RSS Facebook Twitter

Impugnatura stecca

Tecnica, tattica, sistemi e materiali di gioco

Messaggioda Bruce » venerdì 22 luglio 2005, 12:19

[quote]

Bruce dici

--------------
nei birilli ha ragione lo Scuro, giocare a stecca alta si vince poco, l'unico tiro che si usa spesso (specialmente a goriziana) è il filotto di due passate a retrocedere con la propria per fare la messa, di solito si gioca con palla in mano e le bilie sono vicine, è un tiro che sanno fare quasi tutti e viene scelto per la facilità a trovare la copertura.

___________
io sono del parere che se hai una ferrari puoi andare piano e se hai una 500 non puoi andare forte, ovvero stà alla maturità del giocatore alzare solo se non ha altre possibilità, ma se quando alza si alza anche la gente dalle poltrone a battere le mani, beh forse é meglio no?

Ad esempio all'italiana, con le bilie diritte a buca, la tua più lontana e l'altra a due bilie dall'angolo, se hai un buon retrò puoi far scappar via la tua e tirare il giro, se no CICCIA e si tira la messa. E cene solo tanti altri di esempi, no?

________________________________________________________________
......................................................chi vola vale, chi non vola é un vile!
[/quote]

Io ti posso fare lo stesso esempio e dirti: "Ma cosa mi serve la Ferrari se il limite è di 50 orari?"
Anche con biglie dritte all'angolo ci sono diverse soluzioni, la più logica è il passaggio difensivo, il giro che dici tu va giocato creando un leggera parabola, non è necessario il retrò.
Premetto che anche io sono un appassionato di tiri difficili ma devo dire anche che a volte perdo una partita per cercare il tiro spettacolare e quindi se c'è il limite di velocità è meglio rispettarlo perchè l'autovelox è sempre in agguato!  :D

* LE FORZE SONO FORZE *

Scritto Da - Bruce on 22 Luglio 2005  13:30:47
Bruce
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 3723
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 23 settembre 2004, 13:38
Località: Monza

Messaggioda blackout » venerdì 22 luglio 2005, 12:38

Idem
blackout
Non connesso
Utente Master
 
Messaggi: 194
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 9 febbraio 2004, 7:29
Località: Ferrara

Messaggioda B.W.aM. » venerdì 22 luglio 2005, 12:45

esistono due categorie di giocatori
quelli che vincono e quelli ( purtroppo come me ) che fanno i bei tiri.
Sono giunto alla conclusione che il bel tiro non è altro che la consolazione ( magra ) dei perdenti..............ma è più forte di me.

è un mondo adulto, talvolta............ ci si azzecca da dilettanti
B.W.aM.
Non connesso
Utente Nazionale
 
Messaggi: 584
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 21 aprile 2005, 10:37
Località: Giardini Naxos

Messaggioda blackout » venerdì 22 luglio 2005, 13:08

Si ha la necessità di piazzare la battente (come nel pool) in un determinato rapporto di proporzioni corse fra battente e ricevente, cosa che nel pool nella maggioranza dei casi non avviene... la ricevente può finire la sua corsa in buca sia forte che piano... ed é indifferente...
Non voglio dire che il gioco sia più facile... ma, solamente, che si hanno necessità che, per renderle quanto più ripetibili, richiedono uno studio sul tipo di steccata ed un calcolo della reazione delle sponde a seconda di svariati fattori quali velocità, tipo di steccata, ecc. molto frequente...
Credo che ogni disciplina nella quale ci sia sempre da imparare, proprio per questa ragione, sia difficile a prescindere ed non confrontabile con altre...
blackout
Non connesso
Utente Master
 
Messaggi: 194
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 9 febbraio 2004, 7:29
Località: Ferrara

Messaggioda Bruce » venerdì 22 luglio 2005, 14:24

[quote]
Bruce, io ho chiaramente detto che stà alla maturità del giocatorel a scelta del tiro. Non vedo perché non rispettare i limiti, ma in ferrari se tu mi permetti "é un'altra cosa".

________________________________________________________________
......................................................chi vola vale, chi non vola é un vile!

Scritto Da - Stefano L. on 22 Luglio 2005  15:19:47
[/quote]

Morale? Non sono maturo ma ho la Ferrari (magari)  :D  :D

* LE FORZE SONO FORZE *
Bruce
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 3723
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 23 settembre 2004, 13:38
Località: Monza

Messaggioda Mike » venerdì 22 luglio 2005, 16:43

E ci risiamo con il gioco difficile o meno difficile.
Se al gioco dei birilli usiamo il metodo del pool o della carambola, (tiro sempre io finchè non sbaglio) vi assicuro che il mio avversario perderebbe a babbo morto.
Ma voi del pool o della carambola, avete mai provato a giocare un tiro si e uno no?
Provate, sicuramente la vostra media scenderà di parecchio, perchè dovrete imbucare e coprirvi.
Sono le regole da rispettare a creare le vere difficoltà, non il gioco in se stesso.
Riguardo l'impugnatura, ai birilli a seconda del tiro varia, si usa, avanzata, intermedia e arretrata.
Molto spesso la si impugna solo con le dita, perchè noi usiamo spingere con la stecca.
Un ciao a tutti e scusate lo sfogo.
Mike
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 1982
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 aprile 2004, 17:38
Località: Torino

Messaggioda Biagio999 » venerdì 22 luglio 2005, 21:03

bella discussione, non vi è dubbio. Leggendo però, pare sin troppo evidente che la specialità gioca un ruolo importante, sia nelle scelte del tiro sia nella impugnatura della stecca. La discussione, portata avanti da biliardisti di discipline diverse purtroppo non porta da nessuna parte. Personalmente credo che l'impugnatura nei birilli sia molto importante, anche se con i materiali che compongono le ultime stecche (calcio con materiale antisudore) di fatto impedisce il serraggio e quindi conserva sempre una elasticità. Rilfessione oculata di Mike: se al pool o alla carambola si tirasse un tiro per uno allora si perderebbe la spettacolarità del gioco, perchè si giocherebbe a mettere a confronto le proprie capacità con quelle dell'avversario e non solo le proprie, senza considerare gli spergiuri per invocare la fortuna o talvolta la sfortuna.
Tuttavia, considerandolo un argomento interessante, andate pure avanti, sarò lieto di leggervi_
Bye all
Biagio999
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 4368
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 3 marzo 2004, 13:48
Località: Parabita

Messaggioda B.W.aM. » venerdì 22 luglio 2005, 21:36

[quote]Morale? Non sono maturo ma ho la Ferrari (magari)  [/quote]

E chi non è maturo e non ha la Ferrari ?

Come la mettiamo?

E' un mondo adulto, si sbaglia da professionisti.
B.W.aM.
Non connesso
Utente Nazionale
 
Messaggi: 584
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 21 aprile 2005, 10:37
Località: Giardini Naxos

Messaggioda Mike » venerdì 22 luglio 2005, 22:59

Caro Biagio, una discussione così è stata più volte fatta, di certo non ha portato da nessuna parte, poichè, le varie discipline del biliardo (come diceva Luigi) hanno tutte il loro fascino, trattano sempre di palle che rotolano e stecche che spingono.
Non esiste disciplina più o meno difficile, tutte hanno le loro diffilcoltà.
Gianni dice che nel pool usano un solo modo di impugnare, io non gioco a pool, ma credo, anzi, son certo che si sbagli, basti pensare la differenza d'impugnatura fra un retrò e un salto.
Fra un tiro di misura e una schiacciata a tutto biliardo, visto che cambia il ponte cambierà anche l'altezza, per non parlare della stretta.
Insomma, penso che per quanto diversa sia la disciplina, anche se di secondo o terzo grado, sempre cugini siamo.  :D

Ciao.
Mike
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 1982
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 aprile 2004, 17:38
Località: Torino

Messaggioda sinonparet » sabato 23 luglio 2005, 11:03

[quote]
bella discussione, non vi è dubbio.....

....Tuttavia, considerandolo un argomento interessante, andate pure avanti, sarò lieto di leggervi_
Bye all


[/quote]

Pensieri omogenei a gogo! Immagine



Scritto Da - sinonparet on 23 Luglio 2005  12:05:02
sinonparet
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2122
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 gennaio 2004, 13:27
Località: Milano

Messaggioda Mike » sabato 23 luglio 2005, 12:37

[quote]

Tuttavia, considerandolo un argomento interessante, andate pure avanti, sarò lieto di leggervi_

[/quote]

Sinon, Biagio, davvero dei bei colleghi.
La domanda sorge spontanea, (non tanto per sapere i fatti vostri, ma per regolare i miei) Ma quando rientra Gianni che fate, mi lasciate solo? Immagine
Ciao.  :D
Mike
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 1982
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 aprile 2004, 17:38
Località: Torino

Messaggioda Biagio999 » sabato 23 luglio 2005, 14:31

Mike _ io rimarro on line. Non si sa mai, alla bisogna ......... Cmq, devo dire che i tuoi post sono sempre molto interessanti.
bye all
Biagio999
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 4368
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 3 marzo 2004, 13:48
Località: Parabita

Messaggioda Mike » sabato 23 luglio 2005, 19:51

[quote]
Mike _ io rimarro on line.  
[/quote]

Ok, restiamo in agguato. :D
Ma credo che lo Svizzero entri qui solo in orario di banca.  :P
Ciao.



Scritto Da - Mike on 23 Luglio 2005  20:52:28
Mike
Non connesso
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 1982
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 18 aprile 2004, 17:38
Località: Torino

Messaggioda Gianni » lunedì 25 luglio 2005, 8:05

x Stefano L.
Non vorrei fare di un'erba un fascio, ma con le diversita dei tavoli dobbiamo viverci tutti. Non so se ti riferivi a questa diversità, ma per capirci meglio;
calcolando di dover tirare di una sponda, angolo 45 gradi sui nostri tavoli vi sono queste reazioni:
tiro leggero a scorrere = apre leggermente la traiettoria.  
tiro con rotazione naturale, appena sopra il centro = si colpisce esattamente il punto geometrico.
Fermo palla (al momento di toccare la sponda la battente non ha nessuna rotazione ne verso avanti ne verso dietro)= stringe leggermente la traiettoria.
Retrò(la battente colpisce la sponda con una rotazione verso dietro) = la battente stringe ancor di più la traiettoria (la battente dopo aver colpito la sponda, scivola finche non diminuisce la velocità e la rotazione inizi a fare aderenza sul panno, la battente esegue una leggera curva e stringe ancora di più)

Visto che non ho mai provato uno dei vostri tavoli, vorrei sapere se si comportano come i nostri o se vi sono delle differernze.


X Mike

Quasi esatto Mike  :D  ;)  e non ti preucupare se ti lasciano solo, vedrai che in qualche modo ci capiamo anche se giochiamo dei giochi diversi.

Quando parlo di un'impugnatura sempre uguale, intendo per tutti i tiri normali, quindi per essere esatti, per il 99,99 dei tiri e non cambio in questo uno per cento l'impugnatura per far fare all'altra bilia qualcosa di diverso, ma bensi per far fare alla battente qualcosa'altro, per esempio saltare a 5 centimetri di distanza dall'altra bilia o un massè, per tutti gli altri tiri anche il salto della bilia con più di una decina di centimetri di distanza, l'impugnatura non cambia.
Ma parliamo di una piccolissima percentuale di tiri.

Hai ragione quando dici, tirare un tiro per uno é differente, ma potrei dirti, voi giocate sempre cosi, dovreste ormai essere abituati.
Ogni gioco ha le sue regole e le sue difficoltà e qui il discorso non é trovare come al solito qual'é la disciplina più difficile, bensi se "cambiando l'impugnatura vi sia un'altra reazione sulla bilia avversaria".

Il mio parere é che le reazioni della bilia avversaria dipendono da qualle rotazione ha la battente al momento del contatto.

Questa reazione posso variarla attaccando la battente in diversi punti o a quanto sembra nei birilli, impugnando la stecca in diversi modi.

Il risultato é lo stesso, basta che ognuno per se decida quale direzione prendere, quale sia per se la via più semplice da seguire e più facile da ripetere.

Mi piacerebbe sentire anche l'opinione in proposito di Gohst, Luigi e Laurindo (a cui causa ferie e lavoro, non ho ancora dato il benvenuto nel Forum, benvenuto )
:D  ;)

Buona giornata, anche se da noi ....piove :(
Gianni
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 2488
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 22 marzo 2004, 13:27
Località: Zurigo

Messaggioda Biagio999 » lunedì 25 luglio 2005, 8:23

Gianni _ mi permetto di risponderti io, anche se non sono titolato come i personaggi da te invitati. La reazione della battente a contatto con la sponda, trattandola nelle maniere in cui hai ben descritto, sono esattametne le stesse. Secondo il mio parere le variazioni dipendono molto dalla usura del panno, dal grado di umidità ecc.
Forse, le risposte saranno anche leggermente diverse (mio personalissimo parere) perchè voi del pool giocate con biglie ancora piu piccole e quindi negli attachi siete sempre piu vicini al centro e si sa, più vicini al centro siamo e meno variazioni otteniamo.
bye all
Biagio999
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 4368
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 3 marzo 2004, 13:48
Località: Parabita

PrecedenteProssimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Cenobio, Google [Bot], lo stratega e 9 ospiti

Login Form

Chi c’è in linea

In totale ci sono 12 utenti connessi :: 3 iscritti, 0 nascosti e 9 ospiti
Record di utenti connessi: 1297 registrato il domenica 12 giugno 2016, 22:21

Visitano il forum: Cenobio, Google [Bot], lo stratega e 9 ospiti