RSS Facebook Twitter

Sfaccio d'acchito

Tecnica, tattica, sistemi e materiali di gioco

Messaggioda martille » lunedì 18 luglio 2005, 16:08

No, è più facile di quanto non pensi.
martille
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 11351
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 13:54

Messaggioda berlui » lunedì 18 luglio 2005, 16:15

Accipicchia un forum come una chat!!
Grazie per la risposta immediata, questa sera provo.

Luigi.
berlui
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Master
 
Messaggi: 228
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 16 novembre 2004, 13:00
Località: Pescara

Messaggioda Roby » lunedì 18 luglio 2005, 16:41

Berlui, Martille ha ragione, aggiungerei: se vedi che fai fatica, nel senso che ti devi allungare troppo, tira la bilia verso di te di un tot ... e vedrai che sarai anche comodo nel tirare ...
ciao

Roby
Roby
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 3292
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 5 novembre 2003, 10:40
Località: Milano

Messaggioda infinito » lunedì 18 luglio 2005, 16:52

aggiungo una piccola cosa...sul panno nuovo la partenza la si deve anticipar di due tre punti e va giocato con un filo di effetto a favore...
infinito
Non connesso
Utente Naz-Pro
 
Messaggi: 764
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 10 novembre 2003, 2:12
Località: Lanciano

Messaggioda billy » mercoledì 20 luglio 2005, 13:17

Ho variato col tempo le modalita’ d’esecuzione  del tiro in questione,attualmente posiziono la battente all’altezza del  birillo bianco basso, all’interno della linea dei 10 di corta,il calcio della stecca passa a meta’ strada  fra il diamante dieci e l’angolo, ponte ad anello con pugno chiuso,attacco bassissimo con effetto su mezza palla, linea di mira della stecca tenuta orizzontale al piano di gioco verso il punto di avversaria a contatto del tappeto in linea con il birillo rosso,impugno la stecca(leggera) una decina di cm.piu’ vicino al punto di bilanciamento di quanto faccia in situazioni normali, tre veloci segate e un colpo di retro’senza penetrazione con finale di polso chiudendo la mano sull’impugnatura al contatto cuoio battente.

START(
%BX4T0%CG4D2%Eq7O6%GQ4M6%HC2N4%Is2N9%JC2P4%Ks1O7%Mr8T8%Nr2C6
%Op8O5%PY1T0%eC1b2
)END


Scritto Da - billy on 20 Luglio 2005  13:38:53
billy
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1212
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 1 aprile 2004, 13:56
Località: Lonato

Messaggioda infinito » mercoledì 20 luglio 2005, 14:50

billy...io facendo come fai tu, prendo nove volte su dieci rimpallo di seconda....come mai???
infinito
Non connesso
Utente Naz-Pro
 
Messaggi: 764
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 10 novembre 2003, 2:12
Località: Lanciano

Messaggioda billy » mercoledì 20 luglio 2005, 20:14

[quote]
billy...io facendo come fai tu, prendo nove volte su dieci rimpallo di seconda....come mai???


[/quote]
forse il mio puntale in legno flette e ammortizza di piu',
inclina un filo la stecca e diminuisci di "un niente" l'effetto.
billy
Non connesso
Utente Spirituale
 
Messaggi: 1212
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 1 aprile 2004, 13:56
Località: Lonato

Messaggioda infinito » mercoledì 20 luglio 2005, 20:50

ok provero come mi consigli tu...pero anche io avevo scavato sto tiro dal repertorio del mitico carlo e mi sembrava che andasse su sponda corta e poi lunga ...se nn ricordo male e lo adopera sopratutto sul panno nuovo ...
infinito
Non connesso
Utente Naz-Pro
 
Messaggi: 764
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 10 novembre 2003, 2:12
Località: Lanciano

Messaggioda barbanera » martedì 8 maggio 2007, 18:08

riprendo questa discussione, collegata con un'altra aperta da poco sul rimpallo per fare un po d'ordine, mi capita una cosa strana, in allenamento provo gli sfacci sia con partenza dall'angolo sia dal birillo, i primi 5-6 mi riescono alla perfezione, dopo comincio a sbagliare clamorosamente e in modo snervante rimpallo o scarseggio, sarà la stanchezza? con partenza dall'angolo con colpo in pancia ed effetto contro qual'è il punto palla in cui mirare  (come vi regolate con le luci del'avversaria, guardate la sponda)? e cosa ancora più importante la sbracciata come dev'essere (penetrata, bloccata, nervosa, maltrattare )? stesso discorso per partenza dal birillo con colpo sotto punto di mira e sbracciata please?
barbanera
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Master
 
Messaggi: 334
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 12 dicembre 2006, 12:59
Località:

Messaggioda Biagio999 » martedì 8 maggio 2007, 18:24

Messaggio inserito da barbanera

riprendo questa discussione, collegata con un'altra aperta da poco sul rimpallo per fare un po d'ordine, mi capita una cosa strana, in allenamento provo gli sfacci sia con partenza dall'angolo sia dal birillo, i primi 5-6 mi riescono alla perfezione, dopo comincio a sbagliare clamorosamente e in modo snervante rimpallo o scarseggio, sarà la stanchezza? con partenza dall'angolo con colpo in pancia ed effetto contro qual'è il punto palla in cui mirare  (come vi regolate con le luci del'avversaria, guardate la sponda)? e cosa ancora più importante la sbracciata come dev'essere (penetrata, bloccata, nervosa, maltrattare )? stesso discorso per partenza dal birillo con colpo sotto punto di mira e sbracciata please?


ecco, comincia intanto a non usare effetto contro. Tira senza effetto solo di retrò. Poi puoi limarlo, ma intano parti da li.

________________________________________          Io sono per le partite lunghe, interminabili. Io voglio vedere negli incontri la forza dei giocatori, la capacità di adattarsi al biliardo e al giocatore. La duttilità di gioco, ovvero passare dall'attacco alla difesa e saperlo fare e non subirlo. Mi piacerebbe che chi perde non abbia da recriminare alla fortuna o alla sfortuna.
Biagio999
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 4371
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 3 marzo 2004, 14:48
Località: Parabita

Messaggioda KIZER » martedì 8 maggio 2007, 18:28

scusa, che io sappia se si tira l'acchito col calcio della stecca fra il 10 e la buca in tre passate pulite si fa centro centro, mentre con tre e mezzo centro angolo.se invece il calcio è in buca con tre e mezzo si fa il centro centro.
L'allineamento in un modo o nell'altro dipende per lo più da stecca e sbracciata.Cifalà lo tira in quel modo perchè ha visto in allenamento che la sua meccanica di sbracciata da quella posizione gli dava quel risultato.Perciò ognuno deve provare in diversi punti con la sua sbracciata fino a che non ottiene un risultato soddisfacente e soprattutto REPLICABILE.
KIZER
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 134
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 4 luglio 2006, 11:05
Località:

Messaggioda barbanera » martedì 8 maggio 2007, 18:36

Messaggio inserito da Biagio999

Messaggio inserito da barbanera

riprendo questa discussione, collegata con un'altra aperta da poco sul rimpallo per fare un po d'ordine, mi capita una cosa strana, in allenamento provo gli sfacci sia con partenza dall'angolo sia dal birillo, i primi 5-6 mi riescono alla perfezione, dopo comincio a sbagliare clamorosamente e in modo snervante rimpallo o scarseggio, sarà la stanchezza? con partenza dall'angolo con colpo in pancia ed effetto contro qual'è il punto palla in cui mirare  (come vi regolate con le luci del'avversaria, guardate la sponda)? e cosa ancora più importante la sbracciata come dev'essere (penetrata, bloccata, nervosa, maltrattare )? stesso discorso per partenza dal birillo con colpo sotto punto di mira e sbracciata please?


ecco, comincia intanto a non usare effetto contro. Tira senza effetto solo di retrò. Poi puoi limarlo, ma intano parti da li.

________________________________________          Io sono per le partite lunghe, interminabili. Io voglio vedere negli incontri la forza dei giocatori, la capacità di adattarsi al biliardo e al giocatore. La duttilità di gioco, ovvero passare dall'attacco alla difesa e saperlo fare e non subirlo. Mi piacerebbe che chi perde non abbia da recriminare alla fortuna o alla sfortuna.
(partenza 55-60 di corta)ok ma che tipo di sbracciata ci vuole per togliere di mezzo la propria e non rimpallare
barbanera
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Master
 
Messaggi: 334
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 12 dicembre 2006, 12:59
Località:

Messaggioda effe77 » martedì 8 maggio 2007, 18:54

io lo sfaccio di colpo lo tiro solo se costretto, causa brutta conduzione della mia. preferisco tirare a scendere e devo dire che il panno nuovo mi da noia in questi casi. ma forse avevo il difetto di dare poco polso. da quando lo faccio ottengo risultati un pò migliori.

il punto palla credo sia personale e dipende dalla stecca e dalla sbracciata di ognuno. con l'effetto si modifica, sia pur di poco la traiettoria della biglia, che non sarà più dritta ma leggermente curva. tocca farci un pò l'abitudine e trovare il punto mira e punto di partenza esatti. ma l'effetto corregge eventuali piccoli errori, lasciando un margine minimo per fare comunque birilli.

il punto palla non lo guardo con le luci ma faccio lo stesso discorso valido per la dose di effetto sulla battente. divido mentalmente l'avversaria come fisse un orologio a lancette, e invece di mirare le luci miro, di volta in volta, uno  spicchio o un numero diverso.


°-°    °-°   °-°   °-°   °-°    °-°    °-°    °-°    °-°
siamo nuvole nel cielo e se il vento lo vorrà ci incontreremo
effe77
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 12632
(Cerca: tutti)

Iscritto il: lunedì 12 febbraio 2007, 17:12
Località: SALENTINO ad Ancona

Messaggioda gancio » martedì 8 maggio 2007, 18:56

io lo tiro largo perchè + vicino al castello rimpallo spesso,però tirando le 3 passate non riesco a controllare la mia,allora preferisco 1 passata e 1/2,e a goriziana la difesa è assicurata
gancio
Non connesso
Utente
 
Messaggi: 5
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 1 maggio 2007, 11:36
Località:

Messaggioda KIZER » martedì 8 maggio 2007, 20:35

scusate ma nello sfaccio d'acchito il punto palla è sempre quello.
In generale in quasi tutti gli sfacci la biglia impattata deve colpire la corta in maniera perpendicolare e poi grazie al taglio viene trasportata.Che uno parta stretto ,largo o dovunque il punto è sempre quello. il rimpallo può essere causato da una mira sbagliata, una forza troppo scarsa o da un puntale non va dritto o contro il taglio.Tutto qui in my humble opinion.
Per la steccata semplicemente di colpo sotto se di partenza stretta e pochissimo più su se è larga.E' inutile chiedere se va trattenuta o spinta la steccata, bisogna semplicemente provare ma la maggior parte delle volte l'errore non è nel tipo di steccata ma perchè semplicemente non si va dritti.
KIZER
Non connesso
Utente Senior
 
Messaggi: 134
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 4 luglio 2006, 11:05
Località:

PrecedenteProssimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 15 ospiti

Login Form

Chi c’è in linea

In totale ci sono 15 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 15 ospiti
Record di utenti connessi: 1297 registrato il domenica 12 giugno 2016, 23:21

Visitano il forum: Nessuno e 15 ospiti