RSS Facebook Twitter

Bigliardosofia e Cretinismo

Area aperta a discussioni su qualsiasi argomento, anche extra-biliardo

Bigliardosofia e Cretinismo

Messaggioda billy » lunedì 5 luglio 2004, 10:58

Da “sudate carte” del secolo scorso.

Comportamento per l’atto creativo.

Il processo creativo può essere suddiviso in due fasi principali: l’esplorazione e l’applicazione.
Nella fase esplorativa,si generano le idee, nuovi tiri,nuove soluzioni, si stabiliscono nuovi nessi, si ricercano schemi insoliti.
Si immagina, si va a tentoni, si infrangono le regole e si lasciano maturare le idee in fondo alla mente.
Nella fase applicativa , si valutano e si mettono in praticale idee, si determina quanto siano applicabili e se soddisfano i propri criteri. Si getta l’idea nell’agone dell’azione, passando da “se fosse…” a  “è così”. Le due fasi sono complementari: nella prima si allarga l’orizzonte del proprio pensiero; durante la seconda lo si restringe.


Comportamento in “partita”

Bah… lasciamo perdere… la bigliardite mentale invischia più dei numeri e…il cretinismo galoppa.

billy
billy
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1212
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 1 aprile 2004, 13:56
Località: Lonato

Messaggioda Ryno » lunedì 5 luglio 2004, 12:46

Non so se stai iniziando tu ad essere piu' chiaro o sono io che inizio a comprenderti meglio :)
"L'esplorazione":e' una fase che secondo me perde chi gioca solo ed esclusivamente partite impegnate.
Per il comportamento in partita io ce l'avrei un motto....e' una semplice frase di tre parole che da quando me la ripeto mi ha fatto migliorare di almeno una categoria abbondante....
Ryno
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 832
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 23 maggio 2004, 23:00
Località: Andromeda

Messaggioda billy » lunedì 5 luglio 2004, 13:21

vabbè ho capito,devo comiciare io.

Comportamento in “partita”

Nello svolgimento della partita il giocatore rinuncia all’indagine dei principi e dell’intima essenza del gioco e mediante l’esperienza osserva i fenomeni così come essi accadono collegandoli fra loro secondo i loro rapporti di successione e di somiglianza,ossia secondo le leggi fisiche e geometriche alla base del gioco stesso.
Ma non deve…indagare.



Ryno... fuori il motto

Scritto Da - billy on 05 Luglio 2004  14:16:51
billy
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1212
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 1 aprile 2004, 13:56
Località: Lonato

Messaggioda sinonparet » lunedì 5 luglio 2004, 19:42

Tre parole? Sole, cuore, amore!!!  Immagine


Cogito ergo sum!Immagine



Scritto Da - sinonparet on 05 Luglio 2004  19:45:09
sinonparet
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2122
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 gennaio 2004, 14:27
Località: Milano

Messaggioda Ryno » lunedì 5 luglio 2004, 20:12

[quote]

Ryno... fuori il motto

Scritto Da - billy on 05 Luglio 2004  14:16:51
[/quote]
"Difesa ad oltranza!"......o e' meglio "Punti ad oltranza!"?
Ryno
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 832
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 23 maggio 2004, 23:00
Località: Andromeda

Messaggioda Ryno » lunedì 5 luglio 2004, 20:14

Sicuramente il primo risulta piu' efficace durante una classica cartiata,e forse anche in partita sempre a goriziana,il secondo a 5 birilli?....o e' meglio sempre il primo motto?



Scritto Da - ryno on 05 Luglio 2004  20:17:35
Ryno
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 832
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 23 maggio 2004, 23:00
Località: Andromeda

Messaggioda billy » martedì 6 luglio 2004, 9:15

a volte sei incudine altre martello,se nel mezzo stai ..fondi e son guai.

ma perchè devo sempre inventarne uno nuovo?
billy
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1212
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 1 aprile 2004, 13:56
Località: Lonato

Messaggioda k_josef » martedì 6 luglio 2004, 19:05

"Quando vediamo una palla da biliardo che corre diritto verso l'altra, anche supponendo che nasca per caso in noi il pensiero del movimento della seconda palla come risultato del loro incontro, potremmo benissimo concepire altre possibilità differenti: per esempio, che le due palle rimangano entrambe ferme o che la prima ritorni indietro diritto o scappi da uno dei lati.." D. Hume
Vedendo (in TV) come Belluta scuoteva infelice la testa nel suo incontro (vinto) con Zito in una delle prove del campionato BTP veniva da pensare al campione inglese.. di scetticismo (e non conosceva l'angolo 50!!)
k_josef
Non connesso
Utente Ordinario
 
Messaggi: 43
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 1 dicembre 2003, 16:37
Località:

Messaggioda luigi » martedì 6 luglio 2004, 19:20

Cos’altro significa “difesa ad oltranza” se non... “impedire all’avversario di arrivare al traguardo”  e “punti ad oltranza” se non... “arrivare al traguardo prima dell’avversario” ? Personalmente ho una mia idea su quale delle due sia preferibile, ma dirla non significherebbe nulla, è solo la “mia” opinione e vale quanto qualsiasi altra, non è importante. Quello che è importante, credo, è che “ognuno” abbia una “sua” idea e che, come giocatore, si comporti coerentemente con “quella”. Ovviamente, nella realtà della pratica di gioco, dato che le cose non sono mai “o bianche o nere”, ma ci sono innumerevoli sfumature da considerare, il giocatore deve avere sufficiente duttilità mentale e capacità personale, per adattare, di volta in volta, alla situazione contingente, la sua strategia di base, per cui in determinate circostanze anche il difensore più accanito deve sapersi trasformare in attaccante e viceversa. Ma, di fondo, è fondamentale “avere” una propria precisa “biliardosofia” (per timanere nel tema) di gioco e non, come dice giustamente billy, restare a metà del guado, ne carne ne pesce, in questo modo non si fa altro che subire sempre il gioco dell’avversario oppure, cosa anche peggiore, si finisce per “giocare come Lui” (non billy, ma “l’avversario” intendo). Se invece, almeno in partenza, si ha un proprio modulo di gioco, si può cercare di imporlo all’altro, se la cosa riesce, bene, si costringerà l’antagonista a giocare sul nostro terreno favorito, dove sappiamo muoverci con più sicurezza, se non ci si riesce... pazienza, se l’altro è più bravo c’è mica niente da fare... si perde e si aspetta la prossima. Ma, per imporlo, prima di tutto è necessario “averlo” un “proprio modulo di gioco”, sviluppato in base alla propria personalità ed alle proprie caratteristiche fisiche, se si è dotati di sensibilità, ma scarsa potenza è ridicolo battere filotti a tutto biliardo a più passate con la battente sotto sponda, solo perché... l’altro lo fa. L’unico risultato che si ottiene è “di farlo felice”, l’altro.... Ogni “scelta di tiro” che si attua durante una partita, è la risultante di numerosi fattori, ma è anche, o forse principalmente, la risultante della propria “biliardosofia di gioco” e quindi, si torna all’inizio, è meglio fare “la corsa” o fargli “lo sgambetto”?
Nel suo libro “Il Biliardo guida pratica completa”, Riccardo Belluta dice testualmente: “Ricordate comunque che un buon giocatore di biliardo si riconosce dalla scelta di tiro e non dalla quantità di birilli che abbatte: molto spesso una buona “messa” o “stevola” è più efficace e redditizia di un “filotto”.
luigi
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1384
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 5 marzo 2004, 0:48
Località:

Messaggioda Ryno » martedì 6 luglio 2004, 20:40

[quote]
Cos’altro significa “difesa ad oltranza” ? [/quote]

Ti dico quello che significa per me:"Cercare l'errore dal lato giusto"
x esempio:in un taglio o in un raddoppio molto angolati,un traversino scomodo,in un angolo di prima non proprio a spingere ecc.,specie se non facili,ecc.,concentrarsi piu' sul posizionamento difensivo finale delle biglie che cercare i birilli a tutti i costi.
[quote]
“punti ad oltranza” ... ? [/quote]
Priorita' filotto,cercare di fare piu' punti possibili,cercare pallini da 4 con il dubbio posizionamento finale delle biglie,sparare sui pallini da 3 ecc.

PS:Probabilmente il comportamento giusto dipende anche dall'andamento della partita??


Scritto Da - ryno on 06 Luglio 2004  22:18:55
Ryno
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 832
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 23 maggio 2004, 23:00
Località: Andromeda

Messaggioda billy » mercoledì 7 luglio 2004, 8:49

[quote]
[quote]

Ryno... fuori il motto

Scritto Da - billy on 05 Luglio 2004  14:16:51
[/quote]
"Difesa ad oltranza!"......o e' meglio "Punti ad oltranza!"?


[/quote]
Ryno, “sicuro” di avermela raccontata giusta sul tuo mantra della potenza?

Un mantra è una parola o una frase che se ripetuta più volte,crea uno stato mentale specifico.Per far si che un mantra lavori per voi, rilassatevi per alcuni momenti e poi pronunciate mentalmente le parole che stimoleranno le associazioni desiderate. Per esempio,pronunciate la parola “rilassamento”nella mente,e vi rilasserete.Il trucco sta nel trovare un ritmo che vi faccia mantenere la concentrazione.Fate in modo che ogni parola costituisca un pensiero completo,isolato da una pausa di silenzio.Ascoltate nella vostra mente il silenzio che segue ogni parola.
Sul tiro sono portato a pensare che Tu adoperi un : TI…..SPACCO…..  Personalmente userò un più morbido : Ti…prendo…Ti….prendo…Ti…VAI.

Tummp…..chok……frrrrr … uauuu.


Billie


p.s.  Claus perdona l’uauuu,Pablo impara,e qualcuno …comprende.
billy
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1212
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 1 aprile 2004, 13:56
Località: Lonato

Messaggioda Roby » mercoledì 7 luglio 2004, 9:49

Te compriendo Pedro te compriendo ... diceva una pubblicita' di qualche annetto fa ... ;)

Roby
Roby
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 3292
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 5 novembre 2003, 10:40
Località: Milano

Messaggioda billy » mercoledì 7 luglio 2004, 9:54

[quote]
Te compriendo Pedro te compriendo ... diceva una pubblicita' di qualche annetto fa ... ;)

Roby
[/quote]
Erano i tempi di.. Pedrito El Drito.
ciao amicone
billy
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1212
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 1 aprile 2004, 13:56
Località: Lonato

Messaggioda Ryno » mercoledì 7 luglio 2004, 16:25

[quote]
Ryno, “sicuro” di avermela raccontata giusta sul tuo mantra della potenza?

[/quote]

Ti giuro che non ho detto bugie,semmai qualcosa che gia' reputo assolutissimamente affermativa l'ho posta sotto forma di domanda,ma niente piu'....
Per quanto riguarda il mio vero mantra e' in dialetto siciliano,messinese per l'esattezza con qualche sfumatura napoletana,quindi ti verrebbe un po' complicato capirlo :D

Piuttosto dai tuoi ultimi post suppongo che hai iniziato a fumare pesante,cosi' mi fai venire nostalgiaImmagine
Ryno
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 832
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 23 maggio 2004, 23:00
Località: Andromeda

Messaggioda billy » mercoledì 7 luglio 2004, 16:57

/quote]


Piuttosto dai tuoi ultimi post suppongo che hai iniziato a fumare pesante,cosi' mi fai venire nostalgiaImmagine


[/quote]
ma come?hai affermato che cominci a capirmi,devo tornare alle...filastrocche?
vado in ferie.
ciao
billy
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1212
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 1 aprile 2004, 13:56
Località: Lonato

Prossimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

Login Form

Chi c’è in linea

In totale ci sono 5 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 5 ospiti
Record di utenti connessi: 1297 registrato il domenica 12 giugno 2016, 23:21

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti