RSS Facebook Twitter

Domandina sulla posizione

Tecnica, tattica, sistemi e materiali di gioco

Domandina sulla posizione

Messaggioda martille » sabato 30 aprile 2005, 2:13

Nella mia ricerca di una più o meno decente tecnica ho cercato di riflettere sui pro e i contro dei seguenti aspetti della postura.
Molti giocatori tendono a stare molto alti rispetto al piano di gioco mentre alti si "schiacciano" sul tavolo.
Provando ho notato nello specifico una certa difficoltà di mira stando alto, ma ho la sensazione di una steccata più fluida. Nella posizione più schiacciata è più facile traguardare il puntale, ma ho l'impressione che la posizione del gomito (più alta della spalla) porti a scomporsi nel momento in cui si sferra il tiro.
Giocando ad occhi chiusi, in effetti, ho la sensazione che se mi schiaccio sono meno preciso, prendo la palla avversaria leggermente sulla destra. Stando alto (ad occhi aperti) però non riesco a capire dove miro.

Chi mi può aiutare a capirci qualcosa di più?
martille
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 11351
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 13:54

Messaggioda amelie » sabato 30 aprile 2005, 7:36

Ciao Martille.
Premetto che non sono un'esperta e che la mia impostazione (come qualcuno ha dimostrato con tanto di foto qualche tempo fa :arrabbiato:  non è delle migliori...he!he! scherzo Claus e Luigi)
Io personalmente sui tiri frontali cerco di abbassarmi moloto per una visione migliore della porzione di palla (io sono anche piccolina quindi.... non mi costa molta fatica) naturalmente questo prevede anche un cambio di tutto il resto... gamba, piede, braccio, avambraccio... Nei tiri di sponda invece tendo a stare un po' più alta per una migliore visione generale delle traiettorie.
Naturalmente abbassarsi o alzarsi non è sufficiente, il tuo corpo deve seguire queste due situazioni. Dovresti riuscire a trovare la fluidità in entrambe le posizioni, spostare braccio e gambe fino a trovare la posizione ideale che ti permetta di essere fluido e allo stesso tempo preciso.
Questo credo è quello che dovresti fare....
Un bacione!


Sotto con gli allenamenti!
Amelie
amelie
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 9546
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 13 febbraio 2004, 19:53
Località: vicenza

Messaggioda luigi » sabato 30 aprile 2005, 11:57

Martille, come Tu stesso hai verificato stando molto bassi (snooker e pool insegnano) si mira meglio e quindi, di conseguenza, si è più precisi. Il fatto poi che il gomito venga a posizionarsi più in alto della spalla, di per sè (vedi appunto snooker e pool) non rappresenterebbe un problema, a patto che si adotti il movimento di solo avambraccio. Se invece, stando molto bassi, si usa un movimento di braccio, quindi con discesa del gomito, allora è vero che è assai facile scomporsi, vanificando il tutto (è forse questo il Tuo caso, com'è il Tuo movimento, braccio o avambraccio?). Ovviamente tutto è sempre soggettivo, se uno possiede "di suo" un colpo di stecca perfettamente rettilieno pur giocando "di braccio", avrà la quadratura del tutto, non dimetichiamo mai che il talento naturale... "aiuta", altroché se aiuta. Il problema, al di là del talento, potrebbe anche superarsi attraverso una propria particolare posizione del corpo e questa è una ricerca soggettiva che conviene fare. Però anche in mancanza di questo aiuto naturale o di una particolare impostazione, personalmente comunque consiglierei sempre (relativamente ai tiri in cui è richiesta massima precisione, di solito quelli frontali) di stare molto bassi, per non rinunciare ai vantaggi che offre questa postura in termini di precisione, cercando piuttosto, attraverso l'allenamento e la disciplina, di abbinarvi il movimento di solo avambraccio. Naturalmente nei tiri di sponda è assai meglio stare alti, si "vedono" meglio le traiettorie e poi se si gioca usando il riferimento dei diamanti, stando "su" si vedono, stando "giù" no, per cui... Concludo comunque sottolineando il fatto che, come si dice,: "la perfezione non è di questo mondo", per cui stando bassi, con movimento di avambraccio, si acquisisce precisione, ma si fatica in allungamento della steccata, si aumenta il rischio di "picchiare" la palla e si ha qualche difficoltà nella gestione della sensibilità e della  misurissima, per cui ci sono pro e contro. In ogni caso, malgrado ciò, io lo consiglierei assolutamente (per quanto riguarda la tipologia di tiri suddetta), sui nostri biliardi è sempre più imperativo "fare" e "sul fare" stare bassi aiuta e aiuta parecchio. A suffragio del concetto di stare bassi, faccio un esempio "venatorio": "La differenza fra stare bassi o alti al biliardo, è paragonabile a quella che c'è fra un cacciatore che spari tenendo il fucile appoggiato alla spalla e in linea con gli occhi o un'altro che invece tenga il fucile (a mò di pistola) vicino al fianco". Obiettivamente quale dei due direste che ha più probabilità di farsi una buona cenetta a base di polenta e... lepre?

PS Comunque, come dice giustamente amelie, non è un discorso solo di abbassare o alzare la testa, l'impostazione è un insieme a cui partecipa "tutto" il corpo, il quale si deve quindi muovere in armoia "totale".
luigi
Non connesso
Utente Super Spirituale
 
Messaggi: 1490
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 5 marzo 2004, 0:48
Località:

Messaggioda martille » sabato 30 aprile 2005, 13:20

Grazie pe le risposte
In effetti la mia domanda si inserisce in un lavoro di ricerca della posizione ottimale che mi permetta il miglior "gesto tecnico" possibile. Purtroppo il tutto lo faccio da solo, quindi, quando ho una perplessità non mi resta altra alternativa che chiedere lumi al forum in quanto in sala ricerche del genere sono più derise che apprezzate, vige il "se questa è la tua posizione perchè cambiare". Io sono fermamente convinto che i miglioramenti devono necessariamente passare per una pulizia della tecnica e perseguo caparbiamente questa strada.

Di seguito scrivo come mi imposto, se poteste indicarmi dove intervenire ve ne sarei grato.

Guardo le bilie da lontano e mi pongo nella direzione del tiro, mi avvicino e mi imposto con gamba sinistra semi flessa e destra rigida. Faccio cadere la mano destra sul piede destro, sbraccio (spero) di avambraccio e cerco di chiudere il tiro senza scomporre spalla e gomito. Mantengo per un po' la posizione a tiro finito.

Ho dovuto combattere con il vizio di sollevare il busto al momento del tiro, ma, almena questa battaglia, pare che l'ho vinta.

Eventuali consigli sono ultrastraarci benvenuti.

Grazie a tutti
Maurizio
martille
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 11351
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 13:54

Messaggioda Claus72 » sabato 30 aprile 2005, 15:23

Prova a filmarti (o a farti filmare): di fronte dal lato di brandeggio e...dall'alto (questa è dura  ;) ). Ti servirà parecchio e se lo condividi ti possiamo dare qualche consiglio extra.

________________________
No es la adversidad la que separa los seres, sino el crecimiento... Pablo Neruda
Claus72
Non connesso
Avatar utente
Moderatore
 
Messaggi: 3130
(Cerca: tutti)

Iscritto il: domenica 21 dicembre 2003, 22:29
Località: Santo Domingo

Messaggioda martille » sabato 30 aprile 2005, 18:26

Ottima idea, se trovo chi collabora provo a farlo.
Con l'arco lo facevo spesso, ed in effetti rivedersi da ottimi spunti.
martille
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 11351
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 13:54

Messaggioda GHOST » domenica 1 maggio 2005, 0:55

ti posso dare le informazioni tecniche di come dovrebbe essere l'impostazione dal punto di vista dei miei studi negli anni di gioco: si deve fare tutto come se si stesse camminando normalmente verso la palla avversaria e arrestarsi di fronte alla battente quindi quindi fare un passo a 45° verso sx e abbassarsi sul tiro, qui si dovrebbe avere la gamba dx, a 90° col terreno, la schiena, a 45° col campo di gioco, il bracciosx, a 45° col campo e l'avambraccio dx,a 90° con la stecca,se riesci a fare cio puoi diventare un buon GEOMETRA. scherzi a parte secondo me questa e' l'impostazione ottimale.  :)

G B
GHOST
Non connesso
Utente Naz-Pro
 
Messaggi: 672
(Cerca: tutti)

Iscritto il: martedì 16 marzo 2004, 15:03
Località:

Messaggioda luigi » domenica 1 maggio 2005, 1:26

Caro Martille, se alcune volte ho detto di aver trovato fra gli Amici del Forum, alcuni coi quali mi sentivo "fratello", nel Tuo caso dovrei dire "gemello". Tu dici: "Io sono fermamente convinto che i miglioramenti devono necessariamente passare per una pulizia della tecnica e perseguo caparbiamente questa strada". Ebbene, ho anch'io la Tua stessa identica convinzione e aggiungo che su "questa strada", "caparbiamente", ci sto da almeno qualche anno. Aggiungo anche che quando nel Forum ho proposto certi argomenti di discussione (vedi, fra gli altri, il "famigerato 30%"), il vero motivo di fondo, era proprio quello del voler far notare come in altre discipline del biliardo c'è una costante, precisa e rigorosa ricerca e rispetto assoluto di una perfetta "pulizia della tecnica esecutiva", la quale si traduce appunto nel "miglior gesto tecnico possibile" e alla cui base fondamentale vi è, almeno per me, appunto "l'impostazione", sulla quale poi vanno ad innestarsi altre particolarità complementari. In questo momento è troppo tardi per entrare nel dettaglio del Tuo post, ma lo farò a breve, per intanto non faccio altro che confermarti che il suggerimento di Claus è sicuramente valido e aggiungo anche che una "vera scuola di biliardo" non dovrebbe mai prescindere dal mettere a disposizione degli allievi una video camera... sempre se si tratta di una scuola fatta come si deve (o si "dovrebbe") fare. Oddio, certo è molto più facile e meno costoso, insegnare dei... "sistemi". Aggiungo anche una piccola annotazione, non fissarti troppo su elementi, per così dire, "assoluti", nel senso del: "mano destra che cade sul piede destro", non è detto che sia sempre così o che "debba" essere sempre così... le variabili sono tante ed ognuna, in ultima analisi, deve pur sempre fare i conti con la soggettività del singolo, per cui non ci possono essere regole troppo rigidamente "fisse", la cosa migliore è quella di sperimentare ogni variabile e vedere cosa essa produce sul... tavolo.
Buona notte e Buona domenica.

PS Anche del fatto di tenere la gamba destra rigida non ne fari un dogma assoluto. Dipende dalla Tua statura e, di conseguenza, dalla sensazione di comodità che te ne deriva. Metto queste piccole annotazioni anche per dirti quanto la strada sia impervia e incerta, in quanto ci sta tutto ed il contrario di tutto, malgrado questo però, anche dopo anni di altanelanti risultati, personlmente, resto sempre convinto che questa sia una Buona Strada.






Scritto Da - luigi on 01 Maggio 2005  10:18:50
luigi
Non connesso
Utente Super Spirituale
 
Messaggi: 1490
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 5 marzo 2004, 0:48
Località:

Messaggioda Roby » lunedì 2 maggio 2005, 12:57

[quote]
... Io personalmente sui tiri frontali cerco di abbassarmi moloto per una visione migliore della porzione di palla ...
... Nei tiri di sponda invece tendo a stare un po' più alta per una migliore visione generale delle traiettorie....
[/quote]
In effetti Dolce Amelie hai perfettamente ragione, quando ti abbassi molto la "visione" del "mondo" pardon "mondi" e' a dir poco paradisiaca ...
x contro nei tiri di sponda non e' assolutamente vero che alzandoti si ha una migliore visione delle traiettorie ...
Secondo me dovresti abbassarti almeno in egual misura ... ti garantisco che si vedono le "traiettorie" che e' uno spettacolo ...

:D  :vodoo:  ;)  :ok: ImmagineImmagineImmagine

Roby
Roby
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 3292
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 5 novembre 2003, 10:40
Località: Milano

Messaggioda martille » lunedì 2 maggio 2005, 14:38

Qundi stando alla teoria di Roby, la posizione corretta per le signore è schiacciati sul tavolo, per i maschietti piuttosto alti.
Interessante teoria, in un certo qual modo basata sulla "FISICA"
:D  :D  :D  :D
martille
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 11351
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 13:54

Messaggioda crissi5000 » mercoledì 4 maggio 2005, 1:48

Secondo me a Roby piace che le signorine siano + abbassate sul biliardo o no......forse .......le piace guardarle......
crissi5000
Non connesso
Utente Super Master Pro
 
Messaggi: 471
(Cerca: tutti)

Iscritto il: sabato 13 novembre 2004, 0:03
Località: Lipari

Messaggioda Bruce » venerdì 13 maggio 2005, 9:58

[quote]
Secondo me a Roby piace che le signorine siano + abbassate sul biliardo o no......forse .......le piace guardarle......


[/quote]

E non solo quello......

* LE FORZE SONO FORZE *
Bruce
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 3725
(Cerca: tutti)

Iscritto il: giovedì 23 settembre 2004, 14:38
Località: Monza

Messaggioda Roby » lunedì 16 maggio 2005, 11:07

Ben detto Bruce ...

Roby
Roby
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 3292
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 5 novembre 2003, 10:40
Località: Milano

Messaggioda Roby » lunedì 16 maggio 2005, 11:08

Certo che pero' la dolce Amelie avrebbe potuto dire la sua anziche' starsene li a guardare senza parlare ...

Roby
Roby
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Sajan
 
Messaggi: 3292
(Cerca: tutti)

Iscritto il: mercoledì 5 novembre 2003, 10:40
Località: Milano

Messaggioda dffmade » giovedì 20 aprile 2006, 8:35

per ritirarla fuori...

---
Il pool è bellissimo.
I trik shots sono meglio.
La carambola è un casino!!!

Dffmade
dffmade
Non connesso
Avatar utente
Utente Super Spirituale
 
Messaggi: 1700
(Cerca: tutti)

Iscritto il: venerdì 6 febbraio 2004, 4:44
Località: Milano



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 17 ospiti

Login Form

Chi c’è in linea

In totale ci sono 17 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 17 ospiti
Record di utenti connessi: 1297 registrato il domenica 12 giugno 2016, 23:21

Visitano il forum: Nessuno e 17 ospiti