000 euro di iscrizioni ai giocatori per restituirne 10000 in premi, preferirei non far pagare niente ai giocatori e darne 4000 in premi.
Perchè sappiamo bene che quei 6000 euro di iscrizioni pagate dai giocatori servono per arricchire un montepremi che non andrà mai ai “poracci”, ma che questi ultimi contribuiscono a formare in ogni open.

Condivido con te che quest’anno le due federazioni hanno fatto tanto e bisogna solo complimentarsi per il lavoro che hanno svolto.
:ciao:

Ciao Antonio,

non so, o non riusciamo a capirci o c'è malainformazione, perchè quello che riporti non è esatto, parlo per quanto riguarda la Fibis di cui sono tesserato, naturalmente non mi permetto di parlare di federbiliardo che non conosco ( beh ora con il doppio tesseramento potrò entrarci con la nuova stagione). Per quanto riguarda Fibis non so chi ti ha detto che il montepremi si paga con le iscrizioni, da dove arriva sta cosa, che gli eventuali 6000 euri delle iscrizioni arrichiscono un montepremi che non andrà mai ai poracci, ma chi le dice ste cose, ma li hai seguiti i regionali e gli opern Fibis o stai andando a braccio. Lo sapevi che per la prima volta in Fibis, hanno avuto la possibilità di andare in zona premi le terze categorie? ( magari prendevano solo i 50-80 euro, ma ci andavano sempre) Lo sapevi che negli open i giocatori non pagavano più di 30-35 euro a notte per la struttura alberghiera? ( trannè l'ultimo dove hanno pagato 42 per mezza pensione, ma siamo pure in alta stagione e di prassi, vista la zona dove si era svolto, si paga dai 60 ai 100).  Lo sapevi che dalla prossima stagione le iscrizioni saranno tagliate di 10 euro a torneo e con molta probabilità pure le strutture alberghiere avranno dei sostanziali ritocchi? Questo a chi va in tasca, ai soliti noti o a noi poracci che siamo la base delle federazioni. Non so, scusa ma con tutto il rispetto e sai quanto ti stimo Antonio, ti vedo molto disinformato al proposito.

Per altro, io sono dell'idea che è meglio premiare un 25 % ( che quest'anno era comunque un 40-50% dei giocatori che veniva premiato, per essere esatti), piuttosto che premiare un 2-3%  ( visto che i giocatori che vanno a giocare all'estero sono i soliti 2-3) che sarebbe il risultato della tua soluzione nel pagare i viaggi all'estero con le iscrizioni dei (nuovamente) poracci e che per inciso non è nemmeno un'idea nuova, visto che in federbiliardo già in questa stagione veniva fatto e mi pare scatenando non poche polemiche.

Ma quello in cui non ci siamo capiti è che tu parli di montepremi e restrizioni varie sul non consegnarli per un anno e fare cassetta per quelli a divenire, mentre io, nella mia precedente risposta ti ho sollevato quello che credo sia il reale problema delle attuali federazioni, che non è il montepremi, ma l'affluenza dei giocatori, il ricambuio generazionale che manca, in pocher parole, non ci sono giocatori. Da questo si deve partire e porsi le domande: perchè sono sempre meno i giocatori? Perchè i giovani se ne fregano? Perchè le sale biliardi sono sempre più vuote, mentre crescono a dismisura i privati? Analizza ste domande e vedi che la risposta vien da se e la soluzione, a mio parere sia chiaro, non è quella che indichi tu, perchè è solo chiedere sacrifici ai già pochi giocatori che ci sono rimasti e non crea nessun presupposto per il futuro, che non sia quello di fare cassetta per i montepremi degli stessi giocatori che dovranno attendere solo un anno in più per rixceverli, ma che saranno sempre gli stessi e solo un po' più scoglionati per aver dovuto attendere un anno. Ma per il futuro non crei nessun presupposto che porti un solo giocatore in più ad un torneo, capisci quello che voglio dire?
Mentre secondo me,  e se hai seguito il percorso Fibis della nuova gestione ( da gennaio ad oggi) e hai ascoltato il programma per la nuova stagione, ha posto delle buone iniziative che vale la pensa seguire con interesse, atte appunto non solo a consolidare  e dare fiducia ai giocatori attuali, ma sopratutto a creare un ambient che porti interesse a chi del biliardo fino ad oggi, se ne fregava altamente.
E, devo aggiungere, pure alcune iniziative di ferderbiliardo a me personalmente sono piaciute, perchè diverse dal solito clichè, ma portate e mirate per far conoscere meglio il nostro sport.
In pratica cosa serve al biliardo (tutto, qualsiasi sia la specialità), iniziativa e idee per il futuro, le possibilità ci sono, non fermatevi a pensare che gli euro sono quelli delle iscrizioni, delle tessere e qualche sponsor, siamo nel 2010 e rimarrei deluso se ti fermi a queste piccole vedute, sai meglio di me che il movimento per creare una struttura sportiva va molto oltre e con introiti ben diversi da queste cose, che seppur importanti non saranno mai fine a  se stessi.

In due parole, innovazione, non restrizione, altrimenti si rimane con il nostro piccolo circoletto internos e tra 20 anni saremo qui ancora i soliti, questa volta solo più vecchi.  :D
Caio
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 128
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 13 settembre 2009, 4:27

Re: La mia federazione ideale.

Messaggioda Feliziani » mercoledì 7 luglio 2010, 8:39

Caio, sono sincero, ho fatto fatica a seguirti.
Comunque non voglio convince nessuno.

Forse un esempio di quello che penso può chiarire il mio pensiero.
Se invece di 2000 Euro in palio al primo classificato ci fossero state 60 stanze gratuite in hotel per i giocatori (visto che l’albergo costava 30-35 euro), io credo che si sarebbe fatto un passo avanti.
Ciao
Feliziani
Non connesso
Utente Super Master
 
Messaggi: 264
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 26 giugno 2009, 14:30

Messaggioda Pearl » mercoledì 7 luglio 2010, 12:26

ciao Antonio,

con tutto il rispetto lascia stare le federazioni che hanno già i loro problemi, te continua a fare il palla9.it,  che come dici ha un discreto seguito, sopratutto perchè racchiude l'idea e quindi i praticanti di pool, che non arriverebbero mai in altri tornei. Contiuna cosi con il circuito amatoriale, che tra l'altro da quel che si legge, è l'organizzazione la vera vinctrice dei tornei palla9.it   ;)

Tutto sommato quest'anno le federazioni hanno organizzato due buone stagioni.. Facciamole lavorare..
Chi gioca nelle federazioni non ha bisogno ne voglia di avere la stanza d'albergo pagata o quelle robe li ma preferisce avere gli euri come premi..

Ciao
:ciao:
Pearl
Non connesso
Avatar utente
Utente
 
Messaggi: 9
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 4 maggio 2010, 20:02

Messaggioda MaurizioLudomania » mercoledì 7 luglio 2010, 15:48

Caio ... io sicuramente mi sarò espresso in maniera poco chiara ... però approvo totalmente quanto detto da Antonio ... e penso tu abbia mal capito quanto sosteniamo sia io che lui :)
MaurizioLudomania
Non connesso
Utente Naz-Pro
 
Messaggi: 703
(Cerca: tutti)

Iscritto il: sabato 25 giugno 2005, 3:20
Località: trieste

Messaggioda Caio » mercoledì 7 luglio 2010, 16:57

Feliziani ha scritto:Caio, sono sincero, ho fatto fatica a seguirti.
Comunque non voglio convince nessuno.

Forse un esempio di quello che penso può chiarire il mio pensiero.
Se invece di 2000 Euro in palio al primo classificato ci fossero state 60 stanze gratuite in hotel per i giocatori (visto che l’albergo costava 30-35 euro), io credo che si sarebbe fatto un passo avanti.
Ciao


vabbè, mi spiace che tagli il dialogo così, come avevo scritto lo facevo nel massimo rispetto che nutro per te come persona e sai che è così. Per altro avevo risposto solo perchè tu stesso avevi scritto che volevi sapere le idee dei giocatori, forse era solo una rice4rca di consensi e non dialogo ( fatto pure di dissensi).

Non so cosa ci sia di difficle nel mio discorso, da non poterlo capire, quando scrivo più di una volta, che a mio parere il problema è la mancanza di giocatori e che vedo meglio le iniziative portate ad ampliare e divulgare il prodotto biliardo, piuttosto che quelle fatte per fare cassetta in attesa di tempi migliori ( che alla fine sonbo solo restrizioni), non credo sia così difficile da capire e ti reputo troppo intelligente per averlo ignorato o non capito.

Un po deluso lo ammetto, ma va bene così, da ora in poi vedrò di stare zitto.

Ciao
Ultima modifica di Caio il mercoledì 7 luglio 2010, 16:57, modificato 1 volta in totale.
Caio
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 128
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 13 settembre 2009, 4:27

Messaggioda Caio » mercoledì 7 luglio 2010, 16:58

MaurizioLudomania ha scritto:Caio ... io sicuramente mi sarò espresso in maniera poco chiara ... però approvo totalmente quanto detto da Antonio ... e penso tu abbia mal capito quanto sosteniamo sia io che lui :)

sarebbe carino sapere che cosa sostieni tu, fino ad ora hai solo detto che nel biliardo ci sono tanti soldi maldistribuiti, che è l'esatto contrario di quello che dice Feliziani.
Hai altre idee o scrivi così tanto per buttar giù sillabe e aggiungere faccine.
Caio
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 128
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 13 settembre 2009, 4:27

Re: La mia federazione ideale.

Messaggioda MaurizioLudomania » mercoledì 7 luglio 2010, 17:16

Caio ... hai ragione scrivo così tanto per buttar giù sillabe e aggiungere faccine
MaurizioLudomania
Non connesso
Utente Naz-Pro
 
Messaggi: 703
(Cerca: tutti)

Iscritto il: sabato 25 giugno 2005, 3:20
Località: trieste

Re: La mia federazione ideale.

Messaggioda Feliziani » mercoledì 7 luglio 2010, 17:29

Hai ragione Caio, ti ho visto poco obiettivo e non avevo voglia di risponderti, mi spiace averti deluso.

Quando scrivi:
“non so chi ti ha detto che il montepremi si paga con le iscrizioni, da dove arriva sta cosa, che gli eventuali 6000 euri delle iscrizioni arrichiscono un montepremi che non andrà mai ai poracci, ma chi le dice ste cose… “
Secondo me perdi lucidità ed obiettività e veramente non so cosa risponderti.

Senza considerare che poco dopo scrivi:
“meglio premiare un 25% che un 2-3%”.
Anche qui perdi lucidità, perché non è il 25% dei tesserati fibis che va in positivo dopo una stagione di tornei. E c’è molta differenza tra premiare in denaro e premiare con un accesso ad un circuito più prestigioso ed internazionale.

Non ho nulla conto di te, anzi mi spiace molto questa situazione, ma mi dai l’impressione tu voglia fare solo marketing e buona pubblicità, ecco perché volevo evitare la risposta.

Ps: non hai replicato al mio precedente post, spero che tu non sia davvero convinto che sia meglio pagare 2000 euro al primo invece di dare 60 camere omaggio ai giocatori e spero non sia questa l'innovazione di cui parli.

ciao
Feliziani
Non connesso
Utente Super Master
 
Messaggi: 264
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 26 giugno 2009, 14:30

Prossimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 2 ospiti

Login Form

Chi c’è in linea

In totale ci sono 3 utenti connessi :: 1 iscritto, 0 nascosti e 2 ospiti
Record di utenti connessi: 1297 registrato il domenica 12 giugno 2016, 22:21

Visitano il forum: Google [Bot] e 2 ospiti