RSS Facebook Twitter

sbracciata

Tecnica, tattica, sistemi e materiali di gioco

Messaggioda Claus72 » domenica 19 settembre 2004, 4:50

Mike, se sull'orlo della mezza centuria non sei ancora un grande campione...ho paura che tu non abbia molte speranze di diventarlo.
Comunque essere un grande campione ed essere un grande giocatore non è la stessa cosa...Il mio maestro, per esempio, era un giocatore coi fiocchi, con poco da invidiare a molti nei primi 30 del ranking mondiale di carambola (soprattutto libera), eppure non lo conosceva nessuno al di fuori della repubblica domenicana(dicono che il suo di maestro fosse ancora meglio, ma io non l' ho conosciuto), stesso discorso per uno dei più brillanti giocatori di pool che io abbia mai visto, Luisito "Cristo Rey" (quando Cico venga nuovamente a Santo Domingo lo invito a chiedere di questo personaggio mitico in qualsiasi sala biliardi e sentirà storie strabilianti), anche lui trapassato pochi anni fa, questo signore aveva dell'incredibile, se poi c'era la "pappa" in gioco facevi prima a mettergli l'importo direttamente nel portafogli. E anche lui era un perfetto sconosciuto al di fuori di queste coste.
E poi il biliardo è bello perchè te lo godi indipendentemente dal tuo livello di gioco. Credo che tutti quando eravamo alle prime armi passavamo ore stupende al tavolo, anche se magari una partita a 8 e 15 durava un'ora e mezza.
Claus72
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 3121
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 21 dicembre 2003, 22:29
Località: Santo Domingo

Messaggioda Mike » domenica 19 settembre 2004, 9:27

[quote]
una partita a 8 e 15 durava un'ora e mezza.


[/quote]

A noi molto meno, i punti si regalano, che fortuna.
Ciao
Mike
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 1982
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 aprile 2004, 18:38
Località: Torino

Messaggioda sinonparet » domenica 19 settembre 2004, 11:52

[quote]
Ciao Rino, tre secondi possono essere insufficienti, però sempre meglio che “alzarsi di scatto”. Dato che, come dice lo spagnolo, su questa pratica si sbaglia sempre per “difetto” e mai per “eccesso”, la cosa migliore per essere certi di non “sbagliare”, è quella  di auto-imporsi di stare giù finché le bilie non si sono fermate o, al massimo, iniziare ad alzarsi “lentamente”, quando le stesse stanno percorrendo gli ultimi centimetri della loro corsa. In questo modo si elimina la possibilità di sbagliare per “difetto”. Prova a farlo la prossima volta che giochi con un amico, concentrati solo su quella particolarità, anche se facendolo, visto che si tratta di una procedura non abituale, è probabile che diversi tiri forse li sbaglierai, perché appunto la Tua attenzione è rivolta non sulle bilie, ma su te stesso.
Scritto Da - luigi on 13 Settembre 2004  10:29:13
[/quote]

Ciao Luigi, ieri ho avuto modo di fare questo test che mi dicevi giocando appunto con un amico. Confermo che per quanto mi riguarda, i miei tempi di stasi post tiro sono quasi sempre inferiori ai 3 secondi; si allungano leggermente quando la posizione delle è scomoda e quindi ne consegue una scomodità di posizionamente del corpo. Ora, con tutta sincerità, ho provato a rimanere quei famosi 5 secondi richiesti (1001...1002...1003...1004...1005) e mi sono trovato a disagio, cioè mi sono sembrati davvero troppi. Poi c'è l'inconveniente che tu stesso mi avevi preannunciato circa il fatto che, facendo attenzione + a quella pratica che al modo di colpire, si finisce per impasticciarsi a discapito della precisione. Nn sono in grado oggi di dire se si hanno dei benefici e per poter fare le cose per bene (lo consiglio anche ad altri intenzionati), bisogna provare da soli al di fuori di una partita e, appena posso, mi cimento nuovamente, facendovi sapere i risultati. Naturalmente sarei curioso di sentire anche altri pareri. Nessuno ha provato?
sinonparet
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2122
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 gennaio 2004, 14:27
Località: Milano

Messaggioda luigi » lunedì 20 settembre 2004, 1:31

Prima di tutto lasciatemi ringraziare Claus, grazie a Lui, con la seconda parte della traduzione, finalmente dopo anni, adesso ho scoperto cosa c'è scritto almeno su due pagine (sic)! del libro di Byrne. Grazie Claudio. Per quanto riguarda il testo, così di getto mi sento di dire che, come nella prima parte, molte cose sono assolutamente condivisibili, altre meno, o per lo meno, credo ci siano margini di discussione. Ma, vista l'ora notturna, direi di rinviare il tutto alla prossima settimana.
Un saluto, di nuovo Grazie Claus e Buona Notte a Tutti.





Scritto Da - luigi on 20 Settembre 2004  01:36:39
luigi
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1387
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 5 marzo 2004, 0:48
Località:

Messaggioda Claus72 » lunedì 20 settembre 2004, 6:32

Non c'è di che Luigi...e attendo con ansia il pacco con gli altri articoli per continuare a farti contento  ;)

So che ci sarà un sacco da discutere su quanto scritto da Byrne, nemmeno io sono d'accordo con tutto, comunque ho la sensazione che anche lui avesse voglia di...fare un po' di casino.

Per quanto riguarda la questione dell'immobilità post-"tacada" io credo, e il mio maestro lo diceva, che l'insegnare a stare immobili finchè le biglie si siano fermate è solamente quello: un metodo d'insegnamento, con il fine di evitare che l'allievo prenda il vizio di alzarsi di scatto (già vi ho detto como lo toglieva lui il vizio). Ma che è naturale che il giocatore con l'esperienza e il miglioramento continuo accorci il tempo che rimane sul tiro: la cosa importante è alzarsi DOPO che la battente sia effettivamente partita e la meccanica della steccata conclusa. Vi invito a scaricare da CaromTV il filmato della partita tra Blomdahl e Habraken (sono quasi 100Mb, ma ne vale la pena) e osservate attentamente quest'ultimo, lasciate perdere Blomdahl, quello lì è come quell'altro grande svedese del tennis: Brjon Borg...di un altro pianeta e con una tecnica tutta sua. Ma il mancino Habraken è uno dei giocatori più ortodossi del circuito BWA, noterete che lui sta sul tiro dipendendo dalla velocità della steccata: su un tiro veloce si rialza nel giro di 2 secondi mentre sui tiri lenti sta giù anche 3 o 4 secondi. Se ci pensate è abbastanza ovvio che sia così: su un tiro veloce la meccanica arriva alla sua conclusione prima di un tiro lento.

Un'altra cosa che volevo aggiungere e che è più in linea con il tema originale della discussione: un ottimo esercizio, anche se tale non è, è l'apprendimento dell'uso dei nunchaku (vi ricordate Bruce Lee?): tonifica i muscoli delle braccia, rinforza il polso mantenendone l'elasticitá, aiuta la concentrazione, aiuta alla coordinazione delle mani e, forse la cosa più importante, insegna a seguire il movimento dell'attrezzo fino in fondo...altrimenti vi date delle legnate, tutto questo ha un ricontro perfetto nella meccanica esecutiva della steccata. A chi interessa posso dare una serie di figure da eseguire...pensandoci bene il mio momento migliore di forma, anche se non era accompagnato dal bagaglio tecnico che ho ora, è stato quando facevo allenamento molto intenso con questi aggeggi...mi sa che li rispolvererò  ;)
Claus72
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 3121
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 21 dicembre 2003, 22:29
Località: Santo Domingo

Messaggioda Claus72 » giovedì 23 settembre 2004, 17:53

Embe'?!?!?! Niente da aggiungere??
Claus72
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 3121
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 21 dicembre 2003, 22:29
Località: Santo Domingo

Messaggioda Mike » giovedì 23 settembre 2004, 18:17

[quote]
Embe'?!?!?! Niente da aggiungere??


[/quote]

Claus, che vuoi che aggiunga, io seguo questo metodo, certo che il tempo dei secondi varia a seconda del tiro o anche della posizione presa.
Si, trovo che la fretta di alzarsi per seguire il percorso delle bilie, sia l'errore più comune dei giocatori provetti.
Ho Provato a tirare la battente per fargli fare 3 passate, a mio modo riesco, ma se mi alzo di scatto resto corto, quindi viene a mancare quel tanto di spinta che nel gioco può penalizzarti.
Ciao.
Mike
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 1982
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 aprile 2004, 18:38
Località: Torino

Precedente


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Exabot [Bot], Google [Bot], Yahoo [Bot] e 5 ospiti

Login Form

Chi c’è in linea

In totale ci sono 8 utenti connessi :: 3 iscritti, 0 nascosti e 5 ospiti
Record di utenti connessi: 1297 registrato il domenica 12 giugno 2016, 23:21

Visitano il forum: Exabot [Bot], Google [Bot], Yahoo [Bot] e 5 ospiti