RSS Facebook Twitter

bilanciatura stecca

Tecnica, tattica, sistemi e materiali di gioco

bilanciatura stecca

Messaggioda 3806 » venerdì 26 novembre 2004, 18:33

ciao a tutti, vorrei per cortesia sapere se qln ha qualche base per sapere come si bilancia una stecca per 5 birilli e che valore hanno i pesi spostati o piu' avanti o piu' indietro. grazie mille!!!
3806
Non connesso
Nuovo Arrivato
 
Messaggi: 1
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 26 novembre 2004, 18:15
Località:

Messaggioda Andros » domenica 28 novembre 2004, 20:11

...domanda già fatta e quintali di risposte già date...ti conviene andare a vedere i vecchi post sull' argomento... :)
Andros
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 11542
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 4 novembre 2003, 23:22
Località: Roma

Messaggioda Ryno » domenica 28 novembre 2004, 20:34

Ryno
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 832
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 23 maggio 2004, 22:00
Località: Andromeda

Messaggioda Bruce » domenica 28 novembre 2004, 22:56

:boh:  :boh:  :boh:  :boh:

Mi sembra solo pubblicità.
Per bilanciare una stecca ci vogliono anni di esperienza, non è facile da spiegare.
Ci sono tre variabili che si compensano: COLPO - SPINTA - SCARTO, spostando i pesi anche di pochi mm, variano tutti, magari aumenta la spinta ma diminuiscono il colpo e si sposta lo scarto. Io le faccio bilanciare a chi è più bravo di me, non sono in grado di farlo, per ora.... Magari tra una decina d'anni.  :P



Scritto Da - Bruce on 28 Novembre 2004  22:56:59
Bruce
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 3723
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 23 settembre 2004, 13:38
Località: Monza

Messaggioda Ryno » lunedì 29 novembre 2004, 6:33

[quote]
:boh:  :boh:  :boh:  :boh:

Mi sembra solo pubblicità.
[/quote]
Se l'avessi letto e guardato con più attenzione e perspiscacia non l'avresti detto,e non ho niente a che fare con la Longoni,tant'è che uso stecche di altre marche.......




Scritto Da - Ryno on 29 Novembre 2004  06:34:51
Ryno
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 832
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 23 maggio 2004, 22:00
Località: Andromeda

Messaggioda Bruce » lunedì 29 novembre 2004, 6:50

Si, ho capito Ryno.
Ma lì ti spiega il meccanismo di bilanciatura per quel modello di stecca, secondo le innovazioni tecnologiche che sono state fatte. E se uno ha un'altra stecca?
Chi ha aperto la discussione sulla bilanciatura penso volesse delle spiegazioni migliori a riguardo, non che le debba "dedurre" leggendo quella pagina web.
Ripeto, secondo me è estremamente difficile bilanciare una stecca correttamente, ci vogliono anni di esperienza.
Tante persone pensano di essere capaci, basta avere due chiavi o due pinze ma non è così, quelle stesse persone le vedi con le pinze in mano un giorno si e l'altro pure.
Il giorno prima la stecca va benissimo, bilanciata perfettamente, il giorno dopo sbagliano un tiro e ..... vai con le pinze.
Io per prova, ho fatto bilanciare la stessa stecca a due professionisti, uno mi ha portato tutti i pesi avanti; l'altro me li ha messi tutti indietro. Alla fine li ho sistemati come credevo meglio io perchè nessuno dei due ci aveva preso.  :boh:
Ripeto, non è facile. Provare per credere.
Chi è veramete capace è in grado di dirti prima di aprirla, quanto pesa una stecca e se i pesi sono posizionati in avanti o indietro.
Bruce
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 3723
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 23 settembre 2004, 13:38
Località: Monza

Messaggioda sinonparet » lunedì 29 novembre 2004, 20:58

Cari Ryno e Bruce la domanda posta dal nuovo arrivato 3806 sarebbe in grado di aprire una tavola rotonda e farla diventare quadrata prima di alzarsi. Nn esiste una stecca bilanciata bene o bilanciata male: esistono stecche che se usate da quel giocatore, con i pesi in quel determinato punto, manifestano alcune peculiarità. Un altro giocatore potrebbe nn trovarsi bene e apportebbe qualche modifica... Io nn ho certo un'esperienza tale da essere in grado di bilanciare una stecca in 4 e 4 otto, ma vi assicuro che ho smanettato di quel tanto con pinze, chiavi e pesi da aver recepito delle utili informazioni. Il fatto è che ogni stecca per ogni giocatore da il meglio solo quando i pesi vengono posizionati in un determinato modo che nn è quasi mai lo stesso e che, in alcune occasioni, comporta anche una variazione del peso complessivo dell'attrezzo.... alla fine ci si infila in un vicolo quasi cieco. Bruce ricordi la mattina della gara di Biliardoweb? Provai la tua stecca e ti dissi che batteva bene; rimasi stupito quando mi dicesti che pesava intorno ai 615/620gr (dico bene?) in quanto sembrava  leggera... però, mentre riscontrai immediatamente una gran spinta sui filotti, dal'altra mi accorsi che sul mezzo colpo dovevo aumentare la massa (dico bene Billy?) che abitualmente utilizzo con la mia stecca. Se avessi dovuto usare la tua stecca, dovevo prendere una decisione: o rivedevo la mia steccata per il mezzo colpo o aumentavo leggermente il peso o magari spostavo in avanti i pesi. Magari tu ti trovi benissimo così com'è in tutti i tiri... Lo stesso giorno Roby, nel chiedere a Billy info su un giro, prese la mia stecca per provarlo. Fin dal suo primo tiro che eseguì mi accorsi che era abituato ad un attrezzo che scaricava meno potenza sulla battente; infatti arrivava sull'avversaria con molto colpo e questa "squarciava" allargando il giro. Roby, ammonito da Billy circa il trattamento della battente, fece il giro al primo colpo... e questi  sono banalissimi esempi e valgono per il nsotro livello di gioco; figuriamoci quante altre sfumature sono in grado di scovare i grandi giocatori...
sinonparet
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2122
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 gennaio 2004, 13:27
Località: Milano

Messaggioda Andros » lunedì 29 novembre 2004, 21:38

..a proposito del sistema illustrato sul sito della Longoni.
Sono rimasto "basito". Spacciare per novità
il sistema "Vibraless", beh fa molto  pensare.
Spacciare un' asta filettata di comune alluminio e dei pesi di ottone con degli "o" ring come innovazione
non stà ne in cielo ne in terra.
E' un sistema usato da sempre.
Forse che alla Longoni non hanno mai "aperto" stecche di altre ditte?
Andros
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 11542
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 4 novembre 2003, 23:22
Località: Roma

Messaggioda Ryno » lunedì 29 novembre 2004, 22:22

Bravo Andros,e siccome la maggior parte delle stecche usa quel sistema,quello che volevo intendere io è che da quel grafico possiamo farci una buonissima idea di cosa cambia spostando i pesi più avanti o più indietro ;)



Scritto Da - Ryno on 29 Novembre 2004  22:22:47
Ryno
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 832
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 23 maggio 2004, 22:00
Località: Andromeda

Messaggioda Andros » lunedì 29 novembre 2004, 22:28

..un piffero cambia...un piffero...
Andros
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 11542
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 4 novembre 2003, 23:22
Località: Roma

Messaggioda Bruce » mercoledì 1 dicembre 2004, 7:43

Per avere una bilanciatura perfetta la parola è una sola: equilibrio.
La stecca perfetta per tutti i tiri non esiste, se vuoi più spinta devi rinunciare a qualcos'altro. Aldo Lupini la stecca la calibra più per i giri e le garuffe, visto che sono i tiri che a biliardo ti capitano più spesso.
Bruce
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 3723
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 23 settembre 2004, 13:38
Località: Monza

Messaggioda Claus72 » mercoledì 1 dicembre 2004, 14:51

Salve raga,

È da ieri che voglio inserirmi in questa discussione e appena inizio a scrivere succede qualcosa...Immagine

Innanzitutto vorrei che Bruce mi chiarisse cosa intende per "colpo" e "spinta"...bho?

Ad ogni modo la mia personalissima opinione è che a sta cosa dei pesi regolabili si dà un'importanza e uno status assolutamente esagerati. Non mi sembra che la stecca sia un attrezzo di precisione micrometrica, nè credo esista una bilanciatura per garuffe, una per giri, una per raddrizzi e cosí via (per il massè sì, ma questo è un discorso a parte). In fin dei conti quello che cambia con sti benedetti pesi è il peso totale dell'attrezzo e la posizione del baricentro, quest'ultima poi non è che cambi drasticamente, come riportato nel documento a cui ha fatto riferimento Ryno, nei sistemi tradizionali si ha un'escursione di 2/3 cm e la Longoni dice di poter offrire un'escursione di 7cm con il suo sistema vibraless (secondo Andros questo sistema è identico a quello usato da altri fabbricanti, quindi immagino che questa misura sia più o meno quella standard).

Lo scarto, per quel che ne so io, dipende dalla rigidità generale dell'attrezzo e soprattutto del puntale...può la distribuzione dei pesi influire sulla rigidità dell'attrezzo tanto che lo spostamento di pochi millimetri di questi accentui o diminuisca lo scarto? Io credo di no.

Lo dissi una volta e lo ripeto ora: c'è molto marketing dietro alle stecche da internazionale.


________________________
No es la adversidad la que separa los seres, sino el crecimiento... Pablo Neruda
Claus72
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 3129
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 21 dicembre 2003, 21:29
Località: Santo Domingo

Messaggioda Bruce » mercoledì 1 dicembre 2004, 15:30

Ciao Claus, ti do pienamente ragione quando dici che molti danno troppa importanza alla regolazione dei pesi e hanno sempre le pinze in mano (Sinon non me ne voglia, questo può diventare un difetto, il giocatore non ammette un suo errore e lo imputa alla stecca). Un mio amico ha avuto un periodo in cui era all'apice della forma, ha saldato i pesi con la saldatrice, in modo che non gli venga più la voglia di spostarli.
Per quanto riguarda la spinta e il colpo, quando una stecca "spinge" scarica maggior potenza sulla palla avversaria, ha più "colpo" quando ammortizza in modo considerevole la palla battente.
La stecca non deve avere ne troppa spinta e poco colpo e/o viceversa, in quanto le corse delle biglie non ti permetterebbero, nel caso ad esempio di una raddrizzata di fare una messa centrale o diagonale; se la stecca spinge troppo l'avversaria o ammortizza troppo la battente si rischia di rimanere sotto di un tiro a vista facilitando il gioco dell'avversario.
Per quanto riguarda lo scarto sono convinto anch'io che dipenda unicamente dalla flessibilità dei materiali ( soprattutto il puntale); se una stecca scarta non è un difetto ma una cosa naturale, basta sapere dove scarta per sapersi regolare, poi uno, può trovarsi meglio se la stecca va a favore o no, questo si, ma non può dire che le stecche degli altri scartano, in quanto lo fanno tutte.
La regolazione dei pesi influisce sullo scarto, anche se di pochissimo. Fai una prova: metti tutti i pesi verso il calcio della stecca e tira da angolo ad angolo (passando sul castello senza birilli) di effetto 3, devi mirare l'angolo, vedi se ti ritorna sulla punta della stecca vuol dire che la meccanica è giusta e la stecca va bene. Poi metti tutti i pesi in testa, vicino al canotto e ripeti lo stesso tiro allo stesso modo, noterai che la palla non ti ritorna sulla punta della stecca, ciò vuol dire che la regolazione dei pesi influisce leggermente sullo scarto e sulla sensibilità dell'effetto trasmesso.
Haloa.
Bruce
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 3723
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 23 settembre 2004, 13:38
Località: Monza

Messaggioda Bruce » mercoledì 1 dicembre 2004, 15:47

x Sinon.
Io le mie stecche le faccio bilanciare a Graziano ( quello dello yoga ), lui è un fenomeno.
Quando soppesa la stecca con le mani mi sa dire quanto pesa con il minimo errore, mi dice se i pesi sono regolati bene.
Io, siccome non ho una meccanica esecutiva valida, partirei da una base sbagliata non sapendo se l'errore l'ho fatto io o se è della stecca. Lui che nel braccio ha un dono di natura eccezionale mi sa dire invece se la stecca è a posto. Mi sono sempre trovato alla grande.
Bruce
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 3723
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 23 settembre 2004, 13:38
Località: Monza

Messaggioda Claus72 » mercoledì 1 dicembre 2004, 16:20

Ciao Bruce, ho capito le tue definizioni, anche se devo dire che mi sembra si voglia delegare all'attrezzo responsabilità che sono del giocatore...velocizzare l'avversaria, ammortizzare la battente, eccetera, eccetera, sono cose che si ottengono con una corretta (e differente) meccanica esecutiva non distribuendo i pesi dentro alla stecca, questa la mia umile opinione.
Per quanto riguarda le prove che mi consigli non credo di poterle fare, la stecca da birilli che ho usa un'asta attaccata al calciolo lunga una ventina di centimetri, quindi anche mettendo tutti i pesi in avanti (io li ho tolti i pesi, non riesco a giocare con un carro armato) il baricentro non si sposta che di un mezzo centimetro, l'unica cosa che cambia è il peso generale dell'attrezzo.
In linea di massima un baricentro avanzato favorisce la potenza mentre uno più vicino all'impugnatura favorisce il controllo. Scarto (deviazione della biglia in senso contrario all'effetto) e deflezione (deviazione della biglia nel senso dell'effetto) dipendono dalla velocità del tiro, la quantità di effetto, dalla rigidità e diametro del puntale e dal parallellismo della steccata con il piano di gioco, non c'entra niente con il peso e il baricentro della stecca, almeno non in modo diretto.

________________________
No es la adversidad la que separa los seres, sino el crecimiento... Pablo Neruda
Claus72
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 3129
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 21 dicembre 2003, 21:29
Località: Santo Domingo

Prossimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 16 ospiti

Login Form

Chi c’è in linea

In totale ci sono 16 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 16 ospiti
Record di utenti connessi: 1297 registrato il domenica 12 giugno 2016, 22:21

Visitano il forum: Nessuno e 16 ospiti