RSS Facebook Twitter

Rimpalli ...

Tecnica, tattica, sistemi e materiali di gioco

Messaggioda lupomarino » venerdì 30 aprile 2004, 9:13

Mi inserisco nel discorso sui conteggi e appoggio pienamente le opinioni di Amelie e Mike.
Se saper contare fosse sufficiente per non sbagliare più nulla, nel giro di poco tempo questo gioco perderebbe molta della sua attrattiva e con essa i giocatori.
I conti aiutano, certo, ma non sono tutto. Fungono un po' come prova del 9 per cercare di essere più precisi nel colpire la quantità di palla che serve non tanto per i punti quanto per la difesa come dice Amelie. Visto che sappiamo tutti quanto sia inutile realizzare e magari offrire poi la stessa occasione all'avversario.
Questo bellissimo gioco nonostante tutti i conti che non finiremo mai di perfezionare resta comunque un gioco di APPROSSIMAZIONE.
Tanti altri fattori, come sappiamo, interferiscono. Mi è capitato di assistere a partite giocate molto bene da entrambi i giocatori con sequenze di tiri simili. Solo che il giocatore A nell'eseguire una garuffa anche impegnativa realizzava sempre il pieno. Il giocatore B invece con la stessa bravura, quindi trovando anche la copertura raccoglieva solo un birillo. Stesso tiro, punteggio diverso, e il giocatore B pur giocando bene perse.
Quindi, cari-amici-che-non-contate..., visto che in questo gioco ci sono fin troppe difficoltà perché complicarci la vita escludendo uno dei pochi AIUTINI?  Immagine

CIAO A TUTTI
lupomarino
Non connesso
Avatar utente
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1038
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 18 novembre 2003, 9:30
Località: Inzago

Messaggioda amelie » venerdì 30 aprile 2004, 10:05

Ciao Lupomarino! E' un pezzo che non ci si sente.... come te la passi? Io abbastanza bene tutto sommato da un paio di giorni sto rientrando in palla e sto giocando benino ho avuto un periodaccio, biliardisticamente parlando!!!

Per quanto riguarda questa discussione lancio una frecciatina che penso scatenerà qualche polemica ma infondo.... siamo qui per questo no? ;)
- Non è che chi critica gli "spondisti conterini" lo fa un po per invidia?!!? :vodoo:
Non fraintendetemi... anch'io conto ma non credo di suscitare invidia quando di giro di calcio mollo bilia!!! Nel senso che.... imparare l'angolo 50 è una palla, questo si sà. I primi tempi poi vai in crisi tra somme e sottrazioni. Ci vuole pazienza, costanza e perseveranza cose che molti giocatori non hanno. E allora mi sembra più facile screditare i conteggi.... tipo la storia della volpe e dell'uva no? Visto che non ci riesco io .... chi conta non mi piace!!  Immagine
Non dico che sia il caso di quelli che fin'ora hanno espresso la loro opinione su questo forum a sfavore dei conteggi ... però, cari amici devoti all'istinto e al colpo d'occhio perchè non provate ad impararli i conti? Potrete avere poi un metodo di paragone e decidere se tenerli validi o no!!
In fin dei conti noi "numeratori di diamanti" abbiamo le due scelte.... (questa è proprio cattiva!!!Immagine O credete che per contare l'istino ed il colpo d'occhio non servano?
Un saluto festoso a tutti.



Scritto Da - amelie on 30 Aprile 2004  11:08:14
amelie
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 9546
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 13 febbraio 2004, 18:53
Località: vicenza

Messaggioda federicodellestelle » venerdì 30 aprile 2004, 11:36

Mi fu insegnato anche a evitare i rimpalli, ma non attraverso conteggi ma attraverso posizioni di gico standard alle quali si devono adattare i tiri in partita. provate innanzitutto ad evitare i rimpalli solo cambiando la forza del tiro. Es. un filotto di prima a centralizzare per evitare il rimpallo va giocato di colpo in pancia e la battente toccato sponda lunga si dirige verso la corta, ma non verso il diamamente centrale della corta, ma 2,3-4 punti più giù, altrimenti rimpallo. Sulle raddrizzate di seconda, quelle in cui l'avversaria è tra lo zero e il 10 di corta per capirci e la battente nel settore 10-20 di corta opposta, la forza per evitare il rimpallo è la 3 passate  e mezzo oppure la due passate abbondante, ma con la 3 passate pura si rimpalla.
federicodellestelle
Non connesso
Utente Zen
 
Messaggi: 821
(Cerca: tutti)

Iscritto il: sabato 15 novembre 2003, 11:03
Località:

Messaggioda luigi » lunedì 3 maggio 2004, 10:47

Visto che la polemica conteggi "si" - conteggi "no" non mi interessa gran che, mi attengo al tema iniziale: rimpalli. In tal senso, se vogliamo sfruttare il Forum come fonte di insegnamento e miglioramento personale, credo che l'intervento di billy circa il tipo di steccata (ascendente o discendente) sia il miglior contributo in assoluto, in quanto suggerisce una metodologia pratica che ognuno può verificare. In effetti, se, quando ci capita l'occasione, "osserviamo bene" (*) i campioni, possiamo vedere che la maggior parte di essi ricorre appunto a questa tecnica, della cui motivazione billy ci offre una spiegazione, diciamo "fisica", a mio avviso molto utile ed interessante.
(*) Con "osservare bene" intendo non guardare "cosa" fanno, ma "come" fanno a farlo. Un saluto
luigi
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1392
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 4 marzo 2004, 23:48
Località:

Messaggioda sinonparet » lunedì 3 maggio 2004, 12:05

e qui mi pare che un certo signor R. Belluta, ogni tanto sfoderi in certi tiri questa vistosa e quasi antisestica impennata della stecca... sarà che la sa lunga o è solo un'inusuale (per un campione) abitudine??
sinonparet
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2122
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 gennaio 2004, 13:27
Località: Milano

Messaggioda Claus72 » lunedì 3 maggio 2004, 12:49

Tornata la quiete dopo la tempesta...mi riallaccio anch'io alla tonica inziale della discussione (grazie luigi).
Quello che dice billy (con la sua abituale squisitezza linguistica) riguardo alla steccata "in compressione", cioè elevando il calcio della stecca è una tecnica spesso usata alla carambola per evitare rimpalli "fissi" (biglie allineate verso l'angolo, biglia 1 diretta verso diamante 4, ed altri ancora...comunque ne avevo già parlato altrove, mi sembra). Questa della steccata ascendente mi giunge completamente nuova (non si finisce mai di imparare questo gioco) e mi toccherà andarmela a provare per vedere che succede...vi saprò dire.

Un abbraccio a tutti
Claus72
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 3129
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 21 dicembre 2003, 21:29
Località: Santo Domingo

Messaggioda billy » lunedì 3 maggio 2004, 13:35

Se portiamo il peso sulla mano d'appoggio e sul piede sinistro (per un destroide in punteria)automaticamente alleggeriamo il lato destro del corpo, la steccata avrà una componente "massa" inferiore e quindi.....
billy
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1212
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 1 aprile 2004, 12:56
Località: Lonato

Messaggioda amelie » lunedì 3 maggio 2004, 13:36

Mi scuso per aver rubato posto a questa discussione andando abbondantemente fuori tema!
Personalmente non tocco l'argomento rimpalli in quanto credo sia ancora prestino per me..... nel senso che sono convinta che le cose da migliorare al mio livello di gioco siano altre.
Credo comunque che tutte le cose dette fino a questo punto sull'argomento "rimpalli" siano più o meno giuste e basilari (velocità, forza, impatto stecca bilia) ma credo anche che non esistano 2 giocatori uguali sulla terra e che alla fine per evitare i rimpalli di 3° o di 2° che siano  ognuno dovrà, attraverso la propria sensibilità, trovare la giusta via magari in base alle utli informazioni che si trovano qui.
Un saluto a tutti e scusate ancora per il piccolo disguido.



Scritto Da - amelie on 03 Maggio 2004  14:42:50

Scritto Da - amelie on 03 Maggio 2004  14:43:54
amelie
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 9546
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 13 febbraio 2004, 18:53
Località: vicenza

Messaggioda billy » lunedì 3 maggio 2004, 13:49

[quote]

Un saluto a tutti e scusate ancora per il piccolo disguido.



Scritto Da - amelie on 03 Maggio 2004  14:42:50

Amelie
in vita mia ho preso tantissime cantonate,sul biliardo...molte di più,infatti non sò ancora colpire una palla "piena".
Con simpatia
billy



Scritto Da - billy on 03 Maggio 2004  15:49:44
billy
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1212
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 1 aprile 2004, 12:56
Località: Lonato

Messaggioda billy » lunedì 3 maggio 2004, 14:37

[quote]
e qui mi pare che un certo signor R. Belluta, ogni tanto sfoderi in certi tiri questa vistosa e quasi antisestica impennata della stecca... sarà che la sa lunga o è solo un'inusuale (per un campione) abitudine??


[/quote]
A volte sui filotti alza il ponticello staccando il palmo della mano dal panno verde,la linea della stecca coincide con la base dell'avversaria..potenza del suo maestro che gli ha insegnato(credo)a convertire ogni sfumatura in un "comando"!



Scritto Da - billy on 03 Maggio 2004  16:06:37
billy
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1212
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 1 aprile 2004, 12:56
Località: Lonato

Messaggioda sinonparet » lunedì 3 maggio 2004, 20:17

[quote]
Se portiamo il peso sulla mano d'appoggio e sul piede sinistro (per un destroide in punteria)automaticamente alleggeriamo il lato destro del corpo, la steccata avrà una componente "massa" inferiore e quindi.....



... meno forza "sprigionata" meno velocità nell'impatto, minor spostamento??? Boh, mi viene da paragonare un frontale tra un camion a rimorchio e una cinquecento....
sinonparet
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2122
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 gennaio 2004, 13:27
Località: Milano

Messaggioda sinonparet » lunedì 3 maggio 2004, 20:22

[quote]
[quote]
e qui mi pare che un certo signor R. Belluta, ogni tanto sfoderi in certi tiri questa vistosa e quasi antisestica impennata della stecca... sarà che la sa lunga o è solo un'inusuale (per un campione) abitudine??


[/quote]
A volte sui filotti alza il ponticello staccando il palmo della mano dal panno verde,la linea della stecca coincide con la base dell'avversaria..potenza del suo maestro che gli ha insegnato(credo)a convertire ogni sfumatura in un "comando"!



Scritto Da - billy on 03 Maggio 2004  16:06:37

sarebbe perfetto almeno capire quale sia la sfumatura ricercata... ricordo Gozzano che parlava delle "piccole cose di pessimo gusto" ma che alla fin fine avevano tutte un loro profondo perchè!
sinonparet
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2122
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 gennaio 2004, 13:27
Località: Milano

Messaggioda luigi » martedì 4 maggio 2004, 0:02

Vista la domanda iniziale di Roby: calcolare/evitare i rimpalli di terza passata. Nella quale Egli prefigurava tre possibilità: conteggio - sistema - stratagemma, mi è sembrato da subito abbastanza probabile che, scindendo le cose, se da un lato per "calcolarli" si potesse forse ricorrere a conteggi o sistemi (e qui chiediamo sempre lumi a... Claus), quanto poi al fatto di riuscire anche ad "evitarli" si dovesse necessariamente arrivare per forza di cose a... stratagemma. Infatti, quand'anche i conteggi (ammesso ci siano...) ci dicessero che il rimpallo "c'è", sapere che "c'è" e... prenderlo, non fa meno male del prenderlo senza sapere che c'è (anzi ne fa di più) e, in ogni caso, il risultato è "comunque"... doloroso. Mi sembra appunto che gli ultimi interventi: billy, Claus, sinonparet, ecc. conducano in questa direzione. Niente numeri, ma "stratagemmi", o meglio "modalità operative" o, meglio ancora, "tecniche esecutive" messe in atto appunto per evitarli. Da qui la meccanica della steccata in alzata, in compressione, impennata della stecca alla Belluta (non credo affatto si tratti di una "inusuale abitudine", visto che Riccardo in fatto di biliardo...la sa assai lunga e che i bravi non fanno niente per... "niente" di solito), sollevamento del palmo della mano di appoggio, spostamento del peso del corpo sugli arti, ecc., forse è proprio in questa direzione che bisogna approfondire l'analisi, se davvero vogliamo arrivare ad avere una vera padronanza di cosa occorre "fare" per "evitare" i rimpalli. Comunque qualcosa abbiamo già imparato, intanto Claus ci conferma che, attraveso la steccata in compressione, loro molti rimpalli già li... "schivano", successivamente ci dirà come valuta quella "in alzata", se poi billy, che mi sembra masticarne parecchio di concetti quali: massa, urto delle sfere, dinamica del moto traslato, scambio di movimento, velocità di stacco, trasferimenti di energia, ecc., nonchè di osservazione e conoscenza delle modalità esecutive dei forti (vedi Belluta), si decidesse a non lasciarci solo con dei vaghi: "quindi" "puntini..puntini", ma buttasse lì un bel post con annessi e connessi, forse al "dunque" ci arriveremmo anche senza passare attraverso la sensazione (esattamente espressa da sinonparet) di un frontale fra un camion a rimorchio ed una cinquecento. Vai billy, traduci in pratica operativa i vari indizi che hai disseminato, dando loro una concatenazione e/o una modalità applicativa pratica, e vediamo cosa ne butta. Saluti e sogni d'oro (almeno sino al prossimo... rimpallo). Ciao
luigi
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1392
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 4 marzo 2004, 23:48
Località:

Messaggioda billy » martedì 4 maggio 2004, 10:57

abb[ Vai billy, traduci in pratica operativa i vari indizi che hai disseminato, dando loro una concatenazione e/o una modalità applicativa pratica, e vediamo cosa ne butta. Saluti e sogni d'oro (almeno sino al prossimo... rimpallo). Ciao


[/quote]
Luigi,
un post di stati cinetici,forze,loro caratteristiche,modalità di ottenimento delle stesse,"momenti della forza"e loro sviluppi.
MI stai chiedendo...niente.

"momenti della forza"

L'attrito consuma prima il moto traslato e la rotazione retrograda poi il volvente in contemporanea all'angolare.
In una parabola finchè sussiste effetto radente o traslato che dir si voglia non si può sviluppare l'azione curvilinea.Da ciò si evince che per far parabolare più tardi la sfera si deve farle percorrere più spazio in traslato;come?Aumentando la massa dando pressione al calcio della stecca.
Quanto sopra chiarisce uno dei "perchè" ma vi sarebbero altre considerazioni o sfumature altrettanto importanti(inclinazione penetrazione ecc.).
Ora tornando al post,io sono disponibile,ove posso,all'indicazione per risolvere qualche "perchè",non senza però creare ulteriori,intriganti dubbi e domande.
Affascinarsi ai perchè e cercare le soluzioni aiuta a crescere e a migliorarsi.
billy
billy
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1212
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 1 aprile 2004, 12:56
Località: Lonato

Messaggioda Roby » martedì 4 maggio 2004, 12:10

Ben detto Billy ...

Roby
Roby
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 3292
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 5 novembre 2003, 9:40
Località: Milano

Prossimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti

Login Form

Chi c’è in linea

In totale ci sono 7 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 7 ospiti
Record di utenti connessi: 1297 registrato il domenica 12 giugno 2016, 22:21

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti