RSS Facebook Twitter

Come ci si sente ?

Area aperta a discussioni su qualsiasi argomento, anche extra-biliardo

Come ci si sente ?

Messaggioda Stelvio » giovedì 7 ottobre 2004, 8:26

Come ci si sente il giorno dopo aver perso alla 1 di notte la finale di batteria per 100 a 98 ?
Gara di olona96, stravinta 1^ e 2^ partita, in finale a 94 con un filotto davanti realizzo 4 e l'avversario (ovviamente) non mi perdona !
Quasi non ci ho dormito ! Quante volte vi è capitato ? che reazione avete avuto ?
Ciao

Stelvio
Stelvio
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Spirituale
 
Messaggi: 1741
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 5 novembre 2003, 13:13
Località: Pavia

Messaggioda amelie » giovedì 7 ottobre 2004, 8:37

Ciao Stelvio!
Mi dispiace molto! Ma come hai detto tu.... capita! E il paradosso è che..... non dovrebbe succedere! Ma siamo di fronte a quella che io chiamo "sindrome da tiro di chiusura". Penso sia successo a tutti e più di una volta!
Se ti può consolare c'è gente che ha perso in modo peggiore! Tipo 98 a 92 per me, l'avversario azzarda un tiro improbabile fa solo rosso e ripassa sul rosso ma.... con la sua!!! Lascio perdere tutti i discorsi sulla gestione della partita del tipo: hai fatto grossi errori prima.. ti sei concentrato bene per il tiro di chiusura.. ecc. ecc. perchè immagino tu te li sia già fatti!
Vedrai che ti passera appena rimetti piede in sala!! Pensa positivo.... la prossima volta andrà meglio!!
Amelie
amelie
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 9546
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 13 febbraio 2004, 18:53
Località: vicenza

Messaggioda luigi » giovedì 7 ottobre 2004, 9:17

Caro Stelvio,
una ventina di anni fa ho vissuto una situazione identica alla Tua. Chiedi che reazione ho avuto? Te lo dico subito, il posto ove si giocava distava circa 20 Km da casa mia, ebbene in quei venti chilometri mi sono "ampiamente", ma "molto" ampiamente, giocato ogni mia chance (se mai ne avevo) di entrare in Paradiso!
Credo proprio che il buon Pietro, ricordandomi quell'episodio, qualche annetto di Purgatorio me lo darà di certo.
luigi
Non connesso
Utente Super Spirituale
 
Messaggi: 1490
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 4 marzo 2004, 23:48
Località:

Messaggioda Ryno » giovedì 7 ottobre 2004, 9:25

Prendi l'esempio di quel Tizio che sbagliando un taglio a chiudere e andando a pagare con la sua compromise e perse la partita che era a suo netto vantaggio,e quella partita era la bella della finale del Mondiale Pro contro Mannone ;)



Scritto Da - Ryno on 07 Ottobre 2004  10:29:23
Ryno
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 832
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 23 maggio 2004, 22:00
Località: Andromeda

Messaggioda federicodellestelle » giovedì 7 ottobre 2004, 10:07

1994 ultima gara che ho fatto, finale di batteria con un professionista incommensurabilmente più forte di me, salvo in quel frangente, perdo la bella all'italiana 100 a 98 (o 96) sbagliando CLAMOROSAMENTE un angolo. Sono stato male una settimana il posto distava un'ora di macchina dal mio paese io ci ho impiegato 3 ore per ritornare. Non ne parliamo che mi incazzo ancora oggi.....
federicodellestelle
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 821
(Cerca: tutti)

Iscritto il: sabato 15 novembre 2003, 11:03
Località:

Messaggioda Stelvio » giovedì 7 ottobre 2004, 10:27

grazie a tutti per la comprensione e la solidarietà.
Amelie [/b, ho rianalizzato tutta la partita tornando a casa (anche con l'aiuto di mio figlio che era presente). Alcune piccole sbavature si potrebbero trovare anche durante l'incontro. Ma al tiro conclusivo "ho avuto comunque l'ultima chance" che ho ciccato !!!
[b]Luigi
: non ho smadonnato perchè non è mia abitudine (il paradiso me lo gioco per altri motivi) ma la delusione è stata tantissima perchè non posso appellarmi al ... fondoschiena dell'avversario, alla sfortuna accanitasi contro di me ... ma solo al mio maledetto braccio !!.
Grazie

Stelvio
Stelvio
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Spirituale
 
Messaggi: 1741
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 5 novembre 2003, 13:13
Località: Pavia

Messaggioda Roby » giovedì 7 ottobre 2004, 10:28

Da qualche parte ho gia' scritto ampiamente 2 casi successi a me, che riassumendo brevissimamente suonano cosi':
1) 98 a 62 per me ai 100 all'italiana, ho perso ...
2) 292 a 64 per il mio avversario goriziana ai 300 ho vinto ...
come ci si sente ? male in entrambi i casi credimi, non e' stato bello vedere la faccia avvilita del mio avversario nella goriziana, anche se ovviamente ero contento per aver recuperato una partita persa  ... e nemmeno vedere la faccia mortificata di quello che mi ha vinto ... xche' non l'ha vinta lui, l'ho persa io !!!
poi pero' passa anche se sono 2 episodi che rimangono nella memoria permanente !!!

Roby
Roby
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 3292
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 5 novembre 2003, 9:40
Località: Milano

Messaggioda spondapalla » giovedì 7 ottobre 2004, 10:35

[quote]
Come ci si sente il giorno dopo aver perso alla 1 di notte la finale di batteria per 100 a 98 ?
Gara di olona96, stravinta 1^ e 2^ partita, in finale a 94 con un filotto davanti realizzo 4 e l'avversario (ovviamente) non mi perdona !
Quasi non ci ho dormito ! Quante volte vi è capitato ? che reazione avete avuto ?
Ciao

Stelvio
[/quote]

Ciao Stelvio,

secondo me in questi casi si sta male perchè si ha l'immagine mentale (o meglio il video mentale) del tiro sbagliato che ti continua a tormentare..un po' come se fosse una punizione che tu dai a te stesso per l'errore. Cosa molto brutta per me è anche il tiro dell'avversario: si perchè anche se quello durante le tre partite su 10 filotti ne avesse fatti giusti 2, il tiro per punire tu che sbagli..no! deve fare per forza 8, o 10, o 12! Quasi avesse fatto lui un patto con la tua sfortuna (tipo "io lo colpisco, tu lo finisci"). A me, anche se non gioco ad alti livelli, mi è capitato qualche volta di sbagliare un tiro in chiusura o giu' di li', giornata intera con la faccia da "non infierite per favore". In ogni caso secondo me non bisogna evitare di pensarci, ma continuare a farlo,fino a che poi la rabbia e la delusione, come dice amelie, giocando, ti passano. S. Agostino diceva " fatevi illuminare dai vostri dubbi", beh, per me vale anche per gli errori   ;)

ciao
spondapalla
Non connesso
Utente Super Master Pro
 
Messaggi: 393
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 28 settembre 2004, 16:51
Località: Domaso

Messaggioda Stelvio » giovedì 7 ottobre 2004, 10:40

[quote]
S. Agostino diceva " fatevi illuminare dai vostri dubbi", beh, per me vale anche per gli errori   ;)
[/quote]

E' una grossa verità: dovremmo sempre ripensare agli errori e alle partite perse, xchè ricordarsi di quelle vinte e dei colpi perfetti (al di la della intima soddisfazione) non da alcun valore aggiunto.

Stelvio
Stelvio
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Spirituale
 
Messaggi: 1741
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 5 novembre 2003, 13:13
Località: Pavia

Messaggioda spondapalla » giovedì 7 ottobre 2004, 11:21

Sai stelvio quel il guaio secondo me? Imparare dagli errori è giusto, ma se ad esmpio sbagli un filotto piazzato, e manchi il castello di una biglia, che "crescita tecnica" hai dopo questo errore? Credo nessuna.. un conto è se tiri l'erzegovina e la fai stretta, dici "la prossima volta la allargo di piu'", ma un filotto piazzato, uno lo sa benissimo come si tira, con quale effetto, quale quantità ecc.. La crescita che sarebbe giusto avere per me è quella "mentale" o "sportiva", cioè imparare a conoscere meglio il modo con il quale noi stessi ragioniamo, decidiamo i tiri e reagiamo alla partita. Solo la tecnica non puo' bastare credo, ci vuole anche un'"intelligenza di gioco", e credo che quella possa crescere anche ripensando a un filotto mancato. Scusa se ho abusato di alcune parole ma mi viene un po' difficile spiegare il mio pensiero su questo  :ferito: , spero comunque di essermi espresso abb. bene..
spondapalla
Non connesso
Utente Super Master Pro
 
Messaggi: 393
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 28 settembre 2004, 16:51
Località: Domaso

Messaggioda sinonparet » giovedì 7 ottobre 2004, 11:25

[quote]
Prendi l'esempio di quel Tizio che sbagliando un taglio a chiudere e andando a pagare con la sua compromise e perse la partita che era a suo netto vantaggio,e quella partita era la bella della finale del Mondiale Pro contro Mannone ;)



Scritto Da - Ryno on 07 Ottobre 2004  10:29:23
[/quote]

...era la bella, conduceva per 41 a poco + di 20 o giù di lì, sbagliò filotto, lasciò fisso che pagò con un rosso di allora da 10 pt., si salvò il tiro successivo difendendo ma, un 2 a modo di 3 di Mannone levò dal castello un altro rosso pulito e sul tentativo di "schiacciata" con avversaria a "nanna" in lunga mr Tizio, in arte Gustavo Zito, bevve 6 punti e posò le armi.... ma da allora, quante finali di mondiale ha giocato Zito senza + perderne nemmeno una?
sinonparet
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2122
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 gennaio 2004, 13:27
Località: Milano

Messaggioda spondapalla » giovedì 7 ottobre 2004, 12:12

Accidenti, avessi la cassetta di quella partita... Mi piace tantissimo come gioca Mannone, anzi, se qualcuno ha una cassetta Belluta-Mannone me la potrebbe prestare? Mi sbarrerei in casa da solo, tutti fuori, mamma compresa, per un paio d'ore  :)
spondapalla
Non connesso
Utente Super Master Pro
 
Messaggi: 393
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 28 settembre 2004, 16:51
Località: Domaso

Messaggioda lupomarino » giovedì 7 ottobre 2004, 12:16

[quote]
...Come ci si sente il giorno dopo aver perso alla 1 di notte la finale di batteria per 100 a 98...
[/quote]

Tutto passa... e se non passa... passerà.
Immagine
lupomarino
Non connesso
Avatar utente
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1038
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 18 novembre 2003, 9:30
Località: Inzago

Messaggioda luigi » giovedì 7 ottobre 2004, 12:47

[quote]
Imparare dagli errori è giusto, ma se ad esmpio sbagli un filotto piazzato, e manchi il castello di una biglia, che "crescita tecnica" hai dopo questo errore?

Ci sarà pure un "motivo" perchè si è mancato quel filotto, o no? Solo il fato? La casualità? Il destino avverso? La Sfortuna? La stecca? La moglie? Il biliardo "strano"?
Non sarà invece che uno si è impostato male? non in linea? non ben saldo sugli appoggi? ha brandeggiato male? ha impugnato male? non ha ben distribuito il peso del corpo? non ha allungato la steccata? non l'ha bloccata? ha mancato di concentrazione? ha mancato di attenzione? ha tagliato quando non ci voleva? non ha tagliato quando ci voleva? ha sbagliato la scelta della steccata appropriata? non ha mantenuto l'immobilità assoluta durante l'esecuzione? non ha mantenuto una "ragionevole" immobilità "dopo" l'esecuzione? non ha? non ha? non ha? Tutto questo è "tecnica" ed è solo analizzando i propri errore dal punto di vista tecnico che si può avere appunto una... "crescita tecnica". Come giocatore, prima ci si "costruisce" tecnicamente e quindi si impara ad "eseguire", poi si impara a "giocare" e, infine, ci si dota del carattere per affrontare la competizione. Dopo di che si vince e si perde in quanto si deve sempre essere consapevoli che "sbagliare fa parte del gioco", ma, come dice sempre Cifalà e lo conferma lo stesso Zito, a cui Cifalà lo disse: "E' perdendo che si impara a... vincere". Analizzando i propri errori si migliora tecnicamente, ma, ben inteso, se lo si fa analizzandoli dal punto di vista "tecnico" e non emotivo. Zito patì quella sconfitta perchè delle tre fasi che compongono il giocatore, in quel momento, era perfetto solo nelle prime due, mancava il "carattere", da quel punto di vista (come Lui ammise successivamente, citando appunto la frase di Cifalà, non era "ancora" pronto, perse perchè su di un filotto, per Lui di media difficoltà, il braccio gli tremò. Basta quardare il filmato ove è assolutamente evidente il gesto scoordinato del braccio con conseguente sbandata e boiata assoluta come risultato, quello era il tiro di chiusura che valeva un Mondiale, il suo "primo" mondiale, è umano che abbia patito l'emozione. Ma da allora, dato che Lui analizza eccome i suoi errori, di Mondiali, quando Gli è capitata l'occasione vincente... non ne ha più persi nessuno.
Stelvio, a fronte di una sconfitta quale la Tua, ognuno reagisce come meglio crede, può anche limitarsi ad un "perbacco", un "poffarbacco", un "accidenti", un "perdinci" o anche un più berlusconiano... "cribbio". Le vie del Signore sono infinite, ognuno segue quella che preferisce, a volte: quando ce vò ce vò, magari anche San Pietro gioca a biliardo e allora sono certo che chiuderà un occhio.
luigi
Non connesso
Utente Super Spirituale
 
Messaggi: 1490
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 4 marzo 2004, 23:48
Località:

Messaggioda bb » giovedì 7 ottobre 2004, 12:52

Sto partecipando a un torneo tra amici, a gironi da 4, ai 120 punti, tutti si incontrano tra loro conuna partita secca,passano i primi due.

Gioco la prima partita e la perdo 123 a 118,giochiamo entrambi abbastanza bene.

La seconda la conduco io in testa anche con un margine di 33 punti avanti (che all'italiana e ai 120 punti secondo me è tantissimo) ad un certo punto non mi viene fuori più niente, sbaglio i tiri più semplici e piano piano l'avversario mi raggiunge e mi supera.

Leggendo il libro di Luigi e di Colombo questo punto della partita mi sembra si  dica andare in "sofferenza".

Caspita ragazzi soffrivo veramente, ritenevo la cosa non giusta, anche perchè avevo giocato bene fino a quel momento...

Comunque si arriva quasi alla fine:punteggio 117 per lui 110 per me, mi ritrovo un filotto, mi concentro, lo tiro...8 punti... dopo aver sfiorato di un capello il 2 esterno.
Resto impietrito anche perchè non ho lasciato nessuna messa anzi l'avversario si ritrova un bellissimo sfaccio a portata di mano e di partita.
Lo tira e io chiudo gli occhi...vedo solo il primo passaggio della palla che abbatte la fila di mezzo dei birilli..mi giro sconsolato smontando piano la stecca...
Ragazzi non so come, perchè io non quardavo, ma HA BEVUTO 10 PUNTI...risultato finale:io 128 lui 117 ed io che continuo nel torneo.
Sono sincero mi è dispiaciuto molto che lui sia uscito dal torneo, ma allo stesso tempo sentivo dentro di me che non sarebbe stato giusto che ad uscire fossi io dopo le ottime partite che avevo disputato,la prima anche se perdendo e le altre in seguito vinte.

Anche a me è capitata di trovarmi in situazione di vantaggio come Stelvio e perdere, fa male ma l'importante è non arrendersi mai e dagli errori fatti capire dove rimediare .

CIAOI A TUTTI/E
BB
bb
Non connesso
Avatar utente
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1045
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 11 novembre 2003, 16:17
Località: Milano

Prossimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 21 ospiti

Login Form

Chi c’è in linea

In totale ci sono 22 utenti connessi :: 1 iscritto, 0 nascosti e 21 ospiti
Record di utenti connessi: 1297 registrato il domenica 12 giugno 2016, 22:21

Visitano il forum: Google [Bot] e 21 ospiti