RSS Facebook Twitter

WPC 2004: chi vincera'?

WPC 2004: chi vincera'?

Messaggioda amanda » venerdì 25 giugno 2004, 3:08

chi lo vincera' secondo voi il worldpoolchampionship 2004?

sono aperte le scommesse!!!

io mi prendo ralph souquet...e yang!!!
(mica male!!!)
amanda
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 138
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 26 marzo 2004, 21:02
Località:

Messaggioda inyourmind » venerdì 25 giugno 2004, 9:18

E' l'anno di Fabio Petroni!
1 Petroni
2 Strickland
3 Immonen
3 Bustamante
Me lo auguro vivamente.
Saluti amanda, ci si vede in sala.

michele balestrieri
inyourmind
Non connesso
Utente Ordinario
 
Messaggi: 26
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 10 maggio 2004, 12:02
Località: roma

Messaggioda Spiderman » venerdì 25 giugno 2004, 9:49

Premesso che tiferemo tutti per Fabio, naturalmente, il favorito naturale di quest'anno per me è Ching Shun Yang, anche perchè gioca in casa. Come l'altro cinese Hsia, fortissimo anche lui. Pronosticare Efren Reyes o Bustamante sarebbe banale, sono i due nomi più logici.
Allora... prendo un "outsider" che ha alzato vertiginosamente il suo livello, e punto su Niels Feijen!

In bocca al lupo, oltre che a Fabio, a Vittorio De Falco, che ha conquistato il posto in tabellone con merito grazie ad un'ottima annata all'eurotour.
Spiderman
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2020
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 18 maggio 2004, 12:32
Località:

Messaggioda dffmade » venerdì 25 giugno 2004, 12:04

Beh, l'augurio a Fabio lo facciamo tutti, ma senza volergli togliere nulla qui all'asian tour non è andato fortissimo.... In ogni caso pseriamo bene per lui e Vittorio.
Pronostico? direi che Strickland Bustamante e Reyes sono tutti e tre lì lì....

Efren, ma i cinesi di cui parli sei sicuro che siano cinesi di Cina? In tal caso non è che mi sapete dire dove diavolo si allenano? O per lo meno di che città sono.....

In bocca al lupo a tutti!!!
dffmade
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Spirituale
 
Messaggi: 1700
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 6 febbraio 2004, 4:44
Località: Milano

Messaggioda Spiderman » venerdì 25 giugno 2004, 17:19

No, non sono "cinesi di Cina", sono di "Chinese Taipei", come Fong Pang Chao e molti altri fortissimi. Non me ne intendo granchè, me la nazionalità credo sia Taiwanese... Correggimi se sbaglio, ne sai sicuramente di più tu...
Spiderman
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2020
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 18 maggio 2004, 12:32
Località:

Messaggioda jerruzzo » venerdì 25 giugno 2004, 20:56

Io mi prendo Oliver Ortman!
Ovviamente speriamo di vedere un azzuro nel tabellone finale!!!
jerruzzo
Non connesso
Utente Nazionale
 
Messaggi: 615
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 4 novembre 2003, 17:24
Località: Torino

Messaggioda dffmade » sabato 26 giugno 2004, 6:41

Confermo la nazionalità..... Taiwanese! Purtroppo. Ho girato mezza Cina e nemmeno l'ombra di un giocatore! Hong Kong: bravissimi nello snooker ma esiste una sala da pool in tutta HK e frequentata da turisti; Shanghai, non ci sono sale degne di nota; Xi An non ne parliamo.... Pekino: nella sala dove vado io ho conosciuto un ragazzo cinese che ha studiato in germania e gioca da buona terza categoria. E' il massimo che si può trovare sulla piazza!!
Vabbè, ma tutto ciò non c'entra nulla col forum......
Forza Fabio e Vittorio!!!!
(io De falco una volta in un doppio di palla 9 l'ho battuto 7-4..... secondo voi posso andare anche io al campionato del mondo????????)
dffmade
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Spirituale
 
Messaggi: 1700
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 6 febbraio 2004, 4:44
Località: Milano

Messaggioda luigi » sabato 26 giugno 2004, 12:46

Chiedo scusa agli amici del Pool se mi intrometto in un settore nel quale non centro nulla, ma leggendo i vostri pronostici mi è sorta una domanda alla quale Voi certamente saprete dare risposta. Anni fa ero abbanonato ad alcune riviste americane di biliardo e mi ricordo che già a quei tempi i vari Strickland e Reyes erano fra i grandi ed ora, con alterne opinioni, li ritrovo fra i Vostri favoriti, però a quei tempi, e a me sembrava che fossero considerati i più forti, c'erano anche Mike Siegel e Nick Varner, tra l'altro  Siegel l'ho visto in videocassette ed è veramente un giocatore splendido, tuttavia nessuno di questi ricorre fra quelli citati. Come mai ?
Scusate l'intrufulamento e grazie se vorrete soddisfare questa mia curiostà. Vi saluto.



Scritto Da - luigi on 26 Giugno 2004  12:49:14
luigi
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1383
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 5 marzo 2004, 0:48
Località:

Messaggioda Spiderman » sabato 26 giugno 2004, 15:04

Ciao Luigi,
intanto le tue scuse sono assolutamente fuori luogo, una delle valenze di questo forum è di ampliare la cultura biliardistica di tutti noi, indipendentemente dalla specialità, ed è bello che ognuno tragga profitto dalle conoscenze degli altri.
Giungendo alla tua domanda, i primi due che nomini, Strickland e Reyes, sono probabilmente i due "mostri sacri" del pool negli ultimi 20 anni. Con il loro immenso talento riescono sempre a rimanere ai vertici mondiali della specialità, e grazie al carattere da autentici "campioni" (anche se diametralmente opposti, scorbutico e maleducato Earl, sereno e modesto Efren)mantengono la posizione nonstante le insidie portate loro dai 25-35enni rampanti di tutti il mondo.
Mike Siegel, forse il più grande di tutti a "pool continuo", a quanto mi risulta aveva interrotto la carriera per un pò, ed è rientrato lo scorso anno nel circuito professionistico americano, disputando però solo alcuni tornei.
Nick Varner gioca ancora, lo scorso anno ha partecipato al mondiale, superando la prima fase e perdendo un incontro combattuto con il finalista Alex Pagulayan. A dicembre è stato Capitano non giocatore del team statunetense che ha vinto la Mosconi Cup, dopodichè è stato ricoverato in ospedale a causa di un malore, a quanto pare superato. Gli americani sostengono che rientrerà al più presto.  
Spero di avere soddisfatto le tue curiosità, se ne hai altre chiedi senza remore e... tieniti pronto a "scambi culturali" :) . Ciao!
Spiderman
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2020
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 18 maggio 2004, 12:32
Località:

Messaggioda luigi » sabato 26 giugno 2004, 18:55

Ciao Efren, intanto ti ringrazio della tua cortesia, era una curiosità (ne ho anche altre, non credere, potresti un giorno "pentirti" della disponibilità che mi offri...), nata dal vostro scambio di pronistici dai quali notavo l'asenza di questi fuoriclasse che, al tempo in cui ricevevo le riviste, andavano per la maggiore. Poi ho cessato gli abbonamenti in quanto era troppo frustrante poterle solo sfogliare, senza leggere veramente gli articoli, per ignoranza della lingua, quindi non sapevo che fine avessero fatto. Come dicevo non sono un esperto della vostra disciplina ed ho anche avuto rare occasione di vederla giocata, a parte ovviamente le 10 volte (o più) del film Lo spaccone, ma d'altra parte chi non l'ha visto ? Anzi se ci fosse un appassionato di biliardo che si professa tale e non l'ha visto almeno una volta, gli andrebbe negato l'accesso a qualsiasi sala che si rispetti. Poi ho visto Sigel in videocassetta e mi è piaciuto tantissimo, ma la circostanza in cui il Pool mi ha affascinato (anche perchè era "dal vivo") è stato quando nel 1998 ho assistito alla finale di un torneo che si è disputato a Ferrara in contemporanea col Mondiale 5 quilles, vinto da Martinelli. In quella circostanza, finalisti Ralf Souquet e Francisco Bustamante, la cosa che mi ha letteralmente folgorato, al di là del gioco in sè, che comunque da profano non ero in grado di apprezzare compiutamente, è stato vedere il "gesto" di Bustamente. Una gestualità, una sbracciata, un attacco di palla, tutto molto personale, ma di una bellezza assolutamente incredibile (figurati che appena a casa, mi aveva talmente colpito che ho fatto un peregrino tentativo di imitarne il gesto, quando la battente è "partita" schizzando... fuori dal tavolo, c'è mancato poco che "terminassi" un distinto signore che leggeva il giornale a... 4 metri di distanza dal biliardo...), che la sua azione fosse folgorante lo testimonia il fatto che, al mio fianco, a vedere quella finale c'era un certo Nestor "Nene" Gomez, altrettanto ammagliato quanto il sottoscritto, il quale non s'è mai mosso per tutta la durata dell'incontro, "bevendosi" ogni gesto di questo fuoriclasse, che tra l'altro vinse quell'incontro. Vedo con piacere che Bustamante è ancora al vertice, dato che alcuni di Voi lo mettono fra i favoriti. Scusa se mi sono dilungato (e non è finita), infatti in chiusura, approfitto subito (così impari) dell'offerta che mi fai, per farti la classica domanda: C'è realmente partita fra gli americani e il resto del mondo, nella vostra specialità ? Oppure come succede nel basket, baseball o football (americano naturalmente) sono sempre loro i dominatori incontrastati. Dai vostri pronostici parrebbe di no, ma si tratta di "speranza" campanilistica, oppure l'Europa ha realmente raggiunto l'America ? E gli italiani ? A che livello siamo... ce la giochiamo ?
Visto ? Dammi un dito e... mi prendo il braccio, probabilmente, dopo questa raffica, ti sarai "già" pentito. Ciao



Scritto Da - luigi on 26 Giugno 2004  19:00:26
luigi
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1383
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 5 marzo 2004, 0:48
Località:

Messaggioda dffmade » domenica 27 giugno 2004, 11:16

Ciao Luigi, per quanto ne so io gli americani non sono più al vertice assoluto. E' vero che sono stati gli ideatori del gioco e che per anni hanno avuto il monopolio, ma adesso si stanno presentando gli asiatici. Come facevi notare da un sacco di tempo Bustamente (Filippino) è ai vertici del panorama biliardistico mondiale. Devi sapere che, a differenza del resto del mondo, nelle filippine il pool è sport nazionale, come da noi il calcio. Molti altri paesi asiatici, come Taiwan ad esempio, stanno seguendo le orme delle filippine e lo stanno promuovendo moltissimo. In europa il discorso purtroppo non è così. E' vero che abbiamo un sacco di grandi giocatori, non ultimi gli italiani, sia maschili che femminili, ma purtroppo noi abbiamo un grosso ostacolo allo sviluppo del biliardo: il calcio. In Europa tutti gli stati spendono decine di miliardi per il calcio e non investono una lira negli sport minori, e quindi ci si ritrova con ragazzi pieni di talento che non sanno bene come coinvogliarlo perchè non esistono individui riconosciuti ufficialmente che li possano indirizzare nello studio della tecnica e della tattica. Per fortuna noi abbiamo il "Forum" e possimao scambiarci un sacco di informazioni di ogni genere, ma pensate a quanti ragazzi non lo conoscono e continuano a giocare a biliardo con il solo colpo in pancia!!! Scusate, mi sono dilungato un pò troppo, ma quando si parla di sport sapete che mi sbizzarrisco con enorme gioia. La risposta cmq è semplice: gli americani non hanno più il primato e lo stanno conquistando gli asiatici. Noi europei non siamo male, ma siamo ancora il terzo gradino. Gli italiani non sono assolutamente male, ma come avrai notato dai post precedenti purtroppo, per quanto Fabio Pedroni prometta bene, non sono ancora i favoriti per un titolo mondiale

CIAOOO
dffmade
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Spirituale
 
Messaggi: 1700
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 6 febbraio 2004, 4:44
Località: Milano

Messaggioda Spiderman » domenica 27 giugno 2004, 13:06

Tranquillo Luigi, non mi sono pentito! Fa anzi piacere che il pool venga apprezzato anche da chi non lo gioca (in Italia siamo "Cenerentoli", ma è pur sempre la disciplina più diffusa...). Proprio il fatto che in Italia il pool non abbia la stessa diffusione che in altri paesi a mio parere condiziona la posizione che occupiamo in un ipotetico ranking mondiale. Infatti, come per tutte le discipline sportive, il livello più alto lo si raggiunge con il professionismo, ma da noi praticare il pool come lavoro è praticamente impossibile. Solo Fabio Petroni, con grande passione e sacrifici oltrechè supportato dal suo talento riesce a fare il giocatore di pool di mestiere, e, come egli stesso dice, non naviga nell'oro.
Questo è un peccato, perchè a mio parere gli italiani hanno enormi doti naturali per il gioco, e in alcuni casi riescono a dare filo da torcere ai pro stranieri pur praticandolo come hobby. Ma per fare il salto di qualità è necessaria l'esperienza internazionale, che è molto costosa e non assicura il pagamento delle bollette...
Come dice dffmade, il monopolio del calcio ci frega, ma a mio parere c'è anche un altro fattore: mentre altrove le risorse biliardistiche, umane ed economiche, sono comunque concentrate sul pool, da noi sono, per la maggior parte, concentrate sui birilli. Se i giocatori di pool italiani avessero, per ipotesi, la possibilità di essere sponsorizzati come i vari campioni dei birilli, sicuramente avremmo un peso ben maggiore nel mondo.
Un esempio da seguire è, per me, l'Olanda, dove i giovani talenti sono stati messi in condizione di coltivare le loro potenzialità e ora stanno diventando una potenza europea e, tra breve, sono convinto, mondiale.
Mentre prima gli americani erano sulla luna e gli altri sotto, ora dice bene dffmade, non sono più gli unici. Secondo me sono sullo stesso piano loro, gli asiatici (filippine e taiwan) e l'europa del nord (tedeschi per lo più).
Indimenticabile Busta a Ferrara, credo che chiunque, non solo il grande Nenè, sarebbe rimasto stregato. Tutti hanno provato ad imitarlo, nessuno è durato più di mezzora...
Mamma mia quanto ho scritto! scusate non me ne ero accorto, non lo faccio più...
ciao!
Spiderman
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2020
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 18 maggio 2004, 12:32
Località:

Messaggioda amanda » lunedì 28 giugno 2004, 17:15

a mio avviso il gioco del calcio nel nostro paese "oscura" di molto il nostro sport e tutti gli altri, e si e' insediato ormai da tempo nella mentalita' delle persone diventanto parte integrante della cultura popolare.
vi faccio un esempio lampante:
ho in sala dei ragazzi molto appassionati di biliardo, che arrivano a giocare anche 5 ore al giorno!!
spesso mi e' capitato che mi abbiano chiesto un consiglio sull'acquisto di una stecca da biliardo con la pretesa di poterci spendere massimo 40 euro.
qual'e' la stranezza?e' che ognuno di questi ragazzi possiede scarpini della nike da 200 euro solo per fare una partita di calcetto al mese con i loro amici....quando invece a biliardo giocano tutti i santi giorni!!!



:ok:
amanda
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 138
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 26 marzo 2004, 21:02
Località:

Messaggioda jerruzzo » martedì 29 giugno 2004, 9:31

Buongiorno a tutti.
Non sto a parlare di quanto il calcio influenzi le nostre giornate..poi se ne parla così tanto che non merita altro spazio.

La cosa più penalizzante in Italia è la mancanza di considerazione (e quindi diffusione) che ha il pool. Questo comporta la poca presenza di sale sul nostro territorio, inoltre i nuclei di giocatori sono molto accentrati e comunque "chiusi" nelle sale che loro frequentano. Per esempio il club che frequento è un club e non di accesso pubblico.
Fatto sta che se ci fossero più sale (quindi più gente coinvolta) ci si troverebbe a fare tornei quasi ogni due settimane (come nei birilli) e allora sì che una persona potrebbe buttarsi in questa attività sportiva a tempo pieno (o quasi) per guadagnare in esperienza e danaro...quanta gente si butterebbe se ci sarebbero tali condizioni in Italia?
Io stesso mi creerei il mio piccolo calendario di gare da fare durante l'anno dove poter giocare con facce diverse dalle solite che vedo nella mia sala abituale.

Il nostro Fabio si gira mezzo mondo per incontrare persone di un certo livello e premi per cui valga la pena andarci (l'asse portante è sempre comunque la passione).

Negli ultimi anni ci sono ottimi tornei in Italia di forte richiamo europeo (Alpe Adria e quest'anno la Best Cup di Modena), ma mettiamo il caso che di questi tornei ce ne fossero uno ogni 15 giorni qui in Italia, secondo me la partecipazione e il seguito sarebbe in crescendo.

Questi sono i sogni di tutti i giocatori di pool(oltre a quello di aprirsi una sala).

Scusate la lunghezza.
jerruzzo
Non connesso
Utente Nazionale
 
Messaggi: 615
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 4 novembre 2003, 17:24
Località: Torino

Messaggioda Ryno » venerdì 16 luglio 2004, 22:35

Scusate ragazzi,ma sono rimasto un po' arretrato,Fong Pan Chao che fine ha fatto?
Ryno
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 832
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 23 maggio 2004, 23:00
Località: Andromeda

Prossimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Login Form

Chi c’è in linea

In totale c’è 1 utente connesso :: 0 iscritti, 0 nascosti e 1 ospite
Record di utenti connessi: 1297 registrato il domenica 12 giugno 2016, 23:21

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite