RSS Facebook Twitter

Omologazione strumenti di gioco

Dubbi, curiosità e domande sui regolamenti delle varie specialità

Messaggioda Glux » mercoledì 28 novembre 2007, 11:01

Messaggio inserito da amelie

Messaggio inserito da Glux

Messaggio inserito da amelie
..........
Se un produttore mi viene a dire, vabbè, tanto io ricarico sul prezzo finale... credo che non abbia capito nulla. Ma.. .siamo in Italia e non escludo che questo possa succedere.
..........

BiliardoWeb Magazine, la rivista online dedicata al biliardo - http://magazine.biliardoweb.com

Sotto con gli allenamenti!!!


forse è proprio perchè siamo in Italia che deve (a mio avviso giustamente) ricaricare sul prezzo finale.


Giustamente... mmmm.... no, non sono d'accordo!  :)
Secondo te è sbagliato quindi che le aziende del settore investano nello sport per il quale lavorano.
Tu pensi che nessuno dovrebbe sponsorizzare il calcio, la pallavolo ecc...
Trovi sbagliato il fatto di investire in immagine per avere un ritorno economico....
Ora sto calcando la mano è evidente. ;)

BiliardoWeb Magazine, la rivista online dedicata al biliardo - http://magazine.biliardoweb.com

Sotto con gli allenamenti!!!


Non lo trovo sbagliato, anzi ... solo che investire in un settore dove non si hanno certezze (vedi la "barzelletta" del tavolo tarlato), dove l'organo federale si attira le antipatie della base (col rischio che nascano federazioni alternative) ecc. ecc., non mi sembra una mossa imprenditoriale lungimirante.
Il rischio d'impresa si, ma questo sarebbe azzardo puro  :D
Glux
Non connesso
Avatar utente
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1030
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 28 febbraio 2006, 11:19
Località: Pescara

Messaggioda martille » mercoledì 28 novembre 2007, 11:04

Messaggio inserito da amelie
Io credo che si proponga un investimento alle aziende produttrici, non una tassa. Le cose sono ben diverse...


Scuami Paola, nel momento in cui la mancata adesione alla proposta porta i miei prodotti a non essere utilizzabili in gara non è più una proposta ma una imposizione ...... ovvero una tassa.

La proposta è qualcosa che sei libero di non accettare senza ripercussione alcuna.

_________________________________________________________

L'unico limite è il cielo !!!!!
martille
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 11351
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 12:54

Messaggioda amelie » mercoledì 28 novembre 2007, 11:06

Messaggio inserito da martille
Occhio, la frase riportata non è la mia  ;)

E poi ripeto, di norma il "contributo" è volontario non imposto con un'escamotage tipo l'omologazione. Proponi un progetto, prospetti i ritorni e CHIEDI di partecipare per il bene comune.

_________________________________________________________

L'unico limite è il cielo !!!!!


Lo so che non è tua, io mi riferisco al tuo pensiero, a quello che hai espresso fin ora, non alla frase di Lm.

Certo che sei forte!
1- non si tratta di un contributo, il contributo non prevede nulla in cambio
2- escamotage sta per? ;)  Non mi pare sia uscita una circolare che dice: da domani si paga l'omologazione .
3 - "Proponi un progetto, prospetti i ritorni e CHIEDI di partecipare per il bene comune." Mi pare che si stia lavorando proprio in questa direzione....

Ora Martille... è chiaro che se tu parti dal presupposto che l'omologazione è .... un'imposizione per estorcere (uso un termine che ti piacerà ;) ) del denaro... non ne veniamo a capo.

Onestametne credo che le ditte produttrici(dai biliardi alle stecche) lavorino anche (non solo ma anche) grazie ad una federazione che mantiene un circuito nazionale (che sia Fibis o altro non importa). Credo che collaborare allo sviluppo di questo gioco sia fruttuoso per entrambe le parti non credi?
E non vedo in qeusta omologazione un'imposizione... se ne sta discutendo insieme mi pare no? Si sta collaborando.. per uno scopo unico e utile ad entrambe le parti.


BiliardoWeb Magazine, la rivista online dedicata al biliardo - http://magazine.biliardoweb.com

Sotto con gli allenamenti!!!
amelie
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 9546
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 13 febbraio 2004, 18:53
Località: vicenza

Messaggioda amelie » mercoledì 28 novembre 2007, 11:15

Messaggio inserito da martille

Messaggio inserito da amelie
Io credo che si proponga un investimento alle aziende produttrici, non una tassa. Le cose sono ben diverse...


Scuami Paola, nel momento in cui la mancata adesione alla proposta porta i miei prodotti a non essere utilizzabili in gara non è più una proposta ma una imposizione ...... ovvero una tassa.

La proposta è qualcosa che sei libero di non accettare senza ripercussione alcuna.

_________________________________________________________

L'unico limite è il cielo !!!!!


Dammi un buon motivo per rifiutare una proposta che:
mi comporta un'uscita in denaro che va finalizzata allo sviluppo dello sport per il quale la mia azienda sta in piedi.
Dove posso decidere io modalità, svolgimento, finalità della stessa.
Dove posso creare un fondo per fare in modo che questo sport possa avere un futuro....

E' sempre il solito il discorso: se si vuole vedere male, lo si vede e basta. Io credo che motivi per credere che sia una buona inziativa ce ne siano parecchi.

Poi ognuno è libero di pensarla come vuole.... :)

ps: non mi rispondere per favore " io devo sentirmi libero di scegliere e basta, per motivi miei" perchè così non si va da nessuna parte....

BiliardoWeb Magazine, la rivista online dedicata al biliardo - http://magazine.biliardoweb.com

Sotto con gli allenamenti!!!
amelie
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 9546
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 13 febbraio 2004, 18:53
Località: vicenza

Messaggioda rik » mercoledì 28 novembre 2007, 11:26

Ma deve costare per forza molto omologare?
E i controlli come si potrebbero fare? Per i tavoli andando dal produttore a verificare pesi, misure, materiali e quant'altro; per le stecche? allo stesso modo e poi durante la gara il giocatore mostra un bollino o solo la stecca e l'arbitro guarda se compare in un elenco?
Mah, ciao.
rik
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 4641
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 3 novembre 2006, 12:32
Località: milano

Messaggioda Gianni » mercoledì 28 novembre 2007, 11:42

Paola, la mia espressione a riguardo, che do per scontato che si richiedano dei soldi, me lo ha insegnato il poco di esperienza che ho, in cose Federali Italiane (purtroppo).

Capisco che  speri che ne esca qualcosa di buono da questo progetto, ma credimi, anche senza avere tutte le informazioni è difficile crederlo.

Si poteva sperare secondo me, se, come ha detto anche Efren: di mettere delle misure, dei pesi a cui i costruttori si devono attenere. Non costava alle ditte che gia lo fanno, neanche un Euro e i vecchietti in cantina si dovevano adeguare (anche se forse, lo fanno già).

Se si pensa a tutte le energie che si sono adoperate, prima per i tavoli con le buche ed ora con omologazione, si risparmiava di più, se queste ditte interessate avessero aperto i cordoni della borsa e avessero investito nei giovani, provando a trovare un'idea di come incentivare il movimento. Il biliardo ha bisogno di idee nuove, sistemi nuovi, che a chiunque venga la voglia di partecipare e meno burocrazia  e più informazione.
Non deve esistere il "loro" e il "noi", siamo tutti nella stessa barca.

Questo manca ed è come il cane che si morde la coda, si cercano dei pagliativi, monopolì, riserve di caccia, perchè non si hanno visioni e si va nella direzione sbagliata.

Basta musi duri e direzioni sbagliate.

Rendiamo felici per prima cosa i giocatori che ci sono "adesso" e con il loro aiuto, cerchiamo di trovarne degli altri che vogliano condividere questa felicità.
Guardiamo l'età media del giocatore di biliardo, cosa succederà tra 20 anni, si giochera solo all'ospizio?
Gianni
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2488
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 22 marzo 2004, 13:27
Località: Zurigo

Messaggioda Clabo » mercoledì 28 novembre 2007, 12:20

Vedi Gianni i progetti sugli Istruttori Federali,sul libro di didattica,sugli gli Juniores e i sui ns Campus scuola estivi nel Centro Nazionale CONI di Formia sono investimenti che vanno proprio nella direzione in cui il Ns. C.F. ha deciso di andare..... in considerazione di tutto il lavoro svolto per ratificare il protocollo di intesa con il CONI e il Ministero della Pubblica Istruzione che prevede l'inserimento del BILIARDO NELLA SCUOLA.
IL tutto sarà evidenziato a fine settimana al Campionato Europeo Individuale 5 birilli Seniores e Juniores in cui abbiamo ottenuto dall ON. Ministro Giovanna Melandri(grazie la Società Sportiva Dilettantistica[!!!] Centro biliardo sportivo AECLANUM ) il Patrocinio della Presidenza del Consiglio e del Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive.
Tutti noi stiamo lavorando per la crescita del Biliardo Sportivo e nn per l'AFFOSSAMENTO O LE SCISSIONI concordo in tutto quello che Paola ha scritto sui progetti Omologazioni e Albo Fornitori... e vi saluto perchè devo andare a preparare la valigia per Mirabella.

Allegato: [img]http://www.biliardoweb.com/snitz/immagini/icon_paperclip.gif[/img] Manifesto Europeo 2007 versione 5.pdf
373,39 KB

-----------------------------------------------------------
http://www.unmondoaparte.it/mp3/carte2.wav
-----------------------------------------------------------
Clabo
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2065
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 16 novembre 2003, 18:03
Località: Brescia

Messaggioda amelie » mercoledì 28 novembre 2007, 12:25

Messaggio inserito da Gianni

Paola, la mia espressione a riguardo, che do per scontato che si richiedano dei soldi, me lo ha insegnato il poco di esperienza che ho, in cose Federali Italiane (purtroppo).

Capisco che  speri che ne esca qualcosa di buono da questo progetto, ma credimi, anche senza avere tutte le informazioni è difficile crederlo.

Si poteva sperare secondo me, se, come ha detto anche Efren: di mettere delle misure, dei pesi a cui i costruttori si devono attenere. Non costava alle ditte che gia lo fanno, neanche un Euro e i vecchietti in cantina si dovevano adeguare (anche se forse, lo fanno già).

Se si pensa a tutte le energie che si sono adoperate, prima per i tavoli con le buche ed ora con omologazione, si risparmiava di più, se queste ditte interessate avessero aperto i cordoni della borsa e avessero investito nei giovani, provando a trovare un'idea di come incentivare il movimento. Il biliardo ha bisogno di idee nuove, sistemi nuovi, che a chiunque venga la voglia di partecipare e meno burocrazia  e più informazione.
Non deve esistere il "loro" e il "noi", siamo tutti nella stessa barca.

Questo manca ed è come il cane che si morde la coda, si cercano dei pagliativi, monopolì, riserve di caccia, perchè non si hanno visioni e si va nella direzione sbagliata.

Basta musi duri e direzioni sbagliate.

Rendiamo felici per prima cosa i giocatori che ci sono "adesso" e con il loro aiuto, cerchiamo di trovarne degli altri che vogliano condividere questa felicità.
Guardiamo l'età media del giocatore di biliardo, cosa succederà tra 20 anni, si giochera solo all'ospizio?




Gianni, non voglio mettere in dubbio la tua esperienza ci mancherebbe.
Credo che si tratti cmq di ragionare.
Se (è un ipotesi) per poter giocare con la mia stecca devo avere un bollino blu :D  che mi costa 10 euro, e so che qeusti soldi vanno in un fondo destinato ad esempio all'inserimetno del biliardo nelle scuole o cmq ad iniziative rivolte ai giovani beh.. io li darei volentieri.

Se invece devo pagare 10 euro senza sapere dove finiscono.. mi rigano un po' i cogl... :D  :)  :D

Se non devo pagare nulla meglio ancora... forse.

Perchè dai per escluso che energie nei giovani non se ne siano investite?
So che si sta lavorando molto in questo senso (il corso giovanile di Formia, il biliardo nelle scuole i corsi istruttori) e sembra che questo fondo cassa derivante dalle omologazioni andrebbe prorpio investito in questo tipo di attività.

NOn è da considerarsi positivo?

Se soldi non ce ne sono non è che si possono inventare, credo sia giusto far concorrere tutti, soprattutto chi poi ci guadagnerà (cosa per altro giusta) nel futuro del nostro sport.





BiliardoWeb Magazine, la rivista online dedicata al biliardo - http://magazine.biliardoweb.com

Sotto con gli allenamenti!!!
amelie
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 9546
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 13 febbraio 2004, 18:53
Località: vicenza

Messaggioda giabog » mercoledì 28 novembre 2007, 13:03

Messaggio inserito da Clabo

Vedi Gianni i progetti sugli Istruttori Federali,sul libro di didattica,sugli gli Juniores e i sui ns Campus scuola estivi nel Centro Nazionale CONI di Formia sono investimenti che vanno proprio nella direzione in cui il Ns. C.F. ha deciso di andare..... in considerazione di tutto il lavoro svolto per ratificare il protocollo di intesa con il CONI e il Ministero della Pubblica Istruzione che prevede l'inserimento del BILIARDO NELLA SCUOLA.
IL tutto sarà evidenziato a fine settimana al Campionato Europeo Individuale 5 birilli Seniores e Juniores in cui abbiamo ottenuto dall ON. Ministro Giovanna Melandri(grazie la Società Sportiva Dilettantistica[!!!] Centro biliardo sportivo AECLANUM ) il Patrocinio della Presidenza del Consiglio e del Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive.
Tutti noi stiamo lavorando per la crescita del Biliardo Sportivo e nn per l'AFFOSSAMENTO O LE SCISSIONI concordo in tutto quello che Paola ha scritto sui progetti Omologazioni e Albo Fornitori... e vi saluto perchè devo andare a preparare la valigia per Mirabella.

Allegato: [img]http://www.biliardoweb.com/snitz/immagini/icon_paperclip.gif[/img] Manifesto Europeo 2007 versione 5.pdf
373,39 KB

-----------------------------------------------------------
http://www.unmondoaparte.it/mp3/carte2.wav
-----------------------------------------------------------





Nessuno hai mai messo in discussione la validità delle iniziative che Lei cita, e se erroneamente non sono state lodate in questo forum, lo faccio io ora.

Detto ciò, gran parte di noi si aspetta risposte sulle decisioni del biliardo con le buche in primis e delle omologazioni, ma queste non arrivano mai. Argomenti sapientemente evitati o resi vaghi.

Credo che la federazione debba in qualche modo prendere atto che il 90% dei tesserati sia contrario per non dire contrariato da queste decisioni sul futuro del biliardo. Salvaguardare i propri associati credo debba essere uno degli obiettivi primari di ogni federazione. Fare il bene del biliardo credo consista anche nel non scontentare i tesserati, che alla fine sono quelli che mandano avanti tutto.

Saluti
giabog
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1259
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 8 gennaio 2007, 14:31

Messaggioda Clabo » mercoledì 28 novembre 2007, 14:00

Nessuno hai mai messo in discussione la validità delle iniziative che Lei cita, e se erroneamente non sono state lodate in questo forum, lo faccio io ora.

Detto ciò, gran parte di noi si aspetta risposte sulle decisioni del biliardo con le buche in primis e delle omologazioni, ma queste non arrivano mai. Argomenti sapientemente evitati o resi vaghi.

Credo che la federazione debba in qualche modo prendere atto che il 90% dei tesserati sia contrario per non dire contrariato da queste decisioni sul futuro del biliardo. Salvaguardare i propri associati credo debba essere uno degli obiettivi primari di ogni federazione. Fare il bene del biliardo credo consista anche nel non scontentare i tesserati, che alla fine sono quelli che mandano avanti tutto.

Saluti

[/quote]

Sapientemente evitati? Resi vaghi?
Ogni volta che un progetto è stato deliberato dal Consiglio Federale ne ho  sempre dato informazione.
Nello specifico del biliardo con le buche a molti di voi ho anticipato anche quella che sarebbe stata la delibera e nessuno può dire che è poi stata fatta in modo diverso da quello che vi ho detto.
Il progetto finalizzato alla nascita di una nuova specialità che nn andrà a cancellare o a sostituirsi all'attività sportiva sul biliardo Internazionale (della base dei Tesserati ) è stato presentato sugli organi ufficiali della Federazione ....oltre che ripreso in varie interviste del P.te A.Mancino e mie.....
Ribadisco che nn c'è peggior sordo di chi nn vuol sentire e nn dedicherò altro tempo per ribadire gli stessi concetti che sono stati sempre da me discussi nei termini in cui oggi sono stati realizzati.
Arrogarsi la limitazione al C.S.di serie A,come qualcuno ha scritto sul forum,è sinonimo di disonestà intellettuale perchè sono 2 anni che dico (anche sul forum e personalmente a molti di voi che ho incontrato alle prove BTP)come sarebbe  stato sviluppato il progetto dal Consiglio Federale.
Per quanto concerne il Progetto sulle Omologazioni e sull'Albo dei Fornitori oggi è prematuro che io parli di una bozza che deve ancora essere discussa e modificata nelle riunioni previste con le Aziende del Settore già fissate per gennaio 2008.
L'unica cosa certa che siamo una delle poche Federazioni in cui in questo settore nn ci sia una regolamentazione.....
SE Federalmente nn è possibile partecipare ad un torneo di ping pong con una racchetta nn omologata o su un tavolo nn omologato
Se Federalmente nn è possibile partecipare ad una gara di sci con sci attacchi nn omologati o su piste nn omologate
Se Federalmente nn è possibile partecipare ad una gara di nuoto con un costume nn omologato o in una piscina nn omologata
Se Federalmente nn è possibile partecipare ad un rally con una macchina con fiche di omologazione scaduta o con un impianto d'estinzione nn omologato o con un rallbar nn omologato
Se Federalmente nn è possibile partecipare ad una gara di tiro con l'arco con l'arco nn omologato (anche se posseggo quello ereditato da Robin Wood con faretra e frecce)
Se ai mondiali di calcio le Aziende partecipano alla gara d'appalto per l'omologazione del pallone con cui si giochera' lo stesso(e spesso completamente diverso da quelli usati nei vari Campionati Nazionali)
Se gli esempi di mia conoscenza sono moltissimi........
UN Motivo ci sarà, la regolamentazione sulle Omologazioni e sull'Albo dei Fornitori è prevista da ogni Federazione per evitare l'Anarchia del settore e per far partecipare le Aziende del settore anche economicamente allo sviluppo delle discipline sportive.
Appena il progetto sarà definitivo ne daremo ampia divulgazione sugli organi ufficiali della Federazione, nel frattempo il ns.  addetto stampa sò che stà preparando un primo articolo sugli incontri tenuti a S.Vincent con le Aziende del ns settore.

P.S. Anteprima per gli appassionati di Calciobalilla ... presto tt i tesserati andranno alle gare Naz. e Int. con le proprie stecche con ometti omologate poichè stanno facendo costruire i calciobalilla (brevattati e omologati) per rendere possibile questo e le aziende del settore partecipano economicamente alla gestione di questo sport con centinaia di migliaia di Euro...

-----------------------------------------------------------
http://www.unmondoaparte.it/mp3/carte2.wav
-----------------------------------------------------------
Clabo
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2065
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 16 novembre 2003, 18:03
Località: Brescia

Messaggioda Spiderman » mercoledì 28 novembre 2007, 14:14

Messaggio inserito da amelie

Se (è un ipotesi) per poter giocare con la mia stecca devo avere un bollino blu :D  che mi costa 10 euro, e so che qeusti soldi vanno in un fondo destinato ad esempio all'inserimetno del biliardo nelle scuole o cmq ad iniziative rivolte ai giovani beh.. io li darei volentieri.



Scusa Paola, se devo pagare 10 Euri per farmi mettere il "bollino blu" sulla stecca è una mia scelta e se non ne posso fare a meno li pago (anche se non lo condivido perchè la stecca è un accessorio troppo personale).
Ma se a pagare per l'inserimento nella lista dei materiali omologati dovesse essere il costruttore e quest'ultimo, per ragioni sue (magari perchè risiede all'estero e in Italia ha venduto 3 stecche, e secondo lui non vale la pena, oppure perchè ha smesso di lavorare), decide di non pagare, io mi trovo senza la possibilità di usare il mio attrezzo di gioco PERSONALE, che magari uso da anni e non vorrei cambiare per niente al mondo. Oltretutto, a parte i pro, tutti hanno pagato le proprie stecche. Se ho speso, che so, 500 euri per la mia stecca e domani mi dicono che non è omologata e non posso usarla più chi mi restituisce i soldi? E chi me ne da altri per comprarne una omologata?

Non c'è polemica, ci mancherebbe, non sono nemmeno interessato alla questione, ma voglio solo capire... :)

---------------------------------------------------------------------------------------------------

www.play-pool.eu - PlayPool, Pool Related Clothes

(in inglese fa più figo, vero?)
Spiderman
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2020
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 18 maggio 2004, 11:32
Località:

Messaggioda le technicien » mercoledì 28 novembre 2007, 14:22

:)  :)   Siamo già alla nona pagina e si può denotare la difficoltà di trattare questo argomento in modo risolutivo,purtroppo per ben che si risolva lascerà sempre qualcuno scontento.
Tutti sappiamo più o meno cosa si intende per omologazione... Quindi poveri coloro che sono alla continua ricerca della stecca che fà i punti da sola, studiando notte e giorno sulle modifiche da fare, che talune volte esse  sono talmente drastiche tali da non essere accettate dal principio dell'omologazione ;)
Quindi nell'ambito del biliardo è veramente difficile parlare di omologazione. Bisogna secondo me trovare un'altro termine che serva da base ad una struttura di un nuovo regolamento, il quale deve tener conto delle esigenze dei singoli giocatori lasciandoli liberi entro certi limiti sulle modifiche ed anche sulla scelta del proprio attrezzo!!!
Se standardiziamo tutto,è finita... A meno che no si stia tentando di fare una lobby delle ditte e allora è un altro AFFARE, che sarà difficile da gestire e che creerà non poche problematiche.
Se la Federazione ha bisogno di soldi, deve trovare altri canali che devono servire anche al rilancio del biliardo: sponsor, libri, giornali, corsi estesi in tutta Italia, televisione e se ciò non bastasse si potrebbe aumentare il prezzo della tessera. Saremmo pronti anche a questo affinche questo bellissimo gioco non si spenga. :D  :D
le technicien
Non connesso
Utente Ordinario
 
Messaggi: 42
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 7 febbraio 2006, 21:05
Località: Imperia

Messaggioda martille » mercoledì 28 novembre 2007, 14:33

Messaggio inserito da Clabo
[Se Federalmente nn è possibile partecipare ad una gara di tiro con l'arco con l'arco nn omologato (anche se posseggo quello ereditato da Robin Wood con faretra e frecce)



E questa dove l'hai letta????? Non è così, nel tiro con l'arco ci sono solo SPECIFICHE di come deve essere una arco tradizionale, un arco nudo, un arco olimpico, un arco compound. La federazione detta solo cosa può/non può avere un arco punto, idem per patellette, parabraccio ecc. e basta.

Una cosa è omologare pallone e porte, una cosa le scarpette che io potrei gradire fatte dal mio calzolaio

Una cosa è omologare tavolo, MODALITAì DI MONTAGGIO, ecc. (sono i campi di gioco) una cosa le stecche (gli strumenti di gioco)

_________________________________________________________

L'unico limite è il cielo !!!!!
martille
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 11351
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 12:54

Messaggioda Gianni » mercoledì 28 novembre 2007, 14:34

Vedi Gianni i progetti sugli Istruttori Federali,sul libro di didattica,sugli gli Juniores e i sui ns Campus scuola estivi nel Centro Nazionale CONI di Formia sono investimenti che vanno proprio nella direzione in cui il Ns. C.F. ha deciso di andare..... in considerazione di tutto il lavoro svolto per ratificare il protocollo di intesa con il CONI e il Ministero della Pubblica Istruzione che prevede l'inserimento del BILIARDO NELLA SCUOLA.
IL tutto sarà evidenziato a fine settimana al Campionato Europeo Individuale 5 birilli Seniores e Juniores in cui abbiamo ottenuto dall ON. Ministro Giovanna Melandri(grazie la Società Sportiva Dilettantistica[!!!] Centro biliardo sportivo AECLANUM ) il Patrocinio della Presidenza del Consiglio e del Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive.
Tutti noi stiamo lavorando per la crescita del Biliardo Sportivo e nn per l'AFFOSSAMENTO O LE SCISSIONI concordo in tutto quello che Paola ha scritto sui progetti Omologazioni e Albo Fornitori... e vi saluto perchè devo andare a preparare la valigia per Mirabella.

Allegato:  Manifesto Europeo 2007 versione 5.pdf
373,39 KB


Il mio era un modo di far capire la direzione, dove dovrebbero essere usate le energie della Federazione.
Sono iniziative lodevoli ed è un peccato che si riceva un comunicato ogni tanto, forse bisognerebbe far partecipare i tesserati un pò di più.

Purtroppo l'idea sul tavolo con le buche, non importa come sia partita  e chi vi doveva giocare.
Anche l'idea di una specialità nuova, non c'è nè bisogno o per meglio dire, chi potrebbe acquistare nuovi tavoli e levare gli internazionali.

Quando dicevo, di cercare qualcosa di nuovo (erano idee), ma non un nuovo gioco  :D  ;)  

In tutti i casi sono contento, che almeno con il mio post abbia dato a te la possibilità di spiegare la situazione, (non è un rimprovero), ma se questo succedeva un paio di pagine prima, ci saremmo forse risparmiati altri commenti.

Buon viaggio e auguri che i Campionato Seniores e juniores riesca bene.
Gianni
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2488
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 22 marzo 2004, 13:27
Località: Zurigo

Messaggioda giabog » mercoledì 28 novembre 2007, 14:44

Innanzitutto mi permetto di rilevare alcune lievi inesattezze e contraddizioni.

"Il progetto finalizzato alla nascita di una nuova specialità che nn andrà a cancellare o a sostituirsi all'attività sportiva sul biliardo Internazionale"
A quanto pare invece questa "nuova specialità" già da quest'anno va a sostituire la "vecchia" per quanto riguarda il campionato a squadre di serie A, altrimenti ci dovrete spiegare perché il campionato di seria a di biliardo all'italiana è stato abolito. Sostituito e non affiancato, mi sembra lampante. Tant'è che diversi giocatori tra i big non hanno aderito, pur sapendo di rinunciare a diversi quattrini, cosa che dovrebbe far riflettere.

Quanto alle omologazioni, un conto è omologare i campi da gioco e un conto è omologare un attrezzo come la stecca che è un qualcosa di ultra-personale. Un conto è omologare le palline e un conto le racchette, i palloni o gli scarpini, e via dicendo. Certo, il paragone con i motori non è molto calzante, se ad una gara di 125cc mi presnete con una 500cc, va bè, lasciamo stare.


Detto ciò, non è questo il fulcro del discorso, ma forse nel post precedente mi sono spiegato male. Gli appassionati non vogliono sapere, almeno principalmente, come avverrà il cambiamento, le delibere, e cose del genere. Vogliono sapere il perché di queste scelte! Quali benefici porta una tavolo con le buche al gioco del biliardo, in termini tecnici, di spettacolo e di diffusione?

PERCHE' IL BILIARDO CON LE BUCHE???

Questa è la domanda. E la risposta che uno si aspetta non è: anni fa è stato presentato questo progetto poi accantonato, ora è tornato alla ribalta. Il Consiglio Federale, tramite la delibera, bla bla bla....
giabog
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1259
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 8 gennaio 2007, 14:31

PrecedenteProssimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

Login Form

Chi c’è in linea

In totale ci sono 4 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 4 ospiti
Record di utenti connessi: 1297 registrato il domenica 12 giugno 2016, 22:21

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti