RSS Facebook Twitter

sbracciata

Tecnica, tattica, sistemi e materiali di gioco

sbracciata

Messaggioda federicodellestelle » lunedì 30 agosto 2004, 17:03

ho giocato tutta l'estate a biliardo, almeno 3 ore nel pomeriggio, ho ritrovato una buona forma. Da settembre il mio gruppo di amici vuole spingermi a frequentare una palestra di fitness insieme. Vi chiedo: fare un po' di pesi, mettere su qualche muscolo può rovinare la sbracciata?
federicodellestelle
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 821
(Cerca: tutti)

Iscritto il: sabato 15 novembre 2003, 12:03
Località:

Messaggioda Ryno » lunedì 30 agosto 2004, 21:19

Usa dei pesi leggeri che ti permettano di effettuare più di 15 ripetizioni a serie,pesi troppo pesanti sono vietati.
All'inizio l'indolenzimento dei primi giorni di palestra ti toglierà un bel pò di sensibilità,ma quando ti abituerai la migliore forma fisica dovrebbe farti rendere di più.
Questo è solo il mio umile pensiero.
Ryno
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 832
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 23 maggio 2004, 23:00
Località: Andromeda

Messaggioda lupomarino » martedì 31 agosto 2004, 11:51

[quote]
...Usa dei pesi leggeri, pesi troppo pesanti sono vietati.
All'inizio l'indolenzimento dei primi giorni di palestra ti toglierà un bel pò di sensibilità,ma quando ti abituerai la migliore forma fisica dovrebbe farti rendere di più...
[/quote]

D'accordissimo con Ryno. Unico consiglio: anche quando ti sentirai particolarmente allenato evita sempre sforzi con le braccia IL GIORNO PRIMA di una gara. Modificano comunque la sensibilità. Meglio una buona corsa per un'oretta per tenerti in forma e soprattutto scaricare la tensione in eccesso.  
ciauuuu
lupomarino
Non connesso
Avatar utente
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1038
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 18 novembre 2003, 10:30
Località: Inzago

Messaggioda billy » martedì 31 agosto 2004, 12:15

billy
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1212
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 1 aprile 2004, 13:56
Località: Lonato

Messaggioda Mike » martedì 31 agosto 2004, 14:07

Billy, parli poco ma dici tanto. Ma come fai? Immagine
Mike
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 1982
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 aprile 2004, 18:38
Località: Torino

Messaggioda billy » martedì 31 agosto 2004, 15:33

[quote]
Billy, parli poco ma dici tanto. Ma come fai? Immagine


[/quote]
questione di...pennello o di pisello :lol:  :lol:  :lol:
scellerato "inzizigatore"(Letizzetto)

Scritto Da - billy on 31 Agosto 2004  15:41:37
billy
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1212
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 1 aprile 2004, 13:56
Località: Lonato

Messaggioda dffmade » martedì 31 agosto 2004, 18:03

Mi trovo perfettamente daccordo con Ryno, ma ha dimenticato un particolare fondamentale per chi pretende l'elasticità e la velocità dai muscoli: LO STRETCHING! 30/40 secondi di stretching per ogni gruppo muscolare al termine di ogni seduta di allenamento permette di mantenere elastici i muscoli e ne impedisce la contrattura. Buon lavoro!!

P.S. Se trovi un bravo istruttore parlane con lui, spiegagli ciò di cui hai bisogno e fatti fare un programma specifico. Se vedi che non differenzia molto da quello di tutti gli altri, beh..... "CAMBIA PALESTRA!!"
CIAO!
dffmade
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Spirituale
 
Messaggi: 1700
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 6 febbraio 2004, 4:44
Località: Milano

Messaggioda Ryno » martedì 31 agosto 2004, 20:14

[quote]
Mi trovo perfettamente daccordo con Ryno, ma ha dimenticato un particolare fondamentale per chi pretende l'elasticità e la velocità dai muscoli: LO STRETCHING! 30/40 secondi di stretching per ogni gruppo muscolare al termine di ogni seduta di allenamento permette di mantenere elastici i muscoli e ne impedisce la contrattura. Buon lavoro!!

P.S. Se trovi un bravo istruttore parlane con lui, spiegagli ciò di cui hai bisogno e fatti fare un programma specifico. Se vedi che non differenzia molto da quello di tutti gli altri, beh..... "CAMBIA PALESTRA!!"
CIAO!



[/quote]
Immagine
Ryno
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 832
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 23 maggio 2004, 23:00
Località: Andromeda

Messaggioda luigi » sabato 4 settembre 2004, 1:11

Ciao fede, il tuo quesito apre spunti interessanti, ma di non facile soluzione, salvo l'intervento di qualche esperto di biomecccanica. Personalmente anni fa, chesi ad un medico, specializzato in medicina dello sport, di suggerirmi degli esercizi specifici atti ad allenare il polso, però quando li ebbi non mi sentii di pubblicarli, in quanto mi venne il dubbio che, pur dando sicuramente dei benefici fisici, in ultima analisi avrebbero magari potuto rivelarsi deleteri per quelle che sono le caratteristiche del movimento del polso in relazione alle esigenze del gioco del biliardo, nell'incertezza preferii soprassedere. So per certo che Giorgio Colombo per prepararsi in vista di un sua partecipazione ad un Campionato Mondiale, iniziò un mese prima ad andare in palestra, però limitandosi a fare solo esercizi atti a migliorare il fiato, a tonificare i muscoli del tronco e, soprattutto, delle gambe, niente però lavoro di pesi od esercizi con le braccia. In circolazione c'è un libro (De Vecchi Editore) a firma di Angelo Galimberti, nel quale l'autore indica tutta una serie di esercizi, la maggior parte dei quali per irrobustire le gambe e per migliorare la mobilità del tronco, ma con anche qualcuno specifico per il polso. Non mi sento però di dirti se, almeno questi ultimi, sia bene farli o no (le mie perplessità precedenti rimangono). Fare una preparazione tipo quella di Colombo, credo faccia sicuramente bene, ma "toccare" il braccio e/o il polso, senza prima il supporto appunto di un esperto di biomeccanica, mi spaventerebbe. Tutt'al più chiedi parere ad un istruttore della tua palestra, facendogli presente che per giocare a biliardo occorre sì potenza di braccio, ma anche sensibilità e velocità del movimento. Il solo fatto di aumentare la massa muscolare, può magari anche darti più potenza, ma produrre, come effetti collaterali indesiderati, impaccio e pesantezza... Degli esercizi utili potrebbero essere anche quelli atti a dare agilità alle dita della mano d'appoggio, Gomez dedicava a questo aspetto un'ora al giorno e forse è anche  per questo che, abbinato alla sua naturale lunghezza delle dita, riusciva (e riesce) a fare un ponte ad "anello" di una bellezza e perfezione assoluta.
Altro non saprei che dirti, ripeto, è un campo interessante, ma un po'... "minato", se approfondisci il discorso facci sapere. Ti saluto
luigi
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1387
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 5 marzo 2004, 0:48
Località:

Messaggioda dffmade » sabato 4 settembre 2004, 18:34

Il discorso del potenziamento muscolare è fondamentale in tutti gli sport, dal nuoto al tiro con la pistola all'equitazione e sono convinto che anche nel biliardo sia indispensabile. La difficoltà sta nel trovare il giusto equilibrio tra la tecnica con la sua biomeccanica e la forza con i suoi "limiti". Pensare di poter potenziare solamente il braccio, la spalla e il polso per un giocatore di biliardo sarebbe come per un nuotatore potenziare solo le braccia perchè durante la nuotata danno in proporzione più spinta rispetto alle gambe. Il risultato è che il tuffo non ha spinta e la bracciata perde armonia in quanto non supportata dalle gambe. Per un giocatore di biliardo è la stessa cosa. Potenziare le gambe ci serve per stare in piedi ore, magari a volte in posizioni stranissime, senza risentire della stanchezza. Potenziare il busto è fondamentale per non avere un attacco di mal di schiena proprio durante l'ultima sbracciata per il punto finale. Potenziare il collo serve per non farsi venire il torcicollo al primo soffio di aria condizionata le prime giornate umide d'estate. Le braccia e il polso ci servono per avere un perfetto controllo della stecca. E' sì, proprio perfetto. Il fatto di allenare i muscoli nella maniera corretta fa sì che il muscolo sia abituato a reagire rapidamente agli stimoli esterni, e soprattutto ad avere una "memoria" migliore. E' come se il braccio sapesse già quanto deve spingere la stecca senza bisogno di pensarci troppo. E' ovvio che poi ci sono i campioni, i prodigi innati che anche dopo una giornata di lavoro stressante, dove magari hanno affaticato tantissimo le braccia non hanno difficlotà a chiudere 6 o 7 spaccate di fila (vedasi Cappelletti che due anni fa mi ha lasciato 7 a 0 senza che io toccassi MAI la mia stecca). La difficoltà però sorge però nel trovare l'allenamento giusto. Io posso consigliarvi (come qualunque allenatore) degli esercizi specifici per tutto il corpo, strutturati in maniera tale che non affatichino eccessivamente la struttura muscolare, ma che allo stesso tempo la rendano più attiva e robusta. Poi però bisogna valutare caso per caso. Come ho già detto lo stretching deve essere fondamentale per tutti, ma altrettanto importante è l'allenamento della sbracciata che deve essere fatto sistematiamente e costantemente. Poi ci sono da programmare dei periodi di scarico etc, come diceva giustamente il link di billy.
Una cosa però mi sento di dire a federico, il discorso che stiamo affrontando qui è un discorso che difficilmente viene capito dagli istruttori di fitness. Non che siano incompetenti o stupidi (mi darei la zappa sui piedi da solo!!) ma il fatto è che l'istruttore di fitness è pagato e spronato dai proprietari delle palestre a far "crescere" la gente, e di conseguenza fanno di tutto per farti aumentare di massa (che ovviamente è piacevole a vedersi in quanto si hanno dei risultati rapidi e visivamente più efficaci, mentre un miglioramento sul biliardo si vede solo alla lunga e nel frattempo magari ti sei stufato di perdere tempo e molli la palestra=proprietario scontento e istruttore malvisto).
Vabbè, ho scritto come al solito un casino e mi sa che mi sono pure un pò perso per strada. Cmq se pensate che possa esservi d'aiuto in qualcosa a riguardo "io sono qui"

P.S. A nessuno interessa aprire una palestra per soli giocatori di biliardo con attrezzature modernissime che ci inventiamo noi??? (ammazza che fantasia he ho!!!)
dffmade
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Spirituale
 
Messaggi: 1700
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 6 febbraio 2004, 4:44
Località: Milano

Messaggioda Ryno » sabato 4 settembre 2004, 22:12

g

Scritto Da - Ryno on 04 Settembre 2004  22:18:55
Ryno
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 832
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 23 maggio 2004, 23:00
Località: Andromeda

Messaggioda Ryno » sabato 4 settembre 2004, 22:12

Mah,secondo me il biliardo non è uno sport che richiede chissà quale condizione fisica per giocarci bene,anzi .... non ho mai conosciuto un campione col fisico da ginnasta,da bodybuilder o da nuotatore,ma invece ne ho conosciuti obesi o un pò cicciottelli,o troppo magri,insomma non proprio il ritratto della salute o dello sport,gente che prende un mare di caffè e fuma come dannati e che a 70 anni non disdegnando neanche un buon bicchiere di vino a tavola danno ancora del filo da torcere ai giovani forti ecc.
Nel biliardo,sempre secondo il mio umile parere,quel che conta di più è il talento,la tecnica,la sensibilità,il sangue freddo,la grinta,la fantasia,l'esperienza e l'allenamento,a biliardo però,tutte qualità che non si acquisiscono alzando dei pesi o con una corsa.
Probabilmente qualcuno non sarà daccordo,ma io il biliardo lo vedo così,più un'arte che uno sport(opinione non troppo originale ma che condivido).


Scritto Da - Ryno on 05 Settembre 2004  00:58:14
Ryno
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 832
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 23 maggio 2004, 23:00
Località: Andromeda

Messaggioda dffmade » domenica 5 settembre 2004, 7:26

Credo di non essermi spiegato bene. Il punto fondamentale è che ogni attività  ha una diversa preparazione e i risultati non devono essere gli stessi. Come il maratoneta è solitamente mingherlino e il velocista una massa armoniosissima di muscoli ultra definiti, il giocatore di biliardo NON deve essere un palestrato perchè altrimenti perderebbe la precisione nel tiro. L'allenamento deve essere mirato al potenziamento dei vari gruppi muscolari che non deve essere un aumento della massa, ma solo un aiuto per migliorare le prestazioni.E' ovvio che non è una cosa facile, e come dicevi tu nel biliardo il talento è fondamentale. Mike Messy, ex campione del mondi di trick shot pesa quasi 150 km, ma è indubbio che sia un talento nato. Tutti gli sport col tempo si sono evoluti (basta pensare che ogni anno ci sono dei nuovi record) e questo è dovuto ad uno studio programmatico dell'allenamento, sia fisico che tecnico. Io credo che il biliardo sia ancora in fase evolutiva e soprattutto sia alle prime armi sotto questo aspetto. L'obbiettivo dovrebbe essere quello di rendere discreti anche i giocatori che di talento non ne hanno proprio. Peccato che questorichiede molti anni di studio da parte degli allenatori e altrettanti da parte degli atleti, ma sono convinto comunque che una preparazione fisica specifica possa solo che aiutare i giocatori. Purtroppo (soprattutto in italia) il biliardo è ancora considerato un hobby e non uno sport vero e proprio.
dffmade
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Spirituale
 
Messaggi: 1700
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 6 febbraio 2004, 4:44
Località: Milano

Messaggioda Ryno » domenica 5 settembre 2004, 10:01

Ti faccio presente che nei vari sport il continuo miglioramento dei record è dovuto soprattutto al continuo miglioramento dell'evoluzione chimica ;)
Ora,visto che il biliardo non richiede grandi capacità fisiche,aerobiche o anaerobiche,basta solo giocarci abbastanza perchè i muscoli interessati si rafforzino quel che basta,a questo punto io mi preoccuperei più dell'aspetto tecnico e piscologico che di quello fisico...........se poi un pò di esercizio fisico ci farebbe stare meglio ben venga :)


Scritto Da - Ryno on 12 Settembre 2004  07:50:35
Ryno
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 832
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 23 maggio 2004, 23:00
Località: Andromeda

Messaggioda sinonparet » giovedì 9 settembre 2004, 9:11

Terminologia: che cosa si intende, a proposito di un'esecuzione frontale, con il fatto che dev'essere eseguita con meccanica completa? E' corretto supporre che esista anche una meccanica incompleta? E se sì, in cosa differisce?
sinonparet
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2122
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 gennaio 2004, 14:27
Località: Milano

Prossimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Exabot [Bot] e 10 ospiti

cron

Login Form

Chi c’è in linea

In totale ci sono 11 utenti connessi :: 1 iscritto, 0 nascosti e 10 ospiti
Record di utenti connessi: 1297 registrato il domenica 12 giugno 2016, 23:21

Visitano il forum: Exabot [Bot] e 10 ospiti